Condividi su

17 febbraio 2012 • 18:18 • Scritto da emanuele.r

Sky annuncia una nuova serie su Tangentopoli ideata da Stefano Accorsi

In occassione, del ventennale dell'inchiesta Mani Pulite e del ciclone che travolse la politica italiana, Sky annuncia che realizzaerà una miniserie che raccontare quel periodo. Il titolo è 1992.
Post Image
3

La vita facile Stefano Accorsi Foto dal film 09

Proprio oggi, 17 febbraio, 20 anni fa veniva arrestato per corruzione Mario Chiesa, direttore del Pio Albergo Trivulzio, dando al via a quello scandalo chiamato Tangentopoli che, grazie ai magistrati del pool di Milano e dell’inchiesta Mani Pulite, scoperchiò il marcio della prima repubblica, aprendo alla seconda. Proprio in questa occasione, Sky annuncia la preparazione di una miniserie in 10 episodi dal titolo 1992, che rileggerà questa storia tristemente italiana, aprendosi, secondo quanto annunciato dalla rete, proprio con Chiesa che getta la mazzetta incriminata nel water, quel 17 febbraio.

Ideata da Stefano Accorsi e sviluppata da Lorenzo Mieli e Mario Gianani, la miniserie racconterà la storia di sei persone comuni le cui storie e vite s’incroceranno con l’inchiesta; ogni puntata racconta un mese del 1992, partendo proprio dal quel primo arresto del 17 febbraio, per concludersi il 15 dicembre, con l’avviso di garanzia al segretario del PSI Bettino Craxi.  Alle sceneggiature troviamo Alessandro FabbriLudovica Rampoldi e Stefano Sardo, con la supervisione di Nicola Lusuardi, mentre cast e regia sono ancora sconosciuti. Un progetto ambizioso, che sinceramente ci sorprende molto e che vorremmo vedere al più presto.

Voi cosa ne pensate di questo progetto? Ditecelo commentando questo articolo. E restate sempre su Screenweek, per tutte le notizie sulle serie tv di tutto il mondo.

Condividi su

3 commenti a “Sky annuncia una nuova serie su Tangentopoli ideata da Stefano Accorsi

  1. Bella idea, complimenti a Stefano Accorsi che dal Maxibon strada ne ha fatta!
    In effetti una serie su Tangentopoli non sarebbe male, dopo tante serie sui mafiosi, qualcosa che “ripulisca”il palinsesto ci vorrebbe, anche per spiegare ai giovanissimi cosa accadde in quegli anni.

  2. E’ indicativo che a realizzare una serie del genere sia Sky ed è un bene, almeno sul piano produttivo e tecnico, perchè garantirà i mezzi e le professionalità adeguate. In più è una serie che secondo me,punta all’estero e vuole esprimere una qualità cinematografica, come le serie di Romanzo Criminale ed un’impostazione stile HBO. Per me queste sono le certezze. Avrei preferito di più un film imperniato, ispirato o tratto da queste vicende. Michele Placido è da tempo che vorrebbe dirigere un film su tangentopoli, uno sulla P2, ed un progetto relativo ai misteri ed alle stragi italiane. E sa che non li può girare in Italia, ma deve puntare per i finanziamenti in Francia ed in America.
    Ho qualche dubbio su fino a dove potranno spingersi, con gli argomenti e con l’impostazione della serie.
    Di certo funzionerà bene a livello spettacolare e narrativo, ma ho l’impressione che seguirà una versione conosciuta ed ufficiale degli eventi. Per questo vorrei un film o una serie prodotta e girata all’estero o realizzata da autori stranieri. Mi auguro che non cadano nello stereotipo o nella mistificazione ‘cool’, per evitare gli errori e la superficialità delle serie tv Rai e Mediaset, come appunto quelle sulla mafia, che hanno comunicato un’immagine sbagliata e fuorviante del fenomeno mafioso e dei loro protagonisti, evitando accuratamente di trattare temi e vicende precise, omologando contesto e storia. Troppe volte è successo ( non solo Il Capo dei capi, penso alla fiction su Rino Gaetano, ad esempio ).
    Resto fiducioso sulla migliore qualità media rispetto agli altri.

  3. La qualità media sky è migliore, sul tono e la strada narrativa in effetti ho i tuoi stessi dubbi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *