L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Per San Valentino, Ryan Gosling è on Demand!

Di

Prima di tutto, mantenete la calma: non è l’attore in carne e ossa a essere disponibile su richiesta, ma alcuni dei suoi film, che le fortunate fan americane potranno rivedere in tv nel corso di febbraio grazie a uno speciale  “pacchetto Ryan Gosling, dedicato all’attore che per un pelo non si è guadagnato il titolo di uomo più sexy dell’anno. Per non parlare della nomination all’Oscar…


Nella passata stagione cinematografica, Ryan ha infatti conquistato il pubblico di tutto il mondo (e non solo femminile) grazie a due film di tutto rispetto come Le Idi di Marzo, a fianco e per la regia di George Clooney, e l’intenso titolo indipendente Drive, di Nicolas Winding Refn, che nonostante le scene violente e cariche di tensione, rimane una delle opere più genuinamente romantiche viste sugli schermi da molto tempo! Anche se, certo, non di un romanticismo classico come quello che ha regalato all’attore la sua nutrita schiera di accanite fan. Stiamo parlando della commedia Crazy, Stupid Love, dove  Ryan h recitato con Emma Stone, o Le pagine della nostra vita, interpretato con la sua ex-fidanzata Rachel McAdams, dramma epocale – e molto zuccherato – tratto da uno dei tanti romanzi strappalacrime di Nicholas Sparks.

Gli ultimi due film di Ryan sono però di tutt’altra caratura, e avrebbero potuto portargli un riconoscimento per le sue doti d’interprete sempre più valido e maturo. Invece tutti l’hanno snobbato: non solo gli Oscar, che non gli hanno concesso nemmeno una candidatura, ma anche il gossip, dato che Ryan è finito anche in fondo alla top 10 degli uomini più sexy dell’anno stilata dalla rivista People, che ha incoronato invece l’attore Bradley Cooper. Pensate che le fan di Ryan hanno organizzato delle vere e proprie proteste a favore del proprio idolo, che tuttavia ha reagito senza clamori, dichiarandosi assolutamente non “ferito” da queste scelte, soprattutto quella degli Oscar. Però dopo l’annuncio delle nomination all’attore è scappato un “allora proprio non vi piaccio”, e ha disertato anche la cerimonia di premiazione dei Golden Globe. Potrebbe però essere un assente giustificato, dato che sta girando a Bangkok il nuovo film di Nicolas Winding Refn, Only God Forgives.

Nel frattempo, la potente tv americana Time Warner Cable ha deciso di dedicargli uno speciale programma on Demand (probabilmente proprio in occasione di San Valentino), in cui rientreranno alcuni dei suoi film più romantici come appunto Le pagine della nostra vita. Non sarà un Oscar, ma per le sue fan, un Gosling “su richiesta” sarà di sicuro una gradita consolazione.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Love, Death + Robots – Volume 2: il nuovo red band trailer della serie Netflix 10 Maggio 2021 - 21:00

La serie antologica animata di David Fincher e Tim Miller tornerà con otto nuovi episodi il 14 maggio

Videogames News: Il Futuro di Google Stadia, I Problemi di Returnal, Xbox in Perdita 10 Maggio 2021 - 20:35

Ecco come ogni settimana la nostra rubrica riguardante tutte le più interessanti notizie in arrivo dal mondo dei videogiochi!

Solos: Dal 25 giugno su Prime Video la serie antologica Amazon Original 10 Maggio 2021 - 20:15

In Italia arriverà il 25 giugno su Prime Video: Solos la serie antologica Amazon Original creata da David Weil, con Anne Hathaway e Helen Mirren

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).