L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il mondo dell’Esorcinema: Possession #facciadeldiavolo

Di Filippo Magnifico

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta di quel cinema a base di demoni ed esorcismi, che ci accompagnerà fino all’uscita de L’Altra Faccia del Diavolo (The Devil Inside), l’horror mockumentary diretto da William Brent Bell, che farà il suo ingresso nelle sale italiane il 16 marzo 2012. Oggi ci occupiamo di un film che definire disturbante sarebbe molto riduttivo: Possession.

Possession Poster USAParlare di Possession non è certo cosa facile. Ci troviamo infatti di fronte ad una pellicola che presenta vari livelli di interpretazione e che possiede un fascino che, nonostante siano passati un bel po’ di anni dalla sua uscita, è rimasto invariato. Perfetto connubio tra cinema di genere e cinema d’autore, definita da David Lynchla pellicola più completa degli ultimi trent’anni” (cosa che da sola vale sicuramente più di mille presentazioni), l’opera diretta da Andrzej Zulawski nel 1981 non ha certo subito un bel trattamento in Italia. Mutilata di ben quarantasei minuti, arbitrariamente rimontata e doppiata, è riuscita a recentemente a rinascere in un’edizione home video che le ha reso la meritata giustizia.

Possession testimonia alla perfezione il fatto che nel cinema non c’è bisogno di grandi storie per fare un capolavoro, l’importante è il modo in cui le si rappresenta. Analizzata nella sua essenza, infatti, la storia di questa pellicola è tutto sommato banale e si potrebbe riassumere nel dramma di una coppia (Sam Neill e Isabelle Adjani, premiata a Cannes per la sua interpretazione) il cui rapporto si è incrinato in maniera tragica nel momento in cui si è insinuata la presenza di un amante molto particolare e decisamente poco terreno.
Una trama lineare che nelle mani di Zulawski, al tempo alle prese con divorzio che si è rivelato una profonda fonte d’ispirazione, è diventata un vero e proprio viaggio all’interno della psiche (non solo) umana, dove le ossessioni si mischiano al dolore e dove il male diventa una vera e propria forza nei confronti della quale l’uomo non può fare altro che rassegnarsi.

Molti sono i momenti altamente disturbanti presenti in questo film, tra questi il più memorabile è sicuramente quello ambientato nella stazione della metropolitana, che vede un’irriconoscibile Isabelle Adjani, contorcersi per dar vita a quella possessione cui il titolo si riferisce. In realtà ogni scena del film in cui l’attrice è presente si può definire disturbante. Zulawski, famoso per il suo voler sempre spingere gli interpreti al limite, è riuscito a portare quest’attrice ad un livello di trasfigurazione tale da diventare un vero e proprio trauma per lei, dal quale per sua stessa ammissione non si è più ripresa (“Malgrado tutti i premi, tutti gli onori che mi sono stati conferiti, mai più un trauma di quel genere, neppure… in un incubo!”).

Metafora politica, riflessione sulla condizione umana, estrema rappresentazione di un misticismo che ha completamente perso la sua retta via. Sono tantissime le interpretazioni che si potrebbero dare a questa storia. Su una cosa sembrano però essere tutti concordi: ci troviamo di fronte ad un’opera in grado di lasciare un solco indelebile dentro ogni spettatore.

Vi ricordiamo che su Amazon.it trovate l’edizione home video del film.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Mandalorian: Jeans Guy è stato cancellato dall’episodio 4 27 Novembre 2020 - 20:45

Il blooper è stato sistemato, ma il mondo è un posto migliore o peggiore senza Jeans Guy?

I Croods 2 incassa $4.6 milioni in 2 giorni, apre in Cina con $3milioni 27 Novembre 2020 - 20:26

I Croods 2 – Una Nuova Era registra la terza miglior apertura in Cina, per un film Hollywoodiano nel 2020. Negli USA il film incassa $4.6M nei primi due giorni

The Witcher: la serie ha trovato la sua Regina Meve 27 Novembre 2020 - 20:09

New entry nel cast della seconda stagione di The Witcher, la serie Netflix basata sull’omonima saga fantasy di Andrzej Sapkowski. Si tratta della giovane Rebecca Hanssen, scelta per interpretare la Regina Meve.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?