L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Game of Thrones – Seconda Stagione, cosa dice la critica

Di Leotruman

L’attesa è finita. Nella notte è stato trasmesso il primo episodio della seconda stagione di Game of Thrones, la serie tv prodotta da HBO e tratta dai romanzi di George R.R. Martin.

Nell’attesa del nostro commento dell’episodio, che arriverà a breve, diamo un’occhiata ai giudizi della critica televisiva americana.

Tv Guide – Matt Roush

È un compito titanico portare avanti parallelamente la storia delle varie dinastie, i tradimenti e le vendette reciproche, dipingendole su un’unica grande tela perché ovviamente un singolo episodio non può racchiuderle. (È lo stesso George R.R. Martin ad aver diluito sapientemente la storia, riuscendo a lasciare una serie di personaggi chiave nel suo quarto volume). Tornati al ritmo di questo tentacolare racconto, una saga fresca e brutale che ostenta abbastanza sesso per rendere debole Lo Hobbit, è impossibile non cedere al viscerale Game of Thrones ed alla sua “magia nera”. Proprio come ben afferma la potente sacerdotessa Melisandra (Carice van Houten): “La notte è buia e piena di terrore”. E meraviglia. […]

Game of Thrones è un fantasy per adulti, un Camelot corrosivo dove il sangue scorre pari all’ambizione, e l’onore è raro quanto le ali di un drago.

Los Angeles Times – Mary McNamara

Con l’aggiunta di nuovi personaggi, ognuno riccamente vestito delle proprie origini, rituali e retroscena, l’adattamento HBO dei romanzi di George R.R. Martin è tornato e fa sembrare “Il Signore degli Anelli” di Peter Jackson un gioco da ragazzi. Coloro che si aggiravano nelle terre più disparate e disperate di Westeros l’anno scorso in cerca di un deviazione fantasy R-rated, con combattimenti di spade insanguinate, schiave mezze nude ed un tocco di soprannaturale, vennero soddisfatti. […]

“Game of Thrones” ha tutto quello, ma anche un cuore saggio e spietato, i cui battiti ritmano la cadenza eterna della sopravvivenza umana. La vita contro la morte, l’amore contro l’odio, l’integrità contro la corruzione, la lealtà nei confronti disonore. Qui ci sono i mostri e gli omicidi, gli intrighi contro la corona, ma anche ragazzine che sospirino la libertà e ragazzi mutilati che sognano di volare. […]

Come i romanzi, la serie tv “Game of Thrones” è incredibilmente ambizioso, un arazzo in costruzione che minaccia, a volte, di sopraffare la sua cornice. L’arte non è definita dallo spazio che occupa, ma dai suoi dettagli, dalla verità che cattura. Molte teste si piegano dinnanzi a questo adattamento, e ciò che emerge è una definizione davvero nuova, e miracolosamente accurata, di epica televisiva.

New York Post – Linda Stasi

“Game of Thrones” è intelligente e divertente. È di fatto quello che “Rome” avrebbe dovuto essere ma non lo è stato: epico. Noi vogliamo assistere a storie di re ed aspiranti re, non di soldati mentre non lavorano.

Chicago Sun Times – Lori Rackl

“Thrones” è come “I Soprano” ma con le spade. Parla della famiglia e di come perseguire il potere. Invece del New Jersey del giorno d’oggi, siamo trasportati in una terra mitica chiamata Westeros, dove una moltitudine di fazioni sono in lotta per un posto sul Trono di Spade, mentre le minacce esterne si nascondono lontano.

“Thrones” ha la sua giusta quota di elementi fantastici: draghi onnipotenti, soprannaturali White Walkers con il potere di prendere in consegna i cadaveri, solo per citarne alcuni. Ma gli sceneggiatori fanno un lavoro magistrale bilanciando gli elementi fantasy con una dose di realismo sufficiente per evitare di alienarsi un pubblico che altrimenti potrebbero essere non ricettivo ​​per il genere fantasy.

Variety – Brian Lowry

La magia ha inizio strisciante nella seconda stagione di “Game of Thrones”, letteralmente parlando, ma la magia evocata anche dalla prima stagione prosegue praticamente senza sosta: una vertiginosa serie di personaggi, splendide performance ed una portata e grandezza come nient’altro in televisione. Il tutto combacia con la manciata di fazioni in guerra per il Trono di Spade, con una crudeltà pervasiva che non lascia scampo a nessuno, compresi i bambini. La HBO ha gli ingredienti per una serie che mette in difficoltà qualsiasi altro genere televisivo. “L’inverno sta arrivando” è lo slogan dello show, ma ne è valsa la pena aspettare fino a primavera per riceverlo.

Potete vedere una bella gallery con tutti i personaggi della seconda stagione a questo link.

Tornate a trovarci per il commento al primo episodio di Game of Thrones. Non dimenticate di dare un’occhiata a Episode39  per i riassunti di tutte le puntate anche della prima stagione.

Fonte: via Metacritic


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Al nuovo gusto di ciliegia: nuovo trailer per la serie Netflix con Rosa Salazar 30 Luglio 2021 - 21:15

Creata da Nick Antosca (Antlers), la serie sarà incentrata su una vendetta soprannaturale dagli effetti allucinogeni nella Hollywood anni '90

The Menu: Nicholas Hoult reciterà nella commedia con Anya Taylor-Joy 30 Luglio 2021 - 20:30

Nicholas Hoult reciterà nella commedia thriller The Menu con Anya Taylor-Joy, Ralph Fiennes e Hong Chau.

Jungle Cruise – Tutto ciò che c’è da sapere sul film Disney con The Rock e Emily Blunt 30 Luglio 2021 - 20:00

Jungle Cruise è arrivato dopo le sale anche su Disney+: ecco tutto ciò che c'è da sapere sul film!

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.