L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Avengers, la recensione in anteprima! (Spoiler FREE)

Di Leotruman

The Avengers Poster ItaliaRegia: Joss Whedon
Cast: Robert Downey Jr., Chris Hemsworth, Scarlett Johansson, Samuel Leroy Jackson, Chris Evans, Jeremy Renner, Mark Ruffalo, Clark Gregg, Cobie Smulders, Stellan Skarsgård, Tom Hiddleston
Durata: 2h 15m
Anno: 2012

Quando Loki, fratellastro di Thor, arriva sulla Terra con forte sete di vendetta e pronto a conquistare il pianeta, Nick Fury, l’uomo a capo dello S.H.I.E.L.D., dovrà reclutare una squadra composta dai migliori supereroi. Tra questi Iron ManCaptain AmericaThorHulk, Vedova Nera e Occhio di Falco.

LA RECENSIONE È PRIVA DI SPOILER SULLA TRAMA.

The Avengers è il Cinecomic per eccellenza, il sogno di ogni fan dell’universo Marvel divenuto realtà. Un tripudio di supereroi riuniti per la prima volta insieme in un’unica pellicola, piena zeppa di citazioni più o meno esplicite, ma allo stesso tempo adatta ad ogni genere di pubblico.

Tanti i dubbi fin dall’annuncio del progetto: come riuscire a mettere insieme tanti galli nello stesso pollaio senza strafare, o peggio senza rispettare l’essenza e l’individualità di ogni supereroe garantendo allo stesso tempo un corretto sviluppo narrativo per ognuno?

Sembra incredibile ma il regista Joss WhedonZak Penn e la banda dei Marvel Studios ci sono riusciti, e con pochissime riserve.

La prima scena, un po’ troppo didascalica, non deve ingannare. Segue un incipit che ci catapulta direttamente nella storia, senza perdere tempo in lungaggini. Il ritmo è subito elevatissimo, grazie all’arrivo di Loki (Tom Hiddleston), inquietante e shakesperiano. Dopo pochi minuti ecco la prima GROSSA sorpresa, e capiamo subito che i trailer visti negli scorsi mesi o le numerose clip sono stati solo fumo negli occhi. I realizzatori sono riusciti realmente nel loro intento, quello di preservare la pellicola da pericolosi spoiler, garantendo un elevatissimo grado di sorpresa che arriva proprio dai personaggi che meno ti aspetti.

Il primo twist narrativo è allo stesso tempo illuminante: aiuta a comprendere che realmente non ci saranno personaggi minori o sottoutilizzati, magari a favore unicamente di un Tony Stark mattacchione, e ci dobbiamo aspettare di tutto (e così succede e meglio fermarsi qui).

I cinecomic usciti in precedenza hanno posto le ottime basi su cui sviluppare questo cross-over, e i protagonisti sembra di conoscerli da sempre. Abbiamo il risoluto Captain America (Chris Evans), pronto a mettersi sempre in gioco non facendosi distrarre dal futuristico mondo nel quale è stato catapultato, il furbo Tony Stark (Robert Downey Jr.), sempre con la battuta pronta (“Fa la tua mossa piccolo cervo!” rivolta a Loki) e serissimo nel risolvere problemi con grande praticità. C’è anche Vedova Nera (Scarlett Johansson), la spia venuta dal freddo con un passato tormentato e misterioso (soprattutto per i non-esperti Marvel), e finalmente un VERO Hulk: senza nulla togliere ad Eric Bana o a Edward Norton, Mark Ruffalo è il primo mostro verde decente a comparire sul grande schermo, in tutta la sua umanità e mostruosità (CGI molto convincente).

Thor (Chris Hemsworth) è l’ultimo a comparire, e ci mette un po’ più ad ingranare, ma i confronti con il fratellastro sono decisivi. Focalizzandoci un attimo su Loki, il sospetto che avevo si è rivelato corretto: è il villain della pellicola, ma non c’è solo lui (e non mi riferisco ai Chitauri, e anche qui preferisco fermarmi per non spoilerare). Non in tutte le scene è sufficientemente carismatico, ma ci sono almeno un paio di sequenze, in particolare un dialogo con Vedova Nera, che definirei disturbante. Non è un caso che Hiddleston, nato e cresciuto a pane e teatro, emerga nelle scene più intime rispetto a quelle d’azione.

The Avengers Chris Evans Rober Downey Jr foto dal film 1

Veniamo Joss Whedon, papà di Buffy ma anche scrittore di fumetti. Molti i timori a priori sulla sua regia, considerando la “scarsa” esperienza dietro la macchina da presa, eppure ha saputo proporre un suo stile ben distinto e nidito. Scene d’azione lucidissime, riprese “lunghe” collegate da un montaggio per nulla scattoso, con zoomate digitali e altri espedienti registici godibili. Un po’ troppo televisivo nella prima parte, sorprendente nelle scene sull’Helicarrier (c’è TANTISSIMO Helicarrier, preparatevi!) e nella battaglia di New York, anche questa diversa dall’atteso o almeno rispetto alle clip viste.

Sul 3D sentirete certamente pareri discordi, ormai sempre più soggettivo. Sono un fan del 3D alla James Cameron, quindi profondo ed empatico senza mai rubare la scena ad attori o narrazione. Il 3D di The Avengers è più concreto e tangibile, e questo renderà contenti gli spettatori più esigenti che si lamentano spesso di un effetto tridimensionale impercettibile. Tanti i piani di profondità, tanti gli elementi che escono dallo schermo senza essere dei veri e proprio pop-up. Durante la visione stessa della pellicola mi sono reso conto più che mai di una realtà ormai evidente: 3D e 2D non possono essere interscambiabili o attivabili a piacere con un pulsante sul telecomando.

Una pellicola per uscire con un 3D soddisfacente deve essere impostata fin dalla fase di sviluppo in tre dimensioni, che sia poi girata direttamente in 3D o riconvertita in post-produzione (come in The Avengers, qualitativamente ineccepibile secondo il mio modesto parere). I pregi di un 3D fatto bene hanno però un prezzo, che corrispondono ad una visuale di schermo ridotta, un campo più piccolo e denso dove si è immersi completamente, ma allo stesso tempo nel quale è difficile notare realmente ogni suo elemento: si procede per priorità, e gli elementi in una schermata 3D hanno diversi gradi di priorità, rischiando quindi cogliere solo una minima parte della scena proprio perché impostata così. Comprendo più che mai il recente discorso di Christopher Nolan, schierato completamente a favore del 2D e in particolare del formato IMAX. L’uno e l’altro non possono coesistere, e solo scegliendo e sviluppando uno dei due formati si può fornire allo spettatore il massimo spettacolo possibile senza ingannarlo.

The Avengers, in conclusione, è un film divertente e appassionante. I fan Marvel impazziranno di gioia, ma riuscirà allo stesso a piacere ad un pubblico estremamente trasversale. Tanti discuteranno se sia o meno il miglior cinecomic mai realizzato, e io mi devo fermare prima di tale affermazione. Perché con tutti suoi pregi e le sue sorprese, rimane un blockbuster dal sapore di un giocattolo. Splendida fattura, storia e personaggi convincenti, ma siamo lontani dalle vette autoriali raggiunti per esempio da Sam Raimi nel suo Spider-man 2. Sono state fatte delle scelte molto intelligenti con The Avengers, ed è stato evitato un temibile pasticcio: accontentarsi è dire poco, ma non si può avere tutto da un’unica pellicola (soprattutto da un cinecomic di questa portata).

Voto: 7.5

The Avengers, farà il suo ingresso nelle sale italiane il 25 aprile 2012 e sarà distribuito dalla The Walt Disney Company ItaliaQui trovate il sito italiano del film. Vi ricordiamo che per maggiori informazioni potete consultare il canale Youtube Marvel Italy o il nostro Blog Tematico.

Cinema chiusi, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Serial Chiller: intervista a Stefano Benassi, doppiatore di Derek Shepherd, Luke Danes e altri personaggi iconici 3 Dicembre 2020 - 18:00

Nel nuovo episodio di Serial Chiller, intervistiamo Stefano Benassi: doppiatore, direttore del doppiaggio e attore. Ha doppiato personaggi iconici come Derek Shepherd e Luke Danes.

Do Do Sol Sol La La Sol, da oggi su Netflix la serie su una pianista prodigio 3 Dicembre 2020 - 17:40

Il K-drama Do Do Sol Sol La La Sol arriva oggi su Netflix Italia, siete pronti a seguire le disavventure della pianista prodigio Gu Ra-ra?

Le terrificanti avventure di Sabrina: il trailer della Parte 4, dal 31 dicembre su Netflix 3 Dicembre 2020 - 17:05

La serie si concluderà con otto episodi in arrivo a fine mese

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.