L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

The Hunger Games, mostruoso esordio da 152.5 milioni negli USA! [UPDATE]

Di Leotruman

6°UPDATE lunedì 26 marzo, @21.09: Il dato definitivo è lievemente più basso. Si parla di 152.5 milioni di dollari nei tre giorni, sempre valido come terzo miglior esordio di sempre e record per un non-sequel. [UPDATE]

Ripercorrendo la classifica dei maggiori incassi d’esordio della storia del box office americano, non si riesce a trovare una pellicola a cui paragonare il mostruoso esordio di The Hunger Games, anche perché nelle prime 30 posizioni troviamo solamente tre film che non sono sequel (Alice in Wonderland, Spider-Man e Iron Man) e tutti molto distanti.

Fino ad un paio di mesi fa non tutti scommettevano sul successo del film prodotto dalla Lionsgate, primo romanzo della trilogia fantascientifica firmata da Suzanne Collins. Da qualche settimana le previsioni sono state gradualmente e costantemente elevate, ma la realtà supera nettamente ogni più roseo pronostico.

La prima stima ufficiale per l’incasso del weekend che è stata diffusa poco fa parla chiaro: 155 milioni di dollari incassati in 4137 cinema (10mila schermi), con una folle media di oltre 37mila dollari. Solamente nel primo giorno di programmazione aveva raccolto oltre 68 milioni, ma è la tenuta nell’intero weekend a sorprendere ed è particolarmente anomala per un blockbuster di questo tipo (anche dopo l’opening day si parlava di non più di 138 milioni, ma il calo atteso non è arrivato).

The Hunger Games Banner Orizzontale USA 01

La pellicola, che ricordo è costata solamente 78 milioni di dollari, ha fatto registrare il terzo miglior dato di sempre dietro a Harry Potter e i Doni della Morte: Parte 2 (169 milioni, anche grazie al 3D) e Il Cavaliere Oscuro (158 milioni). Per ora possiamo dire solo che ha frantumato il record per il miglior esordio di un film non-sequel, per il mese di marzo e per la stagione primaverile. Probabile record per le giornate di sabato e domenica, ma dobbiamo aspettare qualche dato in più.

2° UPDATE @17.19: Ora BoxofficeMojo parla di 51 milioni nella giornata di sabato e 36 milioni per la domenica, per un totale appunto di 155 milioni.

Con i dati definitivi di domani potrebbe superare i 51.33 milioni di Spider-Man 3 e far registrare il nuovo record assoluto per la giornata del sabato, mentre per la domenica si posiziona al quarto posto poco dietro a Shrek 3 (36.12 milioni), e distante da Il Cavaliere Oscuro (43.5 milioni) e Spider-Man 3 (39.9 milioni)

3° UPDATE @17.45: Iniziano ad arrivare i primi dati internazionali. Si parla di 58.7 milioni di dollari incassati nel resto del mondo, per un totale approssimativo di 213.7 milioni di dollari in un weekend. La cifra è molto buona anche se non sembra particolarmente elevata (considerando il numero di mercati a disposizione), e probabilmente sarà aggiornata anche perché nella sola Australia si era parlato di risultato eccellente ai limiti del record.

Inoltre qualche dato preliminare sul pubblico. Il 61% è stato di sesso femminile, ma il 56% del totale ha più di 25 anni (è questa la vera differenza con la saga di Twilight). Questo significa che dobbiamo aspettarci per le prossime settimane sempre più pubblico adulto e anche maschile, grazie ad un passaparola che sembra fin da ora a dir poco eccellente: Cinemascore A (A+ nei giovanissimi), e il 95% degli utenti di Flixster ha espresso un giudizio positivo.

Da notare come la Lionsgate abbia in soli tre giorni fatto registrare il maggiore incasso totale dello studio, visto che ha superato i 119 milioni di Fahrenheit 9/11.

4° UPDATE @18.14: Incasso international ora lievemente ritoccato. Si parla di 59.25 milioni di dollari in 69 paesi, per un totale globale di 214.25 milioni.

5° UPDATE @19.50: Vediamo qualche dato in particolare in arrivo dall’estero:

– Australia: poco sotto i 10 milioni

– Regno Unito: 7.5 milioni

– Russia: 6.5 milioni

– Nuova Zelanda: 1.27 milioni

– Scandinavia: 3.7 milioni

– Germania: 3.9 milioni

– Francia: 3.75 milioni

– Messico: 3.59 milioni

– Brasile: 2.6 milioni

Continueremo ad aggiornare l’articolo con i vari dati che verranno diffusi nelle prossime ore.

Proseguendo con il resto della classifica troviamo 21 Jump Street, che cala ma non crolla a causa del ciclone Hunger Games: altri 21.3 milioni incassati per un ottimo totale di 71 milioni in 10 giorni. Perde il 40% anche Lorax – Il Guardiano della Foresta, il cartoon della Illumination che grazie ai 13.1 milioni del weekend arriva a quota 177.3 milioni dopo meno di quattro settimane (supererà certamente i 200). John Carter continua invece la sua discesa verso il baratro solamente 5 milioni incassati (62 il totale).

Tutti gli aggiornamenti li troverete nella nostra sezione dedicata al Boxoffice e sulla bacheca della nostra pagina Facebook.

Fonte dei dati: boxoffice.com

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Amazon rinnova la serie animata Undone per una seconda stagione 22 Novembre 2019 - 2:07

Nel cast Rosa Salazar e Bob Odenkirk.

Harrison Ford sarà nella serie The Staircase 22 Novembre 2019 - 1:06

Lo show racconterà il processo per omicidio del romanziere Michael Peterson.

Danny Trejo tornerà al cinema con l’action The Protector 22 Novembre 2019 - 0:51

Accanto a lui ritroveremo anche Billy Zane.

Street Fighter – Sfida finale (FantaDoc) 21 Novembre 2019 - 18:14

L'allucinante storia vera del, beh, allucinante film di Street Fighter con Jean-Claude Van Damme.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Una mamma per amica 20 Novembre 2019 - 16:22

Serie TV nate praticamente per caso e diventate di grande successo: gioca con noi, Una mamma per amica!

7 cose che forse non sapevate su L’invincibile Shogun 19 Novembre 2019 - 14:00

Sette curiosità su uno storico (in più sensi) anime in cui lo Shogun se ne andava in giro in incognito e mostrava il simbolo della sua casata solo quando era tardi.