Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2008/7/3/The-Pianist-Poster-Francia_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Festival di Cannes 2012, vincitori e vinti delle ultime 10 edizioni

Festival di Cannes 2012, vincitori e vinti delle ultime 10 edizioni

Di Leotruman

Ultimi preparativi sulla Croisette. Il tappeto rosso sta per essere srotolato e questa sera la 65esima edizione del Festival di Cannes prenderà il via con la proiezione di Moonrise Kingdomnuova pellicola del malinconico regista Wes Anderson.

Tanti, tantissimi i film attesi come Cosmopolis di David Cronenberg,  Lawless di John Hillcoat, On The Road, Paperboy, ma anche il nostro Matteo Garrone (Gomorra) con Reality.

Cogliamo l’occasione per un breve ripasso dando un’occhiata alle ultime 10 edizioni della manifestazione, esaminando insieme vincitori e vinti, pellicole che dovevano sfondare e sono state ignorate, e film che hanno sorpreso tutti finendo pure alla notte degli Oscar! Ricordo che l’ultimo film italiano a vincere la Palma d’oro è stato Nanni Moretti nel 2001 con La Stanza del Figlio: il regista è il presidente della Giuria di quest’anno!

The Pianist Poster Francia

  • 2002
PALMA D’ORO: Il Pianista (Roman Polanski),

VINCITORI MORALI: Bowling a Columbine (Michael Moore), L’uomo senza passato (Aki Kaurismaki)

Una vera e propria anticamera degli Oscar l’edizione del 2002. Il film di Roman Polanski vinse non solo la Palma d’oro, ma anche tre importanti Oscar (regia, attore e sceneggiatura). Un vero e proprio successo globale, così come per Bowling a Columbine, film che fece conoscere il regista Michael Moore a tutto il mondo:  il documentario incassò anche 58 milioni di dollari e vinse l’Oscar. Kaurismaki si portò invece a casa due premi, gran Premio della Giuria e Attrice. Ubriaco d’Amore di Paul Thomas Anderson e Spider di Cronenberg raccolsero consensi contrastanti.

  • 2003

PALMA D’ORO: Elephant di Gus Van Sant

VINCITORI MORALI: Le invasioni barbariche (Denys Arcand), Mystic River (Clint Eastwood), Dogville (Lars von Trier)

Mattattore assoluto dell’edizione il bellissimo Elephant di Gus Van Sant, che eccezionalmente vinse anche il premio per la Miglior Regia (a Cannes normalmente non si può): il film venne poi completamente snobbato agli Oscar. Una statuetta (miglior Film Straniero) la vinse invece Le Invasioni Barbariche, mentre Clint Eastwood con Mystic River (2 Oscar, 160 milioni di incasso) iniziò il suo periodo d’oro. Dogville non vinse nulla, ma da molti è considerato il vero capolavoro di Lars Von Trier. Snobbato completamente l’Italia con Il Cuore Altrove di Pupi Avati.

  • 2004

PALMA D’ORO: Fahrenheit 9/11 (Michael Moore)

VINCITORI MORALI: Old Boy (Park Chan-Wook), I Diari della Motocicletta (Walter Salles), Shrek 2

Può un documentario essere il vincitore della Palma d’Oro che negli Stati Uniti ha incassato più di tutti? Evidentemente sì: il nuovo film di Michael Moore sorprese tutti vincendo il Festival (fu Tarantino a premiarlo) e incassato oltre 220 milioni in tutto il mondo. Quello del 2004 è stato anche il festival di Old Boy, pellicola universalmente acclamata (Gran Premio della Giuria), ma anche de I Diari della Motocicletta e soprattutto di Shrek 2, cartoon in concorso che venne apprezzato da critica e pubblico e si impose come miglior incasso dell’anno. Nonostante il premio (ex-equo) della Giuria, The Ladykillers dei Coen non è uno dei film migliori della coppia, e anche 2046 di Wong Kar-wai non raccolse i consensi sperati alla vigilia. Paolo Sorrentino iniziò a farsi conoscere con il suo Le Conseguenze dell’Amore.

Old Boy Teaser Poster

  • 2005

PALMA D’ORO: L’Enfant – Una storia d’amore (Jean-Pierre e Luc Dardenne)

VINCITORI MORALI: A History of Violence (Cronenberg), Sin City (Robert Rodriguez), Le Tre Sepolture (Tommy Lee Jones)

A sei anni da Rosetta, il Festival viene nuovamente vinto dai Dardenne, ma l’edizione del 2005 la ricordiamo soprattutto per il bellissimo film di Cronenberg, che iniziò il suo sodalizio con Viggo Mortensen, per le Tre Sepolture di Tommy Lee Jones (anche miglior Attore), e per l’incredibile Sin City, che incassò 160 milioni in tutto il mondo. Quell’anno furono invece Gus Van Sant e Lars von Trier a non convincere pienamente con i loro Last Days e Manderlay. L’Italia era in gara con il sottovalutato Quando sei nato non puoi più nasconderti di Marco Tullio Giordana.

  • 2006

PALMA D’ORO:  Il vento che accarezza l’erba (Ken Loach)

VINCITORI MORALI: Babel (Alejandro González Iñárritu), Volver (Pedro Almodóvar), Il labirinto del fauno (Guillermo Del Toro)

Sarà anche uno splendido film, ma in pochissimi si ricordano il vincitore del 2006 diretto da Ken Loach. Quella è stata l’edizione soprattutto di Babel (7 nomination agli Oscar), di Almodovar con il suo Volver (oscar sfiorato per Penelope Cruz) e Il Labirinto del Fauno, capolavoro assoluto di Guillermo del Toro e vincitore di tre Oscar “tecnici”. Flop assoluti la Marie Antoinette di Sofia Coppola e Southland Tales di Richard Kelly, mentre Il Caimano e l’Amico di Famiglia (Moretti e Sorrentino) non riuscirono a distinguersi.

  • 2007

PALMA D’ORO: 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni di Cristian Mungiu

VINCITORI MORALI: Non è un paese per vecchi (Coen), Paranoid Park (Van Sant), Persepolis (Marjane Satrapi)

La giuria trasformò l’edizione del 2007 in una delle meno memorabili. Vinse la Romania con 4 mesi, 3 settimane e 2 giorni, il sopravvalutato Julian Schnabel arrivò addirittura ad essere nominato all’Oscar per la Miglior Regia. Meglio ricordarla per Paranoid Park (premio speciale del 60esimo) e per Persepolis, splendido film animato che ricordiamo ancora oggi (agli Oscar non riuscì a superare Ratatouille).
Incredibilmente snobbato dal Festival Non è un paese per Vecchi dei Coen, 4 Oscar tra cui Miglior Film e ricchi incassi in tutto il mondo. A mani vuote anche Tarantino (Grindhouse) e Kar-Wai (un Bacio Romantico). Nessun italiano in gara.

Non è un paese per vecchi Poster Italia

  • 2008

PALMA D’ORO: La classe – Entre les murs (Laurent Cantet)

VINCITORI MORALI: Gomorra (Garrone), Il Divo (Sorrentino), Changeling (Clint Eastwood)

Dopo 20 anni torna a vincere la Francia con La Classe, ma il 2008 lo ricordiamo per i trionfi italiani. Più che i riconoscimenti che vinsero Gomorra e il Divo in tutto il mondo, le pellicole di Garrone e Sorrentino raccolsero consensi praticamente unanimi e recensioni entusiastiche. Gomorra finì in molte top-ten dell’anno, ma non riuscì ad andare agli Oscar (5 gli European Awards). Il bellissimo Changeling di Eastwood vinse il premio speciale (la Jolie nominata agli Academy), e non ricordiamo altri film in particolare (il Che di Soderberg non riuscì a convincere).

  • 2009

PALMA D’ORO: Il nastro bianco (Michael Haneke)

VINCITORI MORALI: Bastardi senza Gloria (Tarantino), Il profeta (Jacques Audiard)

Il Nastro Bianco fu nominato a due Oscar senza riuscire a vincere la statuetta (Il Segreto dei suoi Occhi lo superò all’ultimo). Ricordiamo anche il bellissimo Il Profeta, ma senza dubbio è Bastardi senza Gloria il film più memorabile di quell’edizione. Un solo premio a Christoph Waltz (che poi ne vinse altri 200, compreso l’Oscar), ma il film di Tarantino riuscì ad incassare 320 milioni in tutto il mondo, ad essere nominato ad otto Oscar e a convincere pubblico e critica. Fu UP ad aprire ed incantare la manifestazione, primo film in 3D a farlo.

  • 2010

PALMA D’ORO: Lo zio Boonmee che si ricorda le vite precedenti

VINCITORI MORALI: Uomini senza Legge (Bouchareb), Biutiful (Alejandro González Iñárritu), La Nostra Vita (Daniele Luchetti)

Un’altra edizione non particolarmente memorabile, partita male già dalla proiezione d’apertura di Robin Hood (che in Italia tuttavia fu un successo). Il vincitore non so quanti di voi se lo ricordano, mentre Uomini senza Legge e Biutiful raccolsero diversi consensi in tutto il mondo. Noi italiani ricordiamo piacevolmente il 2010 perché Elio Germano (La Nostra Vita) vinse il premio come Miglior Attore, condividendolo con il grandissimo Javier Bardem.

The Artist Jean Dujardin Bérénice Bejo - Foto 1

  • 2011

PALMA D’ORO: The Tree of Life (Terrence Malick)

VINCITORI MORALI: The Artist (Hazanavicious), Drive (Winding Refn), Melancholia (Lars Von Trier), This Must be the Place (Sorrentino), e altri…

La migliore edizione dell’ultima decade, una vera e propria fucina di riconoscimenti e premi sparsi poi per tutto il 2011. Importante riconoscimento anche alla carriera per il regista texano Terrence Malick ed il suo The Tree of Life (nominato anche agli Oscar), anche se la vera sorpresa è stato The Artist: il film muto francese colpì tutti al festival e continuò a raccogliere consensi per tutto l’anno fino alla consacrazione di fine febbraio, quando alla notte degli Oscar vinse 5 importantissime statuette tra cui miglior film, regia e attore (Jean Dujardin). Colpo di fulmine del Festival: Drive con Ryan Gosling, sottovalutato dall’Academy ma in cima alla lista delle più importanti pellicole dell’anno.

Melocholia ha pagato il prezzo dello scandalo nazi di Lars von Treir, ma si è aggiudicato il premio per la miglior attrice (Dunst) nonché l’Oscar europeo. Buoni riconoscimenti anche per This Must Be the Place di Sorrentino (ottimi incassi in Italia). Da ricordare anche Habemus Papam, Miracolo a Le Havre e Il Ragazzo con la Bicicletta.

Quale edizione ricordate con più affetto? Chi vincerà quest’anno?

Tornate a trovarci in giornata per nuovi articoli di introduzione al Festival e per la recensione del film d’apertura, Moonrise Kingdom. Potete rimanere aggiornati sulla 65esima edizione del Festival di Cannes cliccando MI PIACE sul riquadro sottostante.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Black Adam e la JSA sulla cover di Total Film 13 Agosto 2022 - 19:00

La nuova cover di Total Film è dedicata a Black Adam, il film diretto da Jaume Collet-Serra che vede Dwayne Johnson nel ruolo dell’antieroe DC.

Lessons In Chemistry: Lewis Pullman e Beau Bridges nel cast della serie Apple con Brie Larson 13 Agosto 2022 - 17:00

Apple TV+ ha anche diffuso le prime due immagini della serie, tratta dal romanzo Lezioni di chimica di Bonnie Garmus

Horizon: Sienna Miller e Sam Worthington nel nuovo film di Kevin Costner 13 Agosto 2022 - 15:00

Nel cast del film, sulla colonizzazione del West, anche Jamie Campbell Bower di Stranger Things 4

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?

Prey: il film “Predator contro i Comanche”, fortunatamente, fa il suo 3 Agosto 2022 - 18:01

E ci riesce ribaltando in continuazione i concetti di preda e predatore. Le nostre impressioni sul prequel di Predator, in uscita il 5.

MCU, perché è molto importante aver annunciato due nuovi film degli Avengers 25 Luglio 2022 - 10:06

Quello che mancava nell'MCU: una nuova pianificazione, per i prossimi tre anni, con due film degli Avengers in chiusura.