L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cannes 2012: rumour e pronostici

Di Valentina Torlaschi

Mancano ormai meno due mesi al prossimo Festival di Cannes (che si terrà dal 16 al 27 maggio 2012) e i tempi sembrano già maturi per stilare i primi pronostici sui titoli che saranno selezionati nel prestigioso Festival francese.
O almeno questa è l’idea della nota rivista Premiere che sul proprio sito ha fatto un po’ il punto della situazione, incrociando rumour con altri dati più oggettivi (come le date ufficiali di uscite dei film, la tempistica di produzione ecc.), e ha valutato in percentuale la probabilità che un determinato regista abbia o meno di sfilare sul prestigioso tappeto rosso della Croisette.

Tra i nomi quasi certi troviamo un grande habitué come Woody Allen (dato al 99,99%), ma anche David Cronenberg (99,2%), Jacques Audiard (che nel 2009 aveva conquistato il Festival con il suo Il profeta) e On the Road con Garrett Hedlund, Kristen Stewart e Sam Riley.

Invece sembra davvero dura la partecipazione del duo Nicolas Winding RefnRyan Gosling e del loro Only God Forgives (dato solo al 9% di possibilità) o del bipioc su Bruce Lee diretto dall’hongkonghese Wong kar-wai (5%).

Le ipotetiche percentuali individuate da Premiere per i film favoriti sono la seguenti.

Chi ci sarà:
To Rome with love di Woody Allen: 99,99%
Cosmopolis di David Cronenberg: 99,2 %
Vous n’avez encore rien vu di Alain Resnais: 99,999%
Un gout de rouille et d’os di Jacques Audiard: 99,1 %
On the Raod di Walter Salles: 95%
Amour di Michael Haneke: 95%
Laurence anyways di Xavier Dolan: 90%
Killing Them Softly di Andrew Dominik (con Brad Pitt): 93%
Mishima, a life in four chapters di Koji Wakamatsu: 90%
The end di Abbas Kiarostami: 85%
Elefante Bianco di Pablo Trapero: 89%
Le Grand soir di Gustave Kervern: 92%
Post Tenebras Lux di Carlos Reygadas: 90%
In the fog di Sergei Loznitsa: 89%
Holly Motors di Leos Carax: 88%
The Burial di Terrence Malick: 80%
Dans la maison di François Ozon: 77 %
Après Mai di Olivier Assayas: 81%

Chi probabilmente non ci sarà:
The Grandmasters di Womg kar-wai: 5%
Only God Forgives di Nicolas Winding Refn: 9%

Nessun titolo italiano in questa lista, ma i rumour di casa nostra sembrano dare tra i papabili il nuovo film di Matteo Garrone: Big House.

Tra tutte queste supposizioni, alcuni punti fermi sul prossimo Festival di Cannes però ci sono già. Il primo è che il nostro Nanni Moretti sarà il Presidente della Giuria; il secondo è che Moonrise Kingdom di Wes Anderson sarà il film di apertura.

Fonte: Premiere

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Prime clip in italiano per Spiral: L’eredità di Saw 13 Giugno 2021 - 9:00

Il 16 giugno Spiral: L’eredità di Saw, il nuovo capitolo della saga horror Saw lanciata nel 2004 da James Wan, arriverà nelle sale italiane. Nell’attesa possiamo dare un’occhiata alle prime clip.

Black Widow – Nuovi poster per il cinecomic con Scarlet Johansson 12 Giugno 2021 - 21:00

Sono disponibili quattro suggestivi poster di Black Widow targati RealD 3D, Dolby Cinema, Screen X e IMAX. Inoltre, Cate Shortland parla dei riferimenti per il film.

It’a A Sin – Recensione della imperdibile serie LGBTQIA+ inglese divenuta già un cult 12 Giugno 2021 - 20:00

It's a Sin stupisce continuamente e rende di nuovo attuale una pagina di storia troppo raramente ricordata: ecco la nostra recensione della imperdibile (non solo per gli appartenenti al mondo LGBT+) serie inglese!

Indiana Jones e io: i predatori di una lampada da 25mila lire 12 Giugno 2021 - 9:32

Il radiodramma di Indiana Jones e il Tempio maledetto, Indiana Pipps, la frusta(zione) per aspettare l'Ultima Crociata.

Loki e la cura Lokivico: alla ricerca di un nuovo cuore per l’MCU 10 Giugno 2021 - 10:30

Tom Hiddleston e come trasformare il Loki cattivo del 2012 nel Loki quasi-buono, che amano tutti.

Mortal Kombat, la recensione 30 Maggio 2021 - 14:00

Tamarro, sanguinolento, privo di vergogna nel suo essere un B-movie ad alto budget, ma in fondo divertente: il miglior film che un banda di cosplayer di Mortal Kombat potesse mai girare.