L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Berlino 2012 – Vince Cesare deve Morire dei fratelli Taviani!

Berlino 2012 – Vince Cesare deve Morire dei fratelli Taviani!

Di Leotruman

Si è svolta questa sera la cerimonia di premiazione della 62esima edizione del Festival di Berlino e l’Italia è tornata a trionfare dopo 21 anni grazie a Paolo e Vittorio Taviani (81 e 83 anni il prossimo autunno) e il loro Cesare deve Morire.

I protagonisti del film sono veri detenuti della sezione di massima sicurezza di Rebibbia a Roma. Girato come docu-fiction girata, racconta di come gli stessi detenuti abbiano messo in scena una rappresentazione del Giulio Cesare di Shakespeare. La casa di distribuzione Sacher lo farà uscire in Italia a partire dal 2 marzo mentre sarà la Adopt Films a distribuirlo negli Stati Uniti.

Cesare deve morire Teaser Poster Italia

A Royal Affair di Nikolaj Arcel ha invece vinto due premi, miglior attore a Mikkel Boe Folsgaard e miglior sceneggiatura a Nikolaj Arcel e Rasmus Heisterberg. L’Orso d’argento per la migliore attrice è andato a Rachel Mwanza per War Witch di Kim Nguyen, mentre quello per la miglior regia è andato a Christian Petzold per Barbara. Il Gran Premio della giuria è andato invece all’ungherese Just the Wind di Bence Fliegauf.

Ricordo che la Giuria quest’anno era presieduta dal regista inglese Mike Leigh ed era composta anche da Francois Ozon, Jake Gyllenhaal e Charlotte Gainsbourg. Ecco la lista completa dei vincitori:

GOLDEN BEAR FOR THE BEST FILM

Cesare deve morire (Caesar Must Die)
by Paolo & Vittorio Taviani

JURY GRAND PRIX-SILVER BEAR
Csak a szél (Just The Wind)
by Bence Fliegauf

SILVER BEAR FOR BEST DIRECTOR
Christian Petzold for Barbara (Barbara)

SILVER BEAR FOR BEST ACTRESS
Rachel Mwanza in Rebelle (War Witch) by Kim Nguyen

SILVER BEAR FOR BEST ACTOR
Mikkel Boe Følsgaard in En Kongelig Affære (A Royal Affair) by Nikolaj Arcel

SILVER BEAR FOR AN OUTSTANDING ARTISTIC CONTRIBUTION
Lutz Reitemeier for the photography in Bai lu yuan (White Deer Plain) by Wang Quan’an

SILVER BEAR FOR THE BEST SCRIPT
Nikolaj Arcel, Rasmus Heisterberg for En Kongelig Affære (A Royal Affair) by Nikolaj Arcel

ALFRED BAUER PRIZE, awarded in memory of the Festival founder, for a work of particular innovation: Tabu by Miguel Gomes

SPECIAL PRIZE-SILVER BEAR: L’enfant d’en haut Sister by Ursula Meier

BEST FIRST FEATURE AWARD, endowed with 50,000 Euros, funded by GWFF
Kauwboy Kauwboy by Boudewijn Koole

Ecco il trailer di Cesare deve Morire, il vincitore della Berlinale 2012:

Fonte: deadline

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

La donna alla finestra – 20 curiosità sul film con Amy Adams 14 Maggio 2021 - 20:00

La Donna alla finestra, disponibile su Netflix, è l'ultimo film di Joe Wright, con protagonista Amy Adams: ecco alcune curiosità sulla pellicola!

Ultraman: Netflix prepara un nuovo film d’animazione 14 Maggio 2021 - 19:30

Sarà diretto da Shannon Tindle e animato dalla Industrial Light and Magic, e seguirà un nuovo protagonista

The Underground Railroad: su Prime Video la nuova serie di Barry Jenkins 14 Maggio 2021 - 19:00

Su Amazon Prime Video arriva The Underground Railroad, la nuova serie di Barry Jenkins. Ecco tutto quello che dovete sapere, la trama, il cast, il trailer.

Love, Death & Robots, la seconda stagione 14 Maggio 2021 - 15:49

Sbarca su Netflix la seconda stagione di Love, Death & Robots: pochi robot, un po' di amore, abbastanza morti.

Venom – La furia di Carnage: sì, ma chi è Carnage, il simbionte rosso? 11 Maggio 2021 - 15:52

La storia a fumetti di Carnage, la nemesi di Venom nel secondo film del simbionte dalla lingua lunga.

Anna di Niccolò Ammaniti e il coraggio di una TV che da noi non fa nessuno 10 Maggio 2021 - 11:15

Una miniserie potente, coraggiosa e, come ogni storia di Ammaniti, in grado di prenderti il cuore e portatelo via.