L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Incassi deludenti per i vincitori degli Oscar 2012: l’analisi completa

Di Leotruman

Questa notte sono stati consegnati gli Academy of motion picture arts and sciences Awardsmeglio conosciuti come premi Oscar. Li abbiamo seguiti in diretta per tutta la notte e potete rivedere tutti i nostri commenti nel Live Blog a questo link mentre QUI potete trovare la lista completa dei vincitori.

Per il secondo anno consecutivo è stata la Weinstein Company a portarsi a casa i premi più ambiti, eppure la società può festeggiare con un po’ meno di entusiasmo rispetto all’anno passato (e non solo i Weinstein).

Gli incassi della quasi totalità delle pellicole candidate e dei vincitori sono particolarmente deludenti. Nell’edizione dello scorso anno ben 7 pellicole su 10 negli Stati Uniti avevano fatto registrare incassi al di sopra dei 90 milioni di dollari, cinque sopra i 100. Il Discorso del Re (4 Oscar, tra cui Miglior Film) a fine corsa chiuse a quota 135 milioni negli USA e ben 414 milioni di dollari in tutto il mondo (era costato solo 15 milioni). Persino in Italia la pellicola è fu un grande successo con ben 8.7 milioni di euro incassati per quasi 1 milione e mezzo di biglietti staccati.

The Artist, che ha vinto nella notte 5 Oscar, ne ha incassati fino ad oggi 32 milioni negli USA e 75 milioni nel mondo (1.77 milioni di euro in Italia). Fa riflette che persino in Francia, paese che ci ha abituati ad incassi stratosferici in particolare dei prodotti locali (Quasi Amici ha incassato 170 milioni di dollari), la pellicola di Hazanavicious non sia andato oltre i 14 milioni.

Aspettiamoci una riedizione e un ampliamento del numero di sale in tutti i mercati del mondo, ma difficilmente potrà complessivamente superare quota 100 milioni (ne è costato comunque 15, quindi si tratta sempre di un successo economico).

Diamo un’occhiata agli incassi attuali delle pellicole nominate quest’anno all’Oscar come Miglior Film negli USA, in Italia e nel mondo, insieme ad altre pellicole che hanno vinto nella notte:

In particolare nel mercato italiano ci sono ancora molti titoli che sono attualmente nelle sale, ma possiamo affermare con ragionevole certezza che gli incassi non si discosteranno molto dai valori attuali. Il cosiddetto Effetto Oscar quest’anno sarà più debole che mai.

Nel nostro paese è Hugo Cabret a dominare attualmente con oltre 6 milioni di euro, e a questo punto potrebbe chiudere intorno agli 8 milioni se rimarrà nelle sale ancora qualche settimana. Come possiamo vedere dai dati, il film di Martin Scorsese rischia però di essere l’unico vero flop di questa edizione: costato una cifra spaventosa, il kolossal in 3D non è riuscito ancora a recuperare nemmeno il budget produttivo.

Il film che però che ha incassato di più tra i vincitori è stato Midnight In Paris di Woody Allen (Miglior Sceneggiatura Originale), con un incasso vicino ai 9 milioni e tra i migliori nella carriera di Allen non solo in Italia ma anche nel mondo intero.

Negli Stati Uniti solo The Help può cantare realmente vittoria con quasi 170 milioni raccolti, che diventano però poco più di 200 in tutto il mondo a dimostrazione di una debole presa nei mercati esteri (compreso il nostro). Meglio Millennium: Uomini che Odiano le Donne (miglior montaggio), anche se la Sony si aspettava certamente qualcosa di più in particolare a livello globale (ha giusto recuperato budget e spese produttive). Non può nemmeno brindare Rango, primo cartoon non-Pixar a vincere da cinque anni a questa parte: il film di Gore Verbinski non è riuscito ad imporsi né in patria né nel resto del mondo.

In ogni caso vincere un Oscar garantisce un prestigio che produce frutti anche a distanza, grazie alle vendite in home video e ai diritti televisivi e quant’altro. La speranza è però di ritornare a vedere nella prossima edizione l’entusiasmo che si è percepito lo scorso anno, quando Il Discorso del Re, Il Cigno Nero, The Social Network, The Fighter, Inception e Toy Story 3 avevano dominato indiscussi per meriti e profitti.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.