L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il mondo dell’Esorcinema: The Exorcism of Emily Rose #facciadeldiavolo

Di Filippo Magnifico

Il nostro viaggio alla scoperta di quel cinema a base di demoni ed esorcismi, che ci accompagnerà fino all’uscita de L’Altra Faccia del Diavolo (The Devil Inside), l’horror mockumentary diretto da William Brent Bell, che farà il suo ingresso nelle sale italiane il 16 marzo 2012, è arrivato al terzo appuntamento. Per l’occasione abbiamo deciso di scomodare un titolo decisamente più recente: The Exorcism of Emily Rose.

The Exorcism of Emily Rose Poster USA 01Possono il legal thriller e l’horror (di stampo demoniaco) andare d’accordo? Sì, ma con le dovute riserve. È questo il caso di The Exorcism of Emily Rose, pellicola diretta da Scott Derricksonl nel 2005 e ispirata ad una vicenda realmente accaduta nel 1976 a Anneliese Miche, una giovane ragazza tragicamente morta in seguito ad un esorcismo. Riadattata nei tempi e nei luoghi e intrisa della giusta furbizia, questa storia ha dato vita ad un’opera che è riuscita a fare della dualità il suo principale punto di forza.

The Exorcism of Emily Rose è un film che viaggia su due binari paralleli: se da un lato c’è la dimensione più orrorifica e per certi versi figlia di cult movie come L’Esorcista, dall’altro c’è il cosiddetto “rovescio della medaglia”, rappresentato da una controparte scettica che, come nel più classico dei processi, cerca di smontare la tesi appena mostrata.

Come detto in precedenza ci troviamo di fronte ad un film che attinge a piene mani da una lunga tradizione di thriller a sfondo legale. Il film è in gran parte ambientato all’interno di un’aula di tribunale, infatti, e ci mostra un processo molto particolare: quello dello Stato Americano contro Padre Moore (Tom Wilkinson), accusato di aver causato la morte della giovane Emily Rose (Jennifer Carpenter). Il prete avrebbe infatti convinto la ragazza ad abbandonare le cure a cui si era sottoposta per una presunta patologia epilettica. Il motivo? Il fatto che secondo l’uomo di chiesa la giovane non fosse affetta da nessun male, ma vittima di una possessione demoniaca. Unica cura l’esorcismo. A difenderlo da quest’accusa l’avvocato Erin Bruner (Laura Linney), che durante questo processo deve fare i conti con la sua scarsa fede.
È da qui che parte questa storia, fornendoci due diverse (e altrettanto plausibili) versioni della verità e compensando la componente soprannaturale con le dovute spiegazioni scientifiche.

Il gioco riesce, ma solo in parte. The Exorcism of Emily Rose è una pellicola che funziona dove deve funzionare, e cioè nei momenti inquietanti, ben rappresentanti e dotati di alcune reminescenze retrò che sicuramente non guastano, ma pecca di uno scarso approfondimento psicologico che inevitabilmente appiattisce il tutto, rendendo i protagonisti più che altro dei semplici stereotipi. La colpa non è certo del cast, decisamente calato nella parte, ma della fretta con cui l’argomento è stato trattato.

Un titolo senza infamia e senza lode insomma, alla cui (parziale) riuscita ha contribuito in maniera rilevante l’interpretazione dell’allora semisconosciuta Jennifer Carpenter. La sua mimica e le sue movenze difficilmente si riescono a dimenticare, anche molto tempo dopo la visione del film.

Vi ricordiamo che su Amazon.it potete trovare l’edizione home video del film.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il film di Breaking Bad è già stato girato, parola di Saul Goodman 22 Agosto 2019 - 21:30

Bob Odenkirk ha rivelato che le riprese del film Netflix si sono concluse in gran segreto

Paul Rudd e… Paul Rudd nelle prime immagini di Living With Yourself, la nuova serie Netflix 22 Agosto 2019 - 21:15

Paul Rudd è il (doppio) protagonista di Living With Yourself, una nuova serie comedy targata Netflix creata da Timothy Greenberg. Ecco le prime immagini.

Homecoming – Trovato il regista della seconda stagione 22 Agosto 2019 - 20:30

La seconda stagione della serie Amazon Homecoming ha trovato il suo regista. Si tratta di Kyle Patrick Alvarez, regista di The Standford Prison Experiment e di alcuni episodi della serie Netflix Tredici.

Yado – Red Sonja (FantaDoc) 22 Agosto 2019 - 14:49

La storia di Yado (Red Sonja) con Brigitte Nielsen e Arnold Schwarzenegger: come una certa modella danese si è ritrovata a portare sulle spalle l'eredità di Conan il barbaro. Morendo di freddo in Abruzzo.

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Kronos, sfida al passato 21 Agosto 2019 - 16:20

La storia della serie TV Kronos - Sfida al passato (The Time Tunnel) e dei suoi viaggi nel tempo all'insegna del riciclo totale e delle sfighe cosmiche. Con un pizzico di John Williams.

7 cose che forse non sapevate su Nino il mio amico ninja 20 Agosto 2019 - 14:38

Dall'inquietante versione live action al remake e al treno dedicato, sette curiosità su Nino il mio amico ninja.