L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Whitney Houston – L’ultima intervista per il dramma musicale Sparkle

Di Filippo Magnifico

Sparkle, il dramma musicale diretto da Salim Akil, remake dell’omonima pellicola del 1976, avrebbe dovuto rappresentare il grande ritorno sulla scena per la cantante e attrice Whitney Houston, tragicamente scomparsa lo scorso 11 febbraio a soli 48 anni. Purtroppo il destino ha voluto che quest’opera si trasformasse in qualcosa di molto diverso: un doveroso e sentito omaggio nei confronti di un’artista che, vicissitudini personali a parte, è riuscita a regalarci nel corso della sua carriera una serie di canzoni indimenticabili.

Sparkle Whitney Houston Jordin Sparks Foto Dal Film 01

Per il lancio del film, la cui uscita è prevista per il 17 agosto 2012, il sito ComingSoon.net aveva recentemente intervistato Whitney Houston. Quelle che trovate qui sotto sono le ultime dichiarazioni della cantante:

Qual è stata la tua prima esperienza con Sparkle?

Essendo cresciuta negli anni ’70, questo film ha rappresentato molto per me e per le giovani donne afro americane. Mi piaceva come piaceva a tutte quelle persone che inseguivano i loro sogni. Per almeno quattro mesi sono andata ogni sabato al cinema a vederlo.

Parteciperai alla colonna sonora?

Sì. Robert Kelly ci sta lavorando. Jordin ha del materiale molto buono e ci stiamo lavorando proprio in questo momento.

Quanto è diversa questa storia dall’originale?

La prima cosa che si nota è il fatto che abbiamo una fondazione. Cominciamo in una chiesa e questo è molto differente dall’originale. Non abbiamo idea della provenienza di queste ragazze, quindi abbiamo aggrovigliato un po’ il tutto per farlo capire, e tutto comincia con il gospel.

Quale pensi che sia il target di pubblico per questo film?

La cosa grandiosa di questo film è che potrete andarlo a vedere con i vostri bambini. È un film per famiglie, è stimolante, incoraggiante. […] Il nostro obiettivo è quello di riunire le famiglie.

Lo vedi come un ritorno sulla scena?

No. Non lo sto vivendo con apprensione. Penso che si tratti di una grande dono che Dio ha deciso di offrirmi, quello di riunire un cast di persone che hanno lavorato duramente quanto me se non di più.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Knives Out 2: Dave Bautista affiancherà Daniel Craig nel sequel 11 Maggio 2021 - 9:28

La star di Guardiani della Galassia e Dune entra nel cast dell'atteso sequel prodotto da Netflix

NBC cancella i Golden Globes 2022, torneranno nel 2023 11 Maggio 2021 - 8:52

NBC ha deciso di cancellare la prossima edizione dei Golden Globes per dare il tempo alla Hollywood Foreign Press Association di riformarsi in senso inclusivo.

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).