Touch, in anteprima il commento al pilot

Touch, in anteprima il commento al pilot

Di emanuele.r

Attenzione: il seguente articolo può contenere spoiler. Continuate a leggere a vostro rischio o se avete visto l’episodio. 

Touch 1x01 Martin Bohm Promo 07

Una volta smessi i panni di Jack Bauer in 24, come sarebbe potuto tornare in tv il suo interprete Kiefer Sutherland? La risposta ce la dà Touch, nuova serie Fox creata da Tim Kring (Heroes) che esordirà ufficialmente il 19 marzo (in Italia il giorno dopo su Fox, in una campagna di lancio mondiale senza precedenti), ma di cui il network ha mandato in onda in patria il pilota quasi due mesi prima (una strategia comunicativa che da Glee in poi sta prendendo piede).

Touch 1x01 Jake Bohm Martin Bohm Promo 11

La trama della serie vede protagonista Martin, un operaio all’aeroporto che problemi col figlio autistico, ma geniale, tanto geniale da poter sentire e vedere le connessioni matematiche tra le persone e le cose del mondo, dei “fili rossi” – come dice una leggenda cinese – che legano per le caviglie tutti gli esseri umani. E questi legami, questi numeri che ci circondano serviranno al piccolo Jake, che non parla, a comunicare con il padre. Ma a Jake sono legate anche persone nel mondo, ognuna con una storia diversa. Episodio pilota scritto dal creatore Tim Kring e diretto da Francis Lawrence (Io sono leggenda) che si concentra prevalentemente sulla capacità del bambino e sul rapporto difficile col padre, cominciando ad accennare anche le storie dei personaggi intorno al mondo, legati da fili, per ora, invisibili.

Touch 1x01 Arthur DeWitt Martin Bohm Promo 08

Tutto il pilot, coerentemente all’assunto della serie, sembra attraversata da numeri: per primo l’undici settembre, data in cui Martin ha perso la moglie e la mamma di Jake, un evento che torna nella carriera di Sutherland visto che tutto 24 era intriso di paura post 11/9, e che qui è diventato più un dato emotivo, che segna la malinconia di un personaggio, quello di Martin, praticamente opposto a Bauer; poi le 3:18, orario in cui Jake setta le sveglie, e che significa qualcosa per lui, come i numeri della lotteria, che il piccolo è riuscito in qualche modo a predire (ma non solo lui, anche un uomo violento e all’apparenza problematico, Randall, che quella lotteria la vince); e per finire i numeri che informano l’intero episodio, la sezione aurea e la sequenza di Fibonacci, quel numero che regolerebbe le proporzioni della natura. Attraverso questi numeri, Jake riesce a comunicare col padre e all’assistente sociale che deve verificare che l’uomo sia in grado di mantenere il figlio eventi che devono accadere, pericoli da sventare: in questo caso, un bus pieno di bambini che ha un incidente e i cui passeggeri vengono salvati da Randall, a cui Martin ha fatto perdere il treno.

Le vie prevedibili del destino per salvare vite: potrebbe essere questo il tema centrale della serie, ma anche quello delle persone che – chissà come – sarebbero legate a Jake nella capacità di vedere le connessioni. La connessione tra di loro è quella, apparentemente casuale, di un telefonino lasciato nell’aeroporto di Martin e che arriva nelle mani di un uomo, in Irlanda, che riprende una cantante e pre farla scoppiare viralmente nel mondo lascia il cellulare nella valigia di un giapponese, che in patria si fa filmare da una stripper e poi, tramite il viaggio, arriva fino a Baghdad, dove un ragazzo in difficoltà economiche è coinvolto in un attentato (nel quale il telefono è il detonatore) e viene salvato dalla cantante irlandese (di mestiere centralinista) che chiama quel numero per rispondere alla richiesta del proprietario, che voleva vedere per l’ultima volta le foto della figlia morta.

Touch 1x01 Jake Bohm Promo 03

Un percorso complicatissimo che fa sorgere un dubbio: come può questo lambiccato girotondo avere un seguito nel corso della serie? Qual è il primario obiettivo di Kring e soci, forse far diventare il rapporto tra Martin e Jake una sorta di pronto soccorso del fato? E’ difficile capire quindi il cuore del prodotto e del progetto, ma il pilot – preso come operazione a sé – è un discreto prodotto, che mescola influenze anche smaccate a Lost (la lotteria, il nulla accade per caso, i personaggi che si sfiorano e incontrano) con tratti più delicati e familiari. Per ora sembra una sorta di Giano bifronte, ma sa suggerire un ambizione che sulla televisione generalista non è affatto scontata e mostrare un Sutherland che sa convincere anche fuori dal ruolo che lo ha lanciato nel mito tv. E voi cosa pensate di questo episodio? Lo avete già visto o lo vedrete il 20 marzo? Se lo avete visto commentatelo qui sotto e restate su Screenweek ed Episode39 per saperne di più del mondo tv.

LEGGI ANCHE

Superman: Legacy – Tra i candidati come protagonista anche un’ex star di Beautiful? 1 Giugno 2023 - 18:59

Pierson Fodé, famoso per aver interpretato il ruolo di Thomas Forrester nella Soap Opera Beautiful, sarà il nuovo Superman?

Oppenheimer, una featurette dedicata alle riprese in IMAX 1 Giugno 2023 - 15:15

Universa Pictures ha condiviso un'interessante featurette di Oppenheimer dedicata alle riprese nel formato IMAX.

Supergirl al centro della nuova featurette di The Flash 1 Giugno 2023 - 12:15

La nuova featurette di The Flash è dedicata a Supergirl (alias Sasha Calle), e include varie scene inedite.

Spider-Man: Across the Spider-Verse, ecco il video di Calling 1 Giugno 2023 - 9:00

Sony ha condiviso il video di Calling, brano di Metro Boomin, Nav, A Boogie Wit Da Hoodie e Swae Lee per Spider-Man: Across the Spider-Verse.

The Lasso Way: quello che Ted Lasso mi ha insegnato in questi anni 31 Maggio 2023 - 11:40

Arrivati alla fine della sua terza stagione, Ted ci ricorda una cosa molto importante, per le sfide sul campo (della vita) di tutti noi.

Across the Spider-Verse: precedenti animati e videogame con Spider-Man 2099 30 Maggio 2023 - 15:27

Le comparsate precedenti di Spider-Man 2099 in film, serie animate e videogiochi Marvel.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI