L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Prometheus, SPOILER e dettagli sul kolossal dal footage di 12 minuti!

Di Leotruman

Alcuni selezionatissimi membri della stampa britannica hanno avuto il piacere nella giornata di ieri di assistere alla proiezione in anteprima di 12 minuti di Prometheus, il nuovo film sci-fi di Ridley Scott in uscita tra fine maggio ed inizio giugno in buona parte dei paesi del mondo (in Italia arriverà il 14 settembre).

Il footage, per la maggior parte proveniente dalla prima parte del kolossal a cui è seguita una coda di montaggio di varie scene, è stato poi seguito da una sessione di domande e risposte con il regista ed i protagonisti Noomi Rapace, Charlize Theron e Michael Fassbender.

Ci affidiamo al bel reportage del magazine britannico Empire, ricco di SPOILER sulla pellicola (almeno riguardo alle scene viste!), integrandolo con le nostre considerazioni ed ipotesi già espresse nell’analisi del trailer. Decidete voi se proseguire o meno la lettura:

Prometheus - Screencaps dal full trailer - Foto 88

Prometheus È il prequel di Alien. Punto.

Analizzando il trailer fotogramma per fotogramma ne eravamo certi. Scott aveva provato a sviarci parlando di un film collegato al mondo di Alien solamente negli ultimi 8 minuti. Fumo negli occhi: Prometheus non è costruito sulle ossa di Alien, ma ne è il vero e proprio prequel.

– Il pianeta del film è LV-223, non LV-426

È ufficiale, almeno dalle scene viste, che il pianeta dove è ambientato il film è LV-223. Grazie alla sigla comprendiamo che astronomicamente si trova vicino a LV-426, sede dell’astronave schiantata vista in Alien che diede il via alla saga, e soprattutto della colonia nella quale è stato ambientato l’intero Aliens. Nel trailer vediamo l’astronave dello Space Jockey decollare da LV-223 e poi schiantarsi a terra: si tratta effettivamente di due diverse navi spaziali (questa e quella di Alien-Aliens, improbabile) oppure nella pellicola si viaggerà tra i due pianeti e dopo un possibile inseguimento per terminare su LV-426?

Scott ha sempre parlato di due prequel di Alien prima di trasformare la pellicola in Prometheus: c’è la possibilità che un secondo film possa effettivamente collegare le due pellicole in modo ancor più netto.

Il film è ambientato nel 2091 (ma inizia nel 2089)

Andiamo con ordine. Ecco le date nelle quali sono ambientati i quattro episodi della saga di Alien: Alien (2122)Aliens (2179), Alien³ (2179) e Alien: La Clonazione (2379). Grazie ad alcune didascalie nel footage (forse sullo schermo di qualche computer di scena) si comprende che una scena del film segna la data del 21 Dicembre 2091. Si parla quindi di 31 anni prima di Alien.

La pellicola tuttavia inizia nel 2089 con la scena vista nel trailer. La dottoressa Elizabeth Shaw (Noomi Rapace) insieme al suo partner di lavoro (e nella vita) Charlie Holloway (Logan Marshall Green): ci troviamo in Scozia, precisamente sull’isola di Skye. Sono alla ricerca delle tracce di una civiltà che adorava Dei giganteschi. Si vede poi la famosa pittura rupestre con la mappa stellare, ritrovata anche in altri siti archeologici del mondo: è l’invito a raggiungere il pianeta. Salta all’occhio come l’attrezzatura da campeggio e l’abbigliamento nella scena siano piuttosto simili a quelli dei giorni nostri nonostante ci si trovi 80 anni nel futuro

Peter Weyland

Viene un dubbio, già espresso al momento della pubblicazione del video virale: Peter Weyland (Guy Ritchie), fondatore delle industrie Weyland che finanziano la Prometheus e la sua missione, ha tenuto una TED Conference nel 2023. O il suo genio ha creato un siero dell’eterna giovinezza oppure lo vedremo ultraonovantenne nel kolossal!

Empire conferma la nostra ipotesi: una scena mostra una conferenza virtuale con l’ologramma di Weyland una volta che la Prometheus è uscita dall’orbita, con un Guy Pearce visibilmente invecchiato con il make-up. Informa l’equipaggio di essere: il loro datore di lavoro, di essere morto al momento attuale (sorpresa!), e il “padre”-creatore di David, l’androide sulla nave interpretato da Michael Fassbender.

Nel discorso richiama il mito di Prometeo, il titano che rubò il fuco agli Dei permettendo all’uomo di evolversi. Nonostante venne in seguito punito gravemente per il furto (legato ad una colonna ogni giorno un’aquila gli squarcia il petto e gli dilania il fegato, per poi ricrescere durante la notte e così per l’eternità), Weyland glissa sulla pena inflitta e parla di un passo da gigante per l’umanità grazie alla loro missione che stanno per compiere.

C’è però un’ulteriore ipotesi: che Weyland non sia morto e che si trovi in qualche modo sulla nave, con Vickers (Charlize Theron) il suo braccio destro pronto ad eseguire i suoi ordini. Che sia una missione per trovare effettivamente la sua “fonte” della giovinezza, per poi vederlo ringiovanire in seguito? Sarà lui a dare il via alla serie di sciagure che si abbatteranno sull’equipaggio, o meglio ancora l’essere umanoide che abbiamo ipotizzato possa essere lo Space Jockey?

Prometheus - Screencaps dal full trailer - Foto 7

La Mappa Stellare

Il pittogramma ritrovato in varie sedi rappresenta l’esatta configurazione di un sistema solare lontano dalla Terra circa 3200 trilioni di km (usare gli anni luce era troppo semplice?). Holloway e Shaw li hanno ritrovato e studiato pitture rupestri simili da civiltà diverse, nessuna delle quali poteva essere entrata in contatto con l’altra. Questo sistema solare ha un sole molto simile al nostro, ed una luna che orbita attorno ad un gigante gassoso che secondo i calcoli sarebbe in grado di sostenere la vita. Grazie ad un impressionante sostegno finanziario (della Weyland) potranno viaggiare e scoprire il nuovo mondo.

– La Prometheus ha 17 membri dell’equipaggio

La nave spaziale viaggia con 17 membri dell’equipaggio, dieci in più rispetto alla Nostromo di Alien. Questo significa che ci saranno tanti personaggi minori “da uccidere” prima di arrivare a quelli principali e potrebbero quindi salvarsi più di un paio di persone.

– Similitudini e differenze con Alien

Abbiamo già potuto vedere nel trailer il crio-sonno ed il risveglio, costantemente presente nei primi tre episodi. Una cena con tutto l’equipaggio ricorda la scena di Alien, anche se in questo caso non finisce in tragedia con lo xenomorfo sbucare dal torace di uno dei membri (chestburster in gergo).

Nel botta e risposta è stato chiesto agli attori se in Prometheus ci sarà una scena di impatto come quella del chestburster. Scott, che è famoso per non spiegare agli attori cosa sta per accadere in scena ottenendo un forte e realistico effetto sorpresa al momento delle riprese, ha detto ci sarà una scena con protagonista Noomi Rapace che potrebbe rivaleggiare con la sequenza classica, almeno per l’impatto “viscerale”. L’attrice ha dichiarato che ci ha messo del tempo per togliersi dalla mente quell’immagine.

A differenza di Alien, almeno nelle sequenze mostrate, non si ha sulla Prometheus il senso di claustrofobia provato in Alien e allo stesso tempo anche di “sudiciume”. La nave sembra essere nuova di zecca, incontaminata, anche se il destino a cui andrà incontro sarà ben diverso dall’atteso.

Prometheus - Screencaps dal full trailer - Foto 28

– Vickers 

L’androide David non entra nella fase di crio-sonno in quanto non umano. Una scena mostra il carattere forte del personaggio interpretato dalla Theron: David segue una scia di impronte bagnate e trova Vickers impegnata a fare una serie di flessioni (incredibile considerando che quando ci si sveglia dal crio-sonno tutti passano i loro primi minuti a vomitare). Gli altri stanno ancora “dormendo” mentre lei aveva probabilmente programmato il suo risveglio prima del loro. Chiama David “Cosa” e gli chiede se ci sono stati morti durante il viaggio, durato due anni e mezzo. Alla risposta negativa dell’androide, ordina che vengano svegliati tutti. È lei che impartisce ordini ed il vero capo della missione.

David

È una presenza calma e meticolosa. Durante il viaggio viene mostrato compiere i propri incarichi, vagando nei vari corridoi in attesa della destinazione. Un’oscillazione improvvisa della nave non lo scuote ma attende semplicemente che tutto torni alla normalità per continuare a svolgere il proprio lavoro. Nel montaggio finale sarà lui a pronunciare la frase “Quanto sei disposto ad andare lontano per ottenere le vostre risposte?“. Assomiglierà al “cattivo” Ash del primo film, o a Bishop dei due capitoli successivi?  Fassbender e Scott hanno dichiarato che vorrebbero che il personaggio di David garantisse un tono leggero in alcune scene.

– Il montaggio finale e le sequenze inedite

Il footage si conclude con l’atterraggio della Prometheus su LV-223, prima di passare un veloce montaggio di sequenze. La maggior parte si sono viste nei trailer, mentre alcune sono inedite, come una ripresa della spedizione scientifica nella ventosa baia di atterraggio, Vicker mentre pronuncia la frase “Se entrerai lì, morirai!“, la sequenza estesa dell’occhio di Holloway con il parassita (ho una teoria folle in mente…).

La perla: una ripresa velocissima di una piccola creatura vivente, con una forma simile ad altre già viste nel franchise ed una bocca che ricorda i genitali femminili, si solleva mentre presumibilmente l’equipaggio è via per la sua prima esplorazione sul pianeta. Non è un face-hugger (l’essere a forma di ragno che esce dalle uova e poi “feconda” il parassita umano con lo xenomorfo, che poi cresce e squarcia il torace del poveraccio durante il “parto), ma qualcosa di completamente diverso. Sarà l’essere nato dalle uova cilindriche dalla forma “asettica” viste nel trailer e diverse da quelle ben conosciute?

– 3D

Scott si è trovato molto a suo agio con il 3D e girare in tale formato gli è sembrato terribilmente facile. Il footage è stato giudicato ottimo, con una grandissima profondità di campo.

Prometheus potrebbe essere un PG-13 negli USA (15 nel Regno Unito), a differenza degli altri Alien.

L’elevatissimo costo di produzione deve ampiamente essere recuperato dalla Fox per rientrare nelle spese ed un film R-rated non può garantire gli stessi incassi. Consolazione: alcuni PG-13 attuali sono praticamente dei film R-rated del passato, visto che l’MPAA sembra chiudere più di un occhio ultimamente (vedi Hunger Games).

Che ne pensate? Commenti sugli spoiler e teorie?

Vi ricordo la nostra analisi del trailer in ogni suo fotogramma.

Prometheus uscirà il 14 settembre in Italia anche in 3D e IMAX (a giugno negli Stati Uniti). Cliccate sul riquadro sottostante per tutte le news sul film e per rimanere aggiornati. Potete trovare la prima parte del virale a questo link.

Fonte: Empire, Screenweek

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Spider-Man: Far From Home tornerà nei cinema americani con 4 minuti in più 20 Agosto 2019 - 22:00

Dopo il successo dell'esperimento con Avengers: Endgame, sarà questa volta Spider-Man: Far From Home a tornare nei cinema americani con 4 minuti di scene tagliate in più

Netflix svela il trailer della misteriosa serie The I-Land 20 Agosto 2019 - 21:30

Un bizzarro incrocio tra Lost e il Fyre Festival, nella serie prodotta dal regista Neil LaBute

Downton Abbey: il ritorno della famiglia Crawley al centro di un nuovo video 20 Agosto 2019 - 21:15

Focus Features ha diffuso una nuova featuette del film ispirato a Downton Abbey. Il video è scandito dalle dichiarazioni dei membri del cast, emozionato all’idea di portare la storia della famiglia Crawley sul grande schermo.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.

StreamWeek: l’ombra del male si allunga con The Terror e Mindhunter 19 Agosto 2019 - 12:05

Mindhunter, The Terror e molto altro nel nuovo episodio di StreamWeek, la nostra guida alle novità proposte dalle varie piattaforme di streaming.

Corto Circuito (FantaDoc) 16 Agosto 2019 - 10:11

C'erano una ragazza, un robot, un finto indiano e la febbre del sabato sera... La storia di Corto Circuito.