Condividi su

21 aprile 2012 • 00:00 • Scritto da Leotruman

The Avengers, la recensione in anteprima! (Spoiler FREE)

The Avengers è uno dei kolossal più attesi di sempre. Ecco il nostro commento in anteprima:
Post Image
50

The Avengers Poster ItaliaRegia: Joss Whedon
Cast: Robert Downey Jr., Chris Hemsworth, Scarlett Johansson, Samuel Leroy Jackson, Chris Evans, Jeremy Renner, Mark Ruffalo, Clark Gregg, Cobie Smulders, Stellan Skarsgård, Tom Hiddleston
Durata: 2h 15m
Anno: 2012

Quando Loki, fratellastro di Thor, arriva sulla Terra con forte sete di vendetta e pronto a conquistare il pianeta, Nick Fury, l’uomo a capo dello S.H.I.E.L.D., dovrà reclutare una squadra composta dai migliori supereroi. Tra questi Iron ManCaptain AmericaThorHulk, Vedova Nera e Occhio di Falco.

LA RECENSIONE È PRIVA DI SPOILER SULLA TRAMA.

The Avengers è il Cinecomic per eccellenza, il sogno di ogni fan dell’universo Marvel divenuto realtà. Un tripudio di supereroi riuniti per la prima volta insieme in un’unica pellicola, piena zeppa di citazioni più o meno esplicite, ma allo stesso tempo adatta ad ogni genere di pubblico.

Tanti i dubbi fin dall’annuncio del progetto: come riuscire a mettere insieme tanti galli nello stesso pollaio senza strafare, o peggio senza rispettare l’essenza e l’individualità di ogni supereroe garantendo allo stesso tempo un corretto sviluppo narrativo per ognuno?

Sembra incredibile ma il regista Joss WhedonZak Penn e la banda dei Marvel Studios ci sono riusciti, e con pochissime riserve.

La prima scena, un po’ troppo didascalica, non deve ingannare. Segue un incipit che ci catapulta direttamente nella storia, senza perdere tempo in lungaggini. Il ritmo è subito elevatissimo, grazie all’arrivo di Loki (Tom Hiddleston), inquietante e shakesperiano. Dopo pochi minuti ecco la prima GROSSA sorpresa, e capiamo subito che i trailer visti negli scorsi mesi o le numerose clip sono stati solo fumo negli occhi. I realizzatori sono riusciti realmente nel loro intento, quello di preservare la pellicola da pericolosi spoiler, garantendo un elevatissimo grado di sorpresa che arriva proprio dai personaggi che meno ti aspetti.

Il primo twist narrativo è allo stesso tempo illuminante: aiuta a comprendere che realmente non ci saranno personaggi minori o sottoutilizzati, magari a favore unicamente di un Tony Stark mattacchione, e ci dobbiamo aspettare di tutto (e così succede e meglio fermarsi qui).

I cinecomic usciti in precedenza hanno posto le ottime basi su cui sviluppare questo cross-over, e i protagonisti sembra di conoscerli da sempre. Abbiamo il risoluto Captain America (Chris Evans), pronto a mettersi sempre in gioco non facendosi distrarre dal futuristico mondo nel quale è stato catapultato, il furbo Tony Stark (Robert Downey Jr.), sempre con la battuta pronta (“Fa la tua mossa piccolo cervo!” rivolta a Loki) e serissimo nel risolvere problemi con grande praticità. C’è anche Vedova Nera (Scarlett Johansson), la spia venuta dal freddo con un passato tormentato e misterioso (soprattutto per i non-esperti Marvel), e finalmente un VERO Hulk: senza nulla togliere ad Eric Bana o a Edward Norton, Mark Ruffalo è il primo mostro verde decente a comparire sul grande schermo, in tutta la sua umanità e mostruosità (CGI molto convincente).

Thor (Chris Hemsworth) è l’ultimo a comparire, e ci mette un po’ più ad ingranare, ma i confronti con il fratellastro sono decisivi. Focalizzandoci un attimo su Loki, il sospetto che avevo si è rivelato corretto: è il villain della pellicola, ma non c’è solo lui (e non mi riferisco ai Chitauri, e anche qui preferisco fermarmi per non spoilerare). Non in tutte le scene è sufficientemente carismatico, ma ci sono almeno un paio di sequenze, in particolare un dialogo con Vedova Nera, che definirei disturbante. Non è un caso che Hiddleston, nato e cresciuto a pane e teatro, emerga nelle scene più intime rispetto a quelle d’azione.

The Avengers Chris Evans Rober Downey Jr foto dal film 1

Veniamo Joss Whedon, papà di Buffy ma anche scrittore di fumetti. Molti i timori a priori sulla sua regia, considerando la “scarsa” esperienza dietro la macchina da presa, eppure ha saputo proporre un suo stile ben distinto e nidito. Scene d’azione lucidissime, riprese “lunghe” collegate da un montaggio per nulla scattoso, con zoomate digitali e altri espedienti registici godibili. Un po’ troppo televisivo nella prima parte, sorprendente nelle scene sull’Helicarrier (c’è TANTISSIMO Helicarrier, preparatevi!) e nella battaglia di New York, anche questa diversa dall’atteso o almeno rispetto alle clip viste.

Sul 3D sentirete certamente pareri discordi, ormai sempre più soggettivo. Sono un fan del 3D alla James Cameron, quindi profondo ed empatico senza mai rubare la scena ad attori o narrazione. Il 3D di The Avengers è più concreto e tangibile, e questo renderà contenti gli spettatori più esigenti che si lamentano spesso di un effetto tridimensionale impercettibile. Tanti i piani di profondità, tanti gli elementi che escono dallo schermo senza essere dei veri e proprio pop-up. Durante la visione stessa della pellicola mi sono reso conto più che mai di una realtà ormai evidente: 3D e 2D non possono essere interscambiabili o attivabili a piacere con un pulsante sul telecomando.

Una pellicola per uscire con un 3D soddisfacente deve essere impostata fin dalla fase di sviluppo in tre dimensioni, che sia poi girata direttamente in 3D o riconvertita in post-produzione (come in The Avengers, qualitativamente ineccepibile secondo il mio modesto parere). I pregi di un 3D fatto bene hanno però un prezzo, che corrispondono ad una visuale di schermo ridotta, un campo più piccolo e denso dove si è immersi completamente, ma allo stesso tempo nel quale è difficile notare realmente ogni suo elemento: si procede per priorità, e gli elementi in una schermata 3D hanno diversi gradi di priorità, rischiando quindi cogliere solo una minima parte della scena proprio perché impostata così. Comprendo più che mai il recente discorso di Christopher Nolan, schierato completamente a favore del 2D e in particolare del formato IMAX. L’uno e l’altro non possono coesistere, e solo scegliendo e sviluppando uno dei due formati si può fornire allo spettatore il massimo spettacolo possibile senza ingannarlo.

The Avengers, in conclusione, è un film divertente e appassionante. I fan Marvel impazziranno di gioia, ma riuscirà allo stesso a piacere ad un pubblico estremamente trasversale. Tanti discuteranno se sia o meno il miglior cinecomic mai realizzato, e io mi devo fermare prima di tale affermazione. Perché con tutti suoi pregi e le sue sorprese, rimane un blockbuster dal sapore di un giocattolo. Splendida fattura, storia e personaggi convincenti, ma siamo lontani dalle vette autoriali raggiunti per esempio da Sam Raimi nel suo Spider-man 2. Sono state fatte delle scelte molto intelligenti con The Avengers, ed è stato evitato un temibile pasticcio: accontentarsi è dire poco, ma non si può avere tutto da un’unica pellicola (soprattutto da un cinecomic di questa portata).

Voto: 7.5

The Avengers, farà il suo ingresso nelle sale italiane il 25 aprile 2012 e sarà distribuito dalla The Walt Disney Company ItaliaQui trovate il sito italiano del film. Vi ricordiamo che per maggiori informazioni potete consultare il canale Youtube Marvel Italy o il nostro Blog Tematico.

Condividi su

50 commenti a “The Avengers, la recensione in anteprima! (Spoiler FREE)

  1. @Leotruman, confermi bene o male le mie impressioni, ma in ogni caso sembra godibile, mi son visto tutti i cinecomics marvel, figuriamoci se mi perdo questo!

  2. Ciao a tutti! 😉
    Non vedo l’ora di vedermi questo film! 🙂 sono sicuro che non mi deluderà 😀
    Mi dispiace dirvelo, ma il voto che avete dato a Battleship è troppo alto :S io l’ho visto domenica e mi ha davvero deluso 🙁
    1) gli effetti speciali migliori si vedono tutti nel trailer
    2)sceneggiatura che rasenta il ridicolo soprattutto quando c’è l’incontro con i “vecchi marines” :O un mio amico mi ha detto che per far muovere ci vogliono migliaia di uomini e non un “centinaio” come nel film
    3) Gli alieni esteticamente sono fatti abbastanza bene, ma per il resto non viene approfondito bene il motivo per il quale vengono sulla Terra e quello che succede nella battaglia finale mi lascia perplesso su come vengono fregati dagli esseri umani
    Insomma mi è sembrato un Pearl Harbor con gli alieni fatto decisamente male :S in cui c’è un’evidente “patriotismo americano” sull’efficienza dei loro Mariners
    Voto: 5
    Come avete fatto a dare 7 non lo so O_O anche se mi disp, come dice Upper “c’è da riflettere”… Non dovete dare voti alti soltanto perchè pubblicizzate il film…

  3. Caro Zodiac,
    Brad.dd ti risponderà così 😉 , Leotruman ti parlerà delle doti sonore dell’Arcadia di Melzo e Big T, pur dandoti ragione, si offenderà perché hai usato il termine “fregati” che, alla pari di “riusciti”, è troppo cafone e non ti risponderà più.

  4. “Non dovete dare voti alti soltanto perchè pubblicizzate il film…”
    @Zodiac89: ti amo.

  5. Zodiac, ci sono rimasto davvero male del tuo commento e della tua conclusione diffamante. Spero che Upper, ormai come la gramigna, non abbia stabilito il nuovo standard dei commenti, tra l’altro portando continuamente off topic.
    Se anche solo pensi realmente la frase “Non dovete dare voti alti soltanto perchè pubblicizzate il film” ti consiglio di cambiare blog, visto che metti così in dubbio la nostra integrità.
    Non ti è piaciuto Battleship? A parte che potresti scrivere il commento in allegato al post apposito e non sulla recensione di The Avengers, la tua analisi e il tuo voto merita lo stesso rispetto che mi aspetto per il mio commento sul film.
    Lo stesso vale per il film di Woody Allen, manco fossi l’unico in Italia ad averne parlato in modo parzialmente positivo.
    Lo ripeto, sono personalmente deluso dalla tua opinione nei miei confronti e in quelli di ScreenWeek.

  6. Non vedo l’ora di vedermi Avengers, ovviamente in 3D 🙂 quanto ad altri commenti veramente ma vi rendete conto di quello ch dire? Un film può piacervi o meno e questo è legittimo, ma contestare la sceneggiatura di un film in cui gli alieni invadono la terra e combattono a battaglia navale perché “per muovere una corazzata ci vogliono migliaia di uomini” la dice lunga. Se è per questo le corazzate non fanno nemmeno il drift 🙂

  7. @Upper: sentirsi fregati e legittimo, ognuno ha i suoi gusti e il suo percorso culturale (e le opinioni possono mutare nel tempo) dare sistematicamente dell’ignorante o del deficiente ai propri interlocutori è un atteggiamento pseudo provocatorio che rasenta la maleducazione.

  8. Scusate se riprendo a parlare della recensione e del film in questione 😛 volevo chiedere a Leo: ti sei soffermato più su Thor che su gli altri personaggi (e ti ringrazio per questo 😛 ) e la tua opinione sembra un po’ controversa: ti metto in diffcoltà se ti chiedo un voto complessivo sul mio amato Dio col Martellone?

  9. Salve Leotruman 😉
    Forse ho un po’ esagerato è vero… ma sinceramente 7 a Battleship mi sembra davvero esagerato :O e il fatto che nel week-end di uscita di Battleship prima di entare nel blog c’era la pubblicità a schermo intero…
    Se Battleship è un film da 7, allora un sacco di film da Premio Oscar cosa sono? da 9 e 10? XD
    Braddd,
    se leggi bene ho scritto “soprattutto” quella parte (in cui oltre al drift, c’è anche quando sollevano in 10 un missile da 450kg dicono loro O_O) … ma poi molte altre parti del film mi hanno lasciato davvero perplesso :S solo perchè è un film di fantascienza non bisogna esagerare nella dose soprattutto quando si parla di Marines vs alieni quest’ultimi… e poi per sceneggiatura intendo ovviamente anche dialoghi imbarazzanti….
    Questa è la prima ed unica volta che vi farò notare una cosa in questo modo così esplicito… A me piace questo blog 😉 ma a volte potreste trattare notizie e recensioni in maniera migliore migliore u.u
    Quindi continuerò a seguirvi, però non pensate che avete l’esclusiva 😀 oltre a voi seguo anche altri 4-5 siti di cinema e se vi dico che 7 a Battleship è esagerato e perchè non lo penso solo io (che non sono esperto di cinema da lavorare in un sito o altro, anche se mi piacerebbe) ma anche tanti altri vostri colleghi che hanno dato a stento 6 per essere buoni u.u

  10. Quante polemiche sterili! Le recensioni sn personali e insindacabile giudizio di chi guarda e scrive… A me per esempio Battleship è piaciuto da matti, benchè lo consideri un giocattolone fracassone pieno di luoghi comuni e dalla sceneggiatura inesistente. Ma non è questo quello che conta in un film di questo genere… Ogni voto e recensione va contestualizzata al genere in questione. Battleship, nel suo genere, è un gran film. Effetti speciali ottimi, noia zero e tanto divertimento.
    Ovviamente se non ti è piaciuto sei liberissimo di esprimere la tua opinione, ma non è carino mettere in dubbio l’onestà di chi scrive… In questo caso, tanto vale che tu non segua più questo blog! Se ne faranno una ragione 😉

  11. Ciao Annina, ha ragione non sono stato molto chiaro su Thor. In parte perché non è tra i miei preferiti (così come il suo cinecomic). Mi piace lo spazio a lui dedicato in The Avengers, e i confronti con Loki, però tra tutti i supereroi è quello che a mio avviso spicca meno. Mi dispiace… Voti? Per carità iniziamo a parlare in stelline… facciamo 2 e mezzo su 5 per Thor 🙂

  12. Mi dispiace aver messo in discussione la recensione di Battleship… ma la delusione dopo aver visto questo film è stata davvero grande 🙁 E’ vedere The Avengers che ha preso solo mezzo voto in più rispetto a Battleship mi ha sorpreso troppo :O
    Francesco, lo so che le recensioni sono personali ecc. Ma non ti possono dare ragione quando dici che nei film di fantascienza non conta la sceneggiatura e contino solo gli effetti speciali… a volte accade non così spesso… e film con sceneggiatura debole ma effetti speciali ottimi (da candidature Oscar) sono Transformers e Transfomers 3, La guerra dei mondi, Pearl Harbor per esempio… ma no Battleship…
    Scommetto che gli effetti speciali di The Avengers sarano 100mila volte meglio di Battleship… e penso che il film non mi “emozionerà” solo per gli effetti speciali ma anche per altro e il fatto che anche che il 3D pare sia fatto bene è una cosa davvero rassicurante… poi ti posso dare ragione che ho esagerato nella mia libertà di espressione ma l’ho fatto perchè secondo me bisogna riflettere bene prima di dare un voto superiore al 6,5 ad un film di qualunque genere sia.

  13. Zodiac, non stiamo scrivendo né un dizionario di cinema, né le tavole della legge. Non attaccarti troppo al voto… è un numero, che esprime a fatica la miriade di pensieri e anche contraddizioni che si hanno in testa dopo la visione di un film così atteso ed esprime un giudizio puramente personale. Rileggo a volte commenti che ho scritto in passato: di alcuni cambierei il voto (in negativo ma anche in positivo), ma quello che ho scritto invece rimane sempre e lo penso ancora oggi.
    Ho fatto un commento molto lungo su The Avengers, al quale ho aggiunto anche una riflessione su 3D-2D e molto altro. Davvero un numero messo alla fine mette in ombra tutto il resto? Alcuni miei colleghi preferiscono addirittura non metterlo. Se tutto si deve riassumere al voto, allora forse inizierò a non metterlo pure io, così almeno leggete quello che c’è scritto prima.
    In ogni caso nei prossimi giorni leggerete una seconda recensione su The Avengers, come un secondo commento su The Hunger Games… Non so cosa troverete scritto, non so se io stesso mi ritroverò d’accordo, ma sono certo che si può rispettare l’opinione di chiunque se espressa in termini civili e di possibile confronto.

  14. Parlando della recensione che hai fatto del film sono davvero contento che sia così positiva 😀
    Soprattutto sono contento di sapere che il 3D sia buono, i personaggi sono stati trattati bene e il fatto che il villain non sia solo Loki mi fa tirare un sospiro di sollievo.
    Insomma l’attesa di vedere il film cresce sempre di più e beati tutti quelli che se lo sono già visto 😀
    Per quanto riguarda la mia esagerata opinione, oltre ad aver detto più di una volta che ho esagerato, vi posso chiedere solo SCUSA… dopo aver letto le tue risposta forse i miei sospetti sono davvero infondate…
    Poi è chiaro che ognuno ha la sua percezione di cinema! Ma fidati un voto numerico o a stelle secondo me ci vuole in una recensione, secondo me u.u cmq come ho già detto in futuro mi esprimerò in maniera molto più tranquilla senza farmi venire sospetti da “calcio-scommesse” XD ma non penso di aver usato termini incivili oggi
    P.S. Ho letto il romanzo di Hunger Games in meno di un mese e non vedo l’ora ancora di più di vedere il film 🙂 che in USA oltre l’incasso davvero notevole ha avuto pareri davvero positivi/sorprendenti 🙂 peccato non rimanga lo stesso regista e soprattutto che esca in Italia in un periodo complicato in cui rischia di incassare meno di quando meriterebbe…

  15. “Zodiac, ci sono rimasto davvero male del tuo commento e della tua conclusione diffamante.”

    😀 😀 😀 😀 😀

  16. @Zodiac89 @Leotruman
    ragazzi, ho visto sia battleship che avengers (in anteprima il 17 a parco leonardo).
    vi posso assicurare che non c’è proprio paragone, battleship non può neanche stare vicino, ne sullo stesso scaffale con un film come the avengers. il primo esperimento di kolossas-crossover della storia del cinema che è pienamente riuscito!!! secondo me è il migliori film sui supereroi subito dopo THE DARK KNIGHT ( NOLAN TI AMO <3 )
    il film riesce perfettamente ad equilibrarsi fra tutti i 7 e dico 7 protagonisti, cosa che nessun'altro film della storia del cinema riesce a fare, xke non so se ci pensate ma di solito i protagonisti di un film non sono mai TUTTI ben caratterizzati (prendi i 7 samurai di kurosawa).
    il film è bello sia x effetti speciali (da panico, ma di poco non superiori a transformers 3) che per trama. infatti quello che vedrete nei trailer è la punta dell'iseberg del film in se e vi stupirà e vi farà ridere dall'inizio alla fine (anche grazie al triangolo tony – thor e hulk). è anche parecchio lungo (2h e 30) e 30minuti sono stati tagliati xke erano troppi ma ci saranno nel dvd/bluray.
    joss wheadon è riuscito a compattare benissimo i fumetti originali, i fumetti ULTIMATE e i film marvel alla perfezione! creando una minestra praticamente perfetta con una sorpresa alla fine. infatti se siete fan dei fumetti dovete rimanere fino alla fine dei titoli di coda, che tanto durano solo 2 minuti per vedere una scena che lascierà con la bocca aperta. O.O
    secondo me questo film si merita un 7.5 mentre battleship se ne merita un 5.5 o 6 stentato.
    se volete mettere in ballo che i voti vengono dati in base al genere del film, allora avengers come film fantascienza/azione si merità 8.5! 😉
    per ultimo vi dico, come potete considerarli quasi allo stesso livello, quando battleship è un film con una trama che banale è dire poco, con un cast (apparte liam neeson che è bravo ma chi c'è? rihanna?), pieno di inesattezze e voglia di dimostrare che l'america vincerebbe sempre contro una mandria di alieni inferociti, incazzati e superiori a livello di forza. non è più giusto che che la terra riuscirebbe a sopravvivere solo grazie a 7 supereroi (di cui un dio e un fottuto hulk) che si uniscono contro una schiera di alieni?
    REGA' non perdetevelo assolutamente e amerete ancora di più joss whedon di quanto non lo amiate già adesso…

  17. io da oggi faccio lo sciopero dei commenti. non ce la faccio più a leggere delle stupide polemiche che nascono qua. Upper, io a volte condivido quello che dici però che cazzo! Ma non sai esprimerti in maniera rispettosa verso chi non la pensa come te? E che palle. Proposta a screenweek: chiudete i commenti per un pò?

  18. No scusate ero tornata per leggere la mia risposta (2 e mezzo, eh… come dire così così, come dire “bah tutto sommato poi era meglio metterci il fratello”, come dire “è intelligente ma non si applica e la sufficienza non gliela metto per puntiglio” ma ha per caso abbassato “la media”?) e ho letto una cosa che mi ha lasciata perplessa e per quanto vorrei evitare di alimentare quella che è diventata una polemica, anche con altri termini poteva essere una semplice divergenza di opinioni tanto innocenti da non portare nemmeno alla fine del mondo (bah… uomini…!) non ci riesco proprio:

    “Se Battleship è un film da 7, allora un sacco di film da Premio Oscar cosa sono? da 9 e 10? ”

    Innanzitutto vorrei sperare che la risposta sia “sì”: se sono da Oscar devono essere almeno da 9 se non da 10 (se no questo Oscar che sta a significare????) ma poi tra 7 e 10 ci sono 3 voti, gli stessi che ci sono tra 7 e 4, mica sono pochi…

    Cmq siccome mi sento esclusa a non aver parlato di Battleship, dico la mia pure io: a me di quel film nn è piaciuto manco il poster! Tiè! (Ma io sono una che si è vista innumerevoli volte Il Diavolo veste Prada quindi probabilmente la mia opinione ha lo stesso valore di un calzino bucato, rammendato e bucato di nuovo) E ora che ho scritto anche io le mie mille righe di commento sono soddisfatta 😛

  19. Ma scusate. Ma è così difficile lasciare i commenti e le recensioni personali sulla pagina della recensione di Battleship ???

  20. Scusate , sono appena arrivato , è qui che si commenta Battleship ?
    🙂
    @ Leotruman : bella recensione , inoltre il non detto ma accennato fa crescere ancora di più l’attesa della visione in sala ; come se non bastasse al fatto che sia già alta di suo !
    L’unica nota a mio avviso “fuori posto” è il paragone autoriale con Spider-man 2 , forse perchè non l’ho mai apprezzato molto e forse sono il solo ; considerando però ormai come opinione comune l’ottimo lavoro svolto per X-men Origins , sarei curioso di leggere un tuo parere/confronto al riguardo.
    Per quanto riguarda la “questione voto” … è ovvio che nel mucchio ci siano pareri discordanti e quindi non entro nel merito , è una questione soggettiva e per quanto mi riguarda del tutto minore !
    Piuttosto imbastirei una raccolta di previsioni sul globale incasso a fine corsa ; viste le premesse , l’attesa e tutto quanto penso sia facile raccolga ancor più dell’ultimo Harry Potter e/o Transformers 3, o sbaglio ?

  21. Questo è il primo blog in cui un giornalista ci resta male se un lettore gli lascia un commento negativo. E’ il primo blog in cui un giornalista, messo alle strette sulla faziosità della sua recensione risponde: “Ma quello che ho scritto mica è la Bibbia,è solo un’opinione, quanto la fate lunga!” . Mai vista una cosa del genere. La professionalità proprio sotto le scarpe.
    Io la recensione di Battleship non l’ho letta, ho visto solo il voto perché volevo vedere il film senza pregiudizi e lo stesso vale per The Avengers. Leggo le recensioni sempre dopo la visione. Eppure qua il metro di giudizio raggiunge delle perle di nonsense straordinarie. Per fortuna c’è ancora qualcuno che riesce a dire pane al pane (ad esempio la recensione del nuovo film con Zac Efron mi è piaciuta).

  22. Non leggi le recensioni, ma sei sempre il primo a commentare (e l’ultimo), ad andare off-topic, ad attaccare noi blogger (siamo semplici blogger, non giornalisti) e i lettori che invece hanno letto il pezzo e hanno voglia di esprimere la propria opinione in termini civili…

    Mi hanno fatto molto riflettere alcuni commenti di lettori esasperati dal clima di astio perpetuo che diffondi. Ci e’ stato chiedo di moderare il topic per rimanere in argomento. Ci stato chiesto addirittura di sospendere i commenti pur di ritrovare un clima di tranquillità…

    Questo sarà motivo sicuramente di una riflessione a livello di redazione per decidere il da farsi. Ti ricordo che sei ospite in casa d’altri, non siamo una piazza.

  23. polemiche (sterili) a parte: posso dire solo una cosa?

    io ho amato alla follia Avengers, lo rivedrà il 24, il 25 e non credo saranno le ultime due volte che lo vedrò…

    a mio modestissimo parere è come tornare bambini, sfogliare le pagine di un fumetto e fantasticare sull’avere superpoteri fino a chiudere gli occhi prima di dormire con un sorrisone

    questo doveva essere un film del genere, questo per me è

    p.s.
    Battleship è una coattata pazzesca ed è strano che in pochi abbiano colto l’autoironia del film, peccato!

    p.s.s.

    voto Avengers: 11, altro che filmetti da Oscar hihihihi

  24. Ci voleva il buon vecchio Porkchop x riportare tutto sui binari 🙂 Avengers è davvero da 11, condivido anche il distinguo sull’autoriale di Raimi, ci sono film da Oscar che meritano molto meno di Battlehsip… quanto all’ironia 🙂

  25. Se non siete capaci di accettare le critiche sono anch’io per la disattivazione dei commenti. I blog sono una piazza pubblica e in qualsiasi piazza si vada, se manifesti la tua opinione, ti pigli pure la responsabilità sulla qualità della merce che vendi e accetti pure la possibilità che qualcuno ti dimostri che imbrogli sul peso. Poi, ovviamente è molto facile darmi del virus che diffonde… com’è?… “un clima di astio perpetuo” (questa è proprio bella), invece di dire tranquillamente che qualche recensione è stata scritta con faciloneria, ma l’unica cosa che diffondo è il libero pensiero. Io dico che il professionista serio, giusto, guarda in faccia alle critiche e riconosce di aver sbagliato con una risata. Chi ha qualcosa da nascondere invece teme la critica e fa di tutto per esasperarle e bloccarle. Fate voi.

  26. Leo, come ho già detto, fate voi.
    A questo punto, se i commenti devono ridursi all’osanna, tanto vale togliere la possibilità di postarli, secondo me. Io ho verificato che non sono l’unico a pensare certe cose, forse sono stato il primo a dirle chiaramente, ma ne vale la pena se oggi anche gli altri parlano della vostra faziosità con le pellicole che pubblicizzate con i megaposteroni obbligatori (aveva ragione zodiac). Tanto mi basta.

  27. una curiosità: ma davvero pensi/pensate che visto che c’è un banner di un film la critica ne risenta?
    non sarebbe più facile pensare che magari quel film è piaciuto a chi ha scritto la recensione e che può pensarla diversamente?
    io penso che un conto sia non essere d’accordo con la critica letta (padronissimi)
    tutt’altro sia dare del “venduto” perché si è sicuri ci sia qualcosa sotto… (e qui si va sull’insulto)
    non mi pare che non si accettino critiche, piuttosto si mal tollerano insulti (e vivaddio)
    sbaglio?

  28. Certo che ne risente, che razza di ragionamento! Se io ti pago per farmi pubblicità devi tenermi buono così ti pago pure la prossima volta. Un testimone esercita al meglio la sua funzione se viene pagato dall’accusato? E su! Tra l’altro ho dato un’occhiata alla recensione di Safe House, altro film che aveva avuto il megaposterone obbligatorio sulla home page. Per coincidenza anche quella recensione dava un 7, anche lì se ne parlava come di un thriller adrenalinico con dialoghi e situazioni inaspettate, e invece è sempre la stessa pappetta alla Bourne con caccia al topo, segreti di stato e mazzate tipo kung fu.

  29. hai perfettamente capito quello che ho scritto e hai centrato il punto, bravissimo.

    però ora, ragionando anche e leggendo oltre la prima riga, mi risponderesti please?

  30. Pork Chop Express, per favore, non fare domande stupide. Seppure una spiegazione fosse facile non sarebbe necessariamente quella corretta. La critica non deve essere per forza perbenista. Io ho un mio linguaggio, sono abbastanza superficiale da non mettermi a piangere e a non rimanerci male se mi danno dello snob, se mi augurano la morte, se mi insultano in ogni maniera e cerco di rispondere agli attacchi, per quanto violenti essi siano, mantenendo la mia linea espressiva. Qua non sto volgarmente dicendo che tutto fa schifo e tutto è sbagliato e tutti sono venduti, mi sto riferendo a un caso in particolare. Mettiamola così: è possibile che una specifica recensione sia opinabile? E’ possibile notare delle strane coincidenze? Ed è possibile che, quando queste si facciano notare, non salti il tappo e la pazienza e si urli alla diffusione dell’astio e piuttosto non si ammetta che forse quella particolare, unica recensione, fosse un po’ faziosa quando stranamente capitava che quella specifica recensione (uff) spaventosamente zerbina e mentitrice si riferiva a una pellicola pubblicizzata proprio dagli stessi che l’hanno scritta?

  31. tento di elevarmi un po’ e non irritarti con domande di livelli infimi.
    la risposta alla tua domanda è: “no”

  32. @Dragaan Certamente una, mostrata anche alle anteprime, subito dopo i brevi titoli di coda finali (diciamo 90 secondi). Se ci sarà una seconda scena, quindi proprio dopo la fine completa dei credit come nei precedenti cinecomic Marvel, si potrà scoprire solo in sala da domani sera… (sembrerebbe di no, però…)

  33. Finalmente ho visto anche io I Vendicatori e rilancio il giudizio di Leotruman accodandomi a quello di Pork Chop Express per un promosso a pieni voti. “Marvel Avengers Assemble”, così è stato a lungo tempo intitolato e comunque promosso, è la sintesi di un lavoro iniziato da molto tempo e finalmente compiuto, nel bene e nel male. Parto dal male semplicemente perché quello che alcuni potrebbero leggere come un limite è per me un gran punto di forza di questi cinecomics che, come nel fumetto, dovevano assolutamente trovare un loro “standard” grazie al quale trasportarti in una versione cinematografica dell’Universo Marvel che, con coerenza, possa potenzialmente durare per molti altri titoli. La storia dei Marvel al cinema ha qualche alto ma, a pensarci bene, moltissimi bassi. Questo è sicuramente dovuto al meccanismo con cui venivano prodotti i primi film tratti dalle properties Marvel, che ha cominciato semplicemente “vendendo i diritti” di sfruttamento dei propri personaggi per poi approdare, piano piano, a produrre direttamente i propri film. Non credo di dover stare qui a evidenziare le differenze tra uno Spider-Man e un Ghost Rider, piuttosto che tra un X-men e l’altro e tra questi e l’altra “serie” sviluppata da Fox, quella dei Fantastici 4, ma è evidente che la disomogeneità di trattamento dei personaggi data dai valori produttivi messi in gioco dalle diverse produzioni, ha portato al fan Marvel magari qualche raro guizzo “autoriale”, per usare un termine caro a qualche commentatore, ma soprattutto cocenti delusioni nel tradire non tanto storie e personaggi ma qualità di un universo che tra alti e bassi è comunque un marchio di fabbrica. Dal primo Iron Man, con il solo passo stentato di The Incredible Hulk, la Marvel è riuscita con pochi film a costruire un suo standard che ho trovato perfettamente compiuto in questo The Avengers che ti da anche più di quello che ti saresti aspettato, gettando così le basi per una serie di produzioni future che avranno anche loro alti e bassi, così come lo hanno gli albi a fumetti, ma ti rendono comunque felice di aver aggiunto un altro tassello alla tua collezione e di essere stato ancora una volta in compagnia dei tuoi eroi preferiti. Certo gli attori invecchieranno mentre i personaggi del fumetto restano immutabili negli anni, ma questo è un problema che ci porremo un giorno in cui non saranno più nemmeno forse gli attori a recitare. Nel frattempo è stato un piacere godermi questi Vendicatori Uniti in questa loro prima avventura corale. Che la trama non sia così scontata e con un bel twist iniziale lo hanno già scritto, come molte altre cose, aggiungo quindi solo qualche altra considerazione di assoluto gusto personale. Hulk è finalmente Hulk come si deve! Mette paura, punto! Ci sono alcune cose di cui discuterò molto volentieri con chi conosce il personaggio più di me una volta che avremo visto tutti il film, ma nel frattempo, per quel che mi riguarda, è l’Hulk più riuscito di sempre e Ruffalo è un Banner di gran lunga migliore di Edward Norton. Robert Downey Junior è un Tony Stark-Iron Man all’ennesima potenza, non tanto per la nuova armatura ma perché, circondato dagli altri, straborda da uno spazio che sembra andargli stretto. Stupisce poi che nonostante lui abbia alcune tra le battute più divertenti di sempre la più diverte in assoluto (non è propriamente una battuta, ma è come se lo fosse per quanto è nelle corde del personaggio) venga da chi meno te lo aspetti. Thor è più bello e nordico che mai e ovviamente Tom Hiddleston supera tutti nel ruolo che gli ha regalato la fama che merita e che mi auguro gli garantisca la possibilità di molti altri ruoli e film. Non ho visto il film in 3D, ma poco male perché conto di andare a rivederlo nel formato tridimensionale già il 25 più per piacere, in questo caso, che per farmi un’idea sulla qualità del lavoro 3D. A presto per commentare insieme The Avengers.

  34. Visto oggi pomeriggio: concordo con buona parte della recensione!
    A mio parere il miglior film della Marvel dopo la trilogia di Spider-Man!

  35. lo visto oggi e’ spettacolare superiore agli altri film dedicati aigli eroi in modo singolare…..un bel 10 e lode e complimenti per il 3d fenomenale superiore a quello di trasformer…….io lo visto in una sala isens comunque devo dire sono rimasto sbalordito dal film che mi ha emozionato come non mai…………

  36. Grande festa!!! Così l’ho vissuto questo film e grande è stato il divertimento! A freddo forse si poteva perfezionare il lavoro sulla psicologia dei personaggi, ma in ogni caso Jos Vhedon e il suo team hanno fatto un lavoro formidabile. E poi Hulk che spacca non ha prezzo!

  37. E alla fine non potevo certo mancare io con il mio commento:)!!
    E’ una goduria entrare in screenweek perche’ regolarmente dopo qualche giorno dall’ uscita da un film “importante” si scatena la battaglia della recensione, il che mi ricorda le belle serate passate al bar al tempo delle superiori a discutere se fosse piu’ figo se Indiana Jones o Rambo con ovviamente diverse scuole di pensiero che nonostante validi argomenti si rimbalzavano addosso le idee restando tutti fermamente convinti di avere ragione, anche perche’ la ragione (almeno nel cinema e nelle recensioni soprattutto) sono soggettive, detto ciò dico la mia qual’ora vi interesasse, (o magari anche no 🙂 ).
    Ho visto “the avengers” il 24 sera in anteprima al cinema apollo di Sant’Angelo in Vado (PU) in 3d, il film mi è francamente piaciuto, ma come ho gia’ detto altrove il mio “piaciuto” è ben lontano dai toni orgasmatici usati spesso per questo film, probabilmente perche’ non sono mai stato un lettore accanito dell’universo marvel anche se il mio passato da “pseudo fumettista” me li ha fatti conoscere con oggettività, a mio avviso è un bel esempio di super blockbuster alla vecchia maniera, per vecchia maniera intendo con trama semplice e lineare una trama che nasconde poco o nulla ma gioca tutto sullo sviluppo spettacolare delle vicende, ora da voce fuori dal coro posso dirvi che questo film mi ricorda i peplum anni 60 dove mitici eroi/dei si univano per compiere battaglie contro mostri e divinità maligne, perche’ altro non sono i nostri marvelosi amici che trasposizione moderna dei miti classici, quindi abbiamo thor l’apollo della situazione lo Zeus /fury e cosi’ via dicendo, detto cio’ posso dire che non si e’ inventato nulla di nuovo se non che lo spettacolo piu vecchio del mondo continua a funzionare benissimo, segno che certe storie di bene vs male le abbiamo dentro il codice genetico e appena le vediamo sfilare davanti allo schermo ce ne innamoriamo, poi ci sono registi piu o meno cani che prendono in mano tali storie e ne creano dei film, nel caso di raimi , burton, nolan e ci metterei (in tono minore) branagh abbiamo visto approcci autorali, in altri casi approcci piu di maniera ma decorosi come nei film di Faverau e questo di Whedon, per poi arrivare alle brutte cose di tim story e comagnucci e ci metto pure singer.. , nel caso di Avenger il film e’ chiaramente sul binario medio, probabilmente la mescolanza di diversi headliner marvel ha fatto si che in fase di scrittura si tenesse mano ferma sulla giusta quantita’ di ego per personaggio, cosa che si riperquote poi in fase di regia, francamente la parte meno convincente del film non perche’ non funzioni ma perche’ priva di genialità e guizzi in questo caso Leo ha ragione quando parla di regia Televisiva per poi aggiungere una fotografia abbastanza pulita e anonima come in quasi tutti i film marvel (aparte nelle scene di ansgard di thor e sulla virata old style di cap.A) detto cio’ il film va incontro allo spetteatore riempiendolo di tutto cio’ che ha bisogno , l’ironia di I.M., il belloccismo alla Point break di Thor, il moralismo allamericana di Cap. eccosi’ via, buoni effetti speciali ormai di altissima qualità, montaggio chiaro e lineare, musica sempre un tono sotto (ma credo sia una cosa voluta in generale in tutti i film marvel) il risultato e’ puro intrattenimento, certo il film nella prima parte e’ decisamente lento e tarda un po’ ad ingranare ma poi parte e non lo ferma piu nessuno, un po’ come capitava nei filmonei anni 80 dove un vilm era suddiviso in intro-presentazione dei persoanggi- addestramento-gran finale (vedi ghostbuster/top gun ecc ) qui si segue lo schema ma c’e’ tanta roba e magari meno “seghe” compiaciute sull’ helicarrer il film sarebbe filato via molto meglio nella prima parte. poi la battaglia finale accontenta tutti e ho apprezzato molto le risoluzioni delle scene topiche in chiave umoristica decisamente una novita’ per questo genere molto meno compiaciuto di quanto pensassi (mi riferisco chiaramente al duello (?) loki-hulk (ma personalmene non avrei fatto parlare hulk) per quanto riguarda il 3d e’ buono ma ininfluente, mi ha impressionate molto di piu in Transformers 3 che resta a mio avviso uno dei peggiori film della storia ma con probabilmente il miglior 3d mai visto fin’ora..
    Concludendo direi che pur non allineandomi all critiche orgasmatiche sul film sono dell’ idea che sia un ottimo blockbuster, un dignitoso film di genere che vale i soldi del biglietto… che si deve chiedere di piu a un film di questo tipo?

  38. Ecco la mia recensione di qualche mese fa:
    Nel trailer del film di qualche mese fa compariva la scritta “l’evento dell’anno”, e pensavo fosse il solito annuncio pubblicitario. Invece dopo aver visto il film tra gli applausi e le risate della sala al cinema mi sono reso conto che questo The Avengers è stato veramente l’evento dell’anno! Aspettando altri film specialmente il diretto concorrente Batman, il regista J.Whedon ha confezionato un film superlativo con un alto tasso di spettacolarità e di grande divertimento.
    Ma non c’è solo il puro intrattenimento come mi aspettavo, questo The Avengers mi ha stupito perché è un film veramente completo che mescola azione, irona, drammaticità e una caratterizzazione dei personaggi al di là di ogni rosea previsione. Infatti era dura far coesistere tutti questi personaggi assieme e farli rendere al massimo ma Whedon ci è riuscito alla grande, specialmente con il trio Stark/Iron Man(il leader vero e re delle battute), Banner/Hulk (potenza allo stato puro, sorprendente) e Rogers/Capitan America (il leader coraggioso sul campo di battaglia). Thor invece l’ho trovato più cupo e meno spaccone del solito, su di lui il lavoro è stato fatto bene ma mi sarebbe piaciuto se fosse stato più in linea con il suo film. Bene i personaggi “di contorno” Vedova Nera e Occhio di falco. Superlativo anche il cattivo Loki che in se incarna la follia ma anche una celata insicurezza, in grado di spaventare i vendicatori sia nel campo di battaglia sia con i suoi infidi dialoghi. Tornando al film trama davvero ben fatta (con scena finale che apre le porte ad un sequel) con una prima parte più parlata ma non per questo poco interessante e una seconda parte che finalmente si concede allo spettacolo con una battaglia superlativa e avvincente per le strade di New York, che forse scorre in modo un po’ troppo semplicistico senza colpi di scena a sfavore dei vendicatori ma va bene così. La difficoltà principale è stata mettere insieme e far coesistere questi supereroi, una volta fatto la vittoria finale era scontata. Il difetto principale è stato la mancanza di spiegazioni sulla razza antagonista dei Chitauri, evidentemente Whedon si è voluto concentrare maggiormente sul malvagio Loki ma mi sarebbero piaciute più informazioni.
    Come detto quindi grande spettacolo, dialoghi intelligenti e mai banali e grande ironia e spensieratezza dove a farla da padrone è il grande Tony Stark che regala battute a raffica al pubblico. Ma non si ride solo con lui ma anche con gli altri: da segnalare la scena esilarante del pestaggio subito da Loki per mano di Hulk, questa scena è già cult! In definitiva un superfilm che supera alla grande l’obiettivo di intrattenere lo spettatore con 2 ore e mezza avvincenti e divertentissime ma che a sorpresa va anche oltre: infatti è un film completo e maturo (a modo suo) che non ha nulla da invidiare al grande Batman di Nolan. Consigliato a tutti.
    Voto: 9

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *