L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Angelina Jolie racconta il suo primo film da regista

Di Valentina Torlaschi

Da sempre impegnatissima sul fronte umanitario, Angelina Jolie ha deciso di denunciare le atrocità e le ingiustizie del mondo contemporaneo anche nella sua prima prova da regista: In the Land of Blood and Honey.
Il film, che era stato criticato in fase di realizzazione salvo poi ottenere, una volta finito, numerosi riconoscimenti tra cui lo Stanley Kramer Award da parte della Producers Guild of America, racconta la storia d’amore tra un serbo e una bosniaca durante il conflitto che ha frantumato la ex Jugoslavia negli anni Novanta. Un conflitto in cui 50.000 donne sono state stuprate.

Angelina Jolie ha parlato di questa intensa esperienza con il giornalista John Hiscock del The Telegraph Group (l’articolo è stato ripreso anche sulle pagine del Corriere della Sera di oggi) spiegando le ragioni che l’hanno portata ad affrontare questa triste pagina della Storia: «ho voluto fare questo film perché, negli ultimi dieci anni, viaggiando in tutto il mondo ho visto cose terribili». E terribile è ovviamente la realtà di stupri e violenze che la Jolie racconta: «abbiamo descritto con realismo la violenza contro le donne ma la realtà è stata mille volte peggio». Violenze così efferate che, per alcune scene, la donna ha dovuto vietare ai propri bambini di venirla a trovare sul set.

Un set psicologicamente molto faticoso, insomma. La Jolie si era poi avvalsa di attori del luogo: interpreti di nazionalità serba, musulmana o croata che erano stati direttamente coinvolti nel conflitto e magari costretti ad affrontare la morte dei propri familiari: «è stato molto difficile perché chiedevo loro di ripercorrere esperienze che avevano veramente vissuto».

Per realizzare In the Land of Blood and Honey, Angelina Jolie si è documentata a lungo incontrando sopravvissuti, vittime di guerra, ma anche esponenti istituzionali e comandanti della Nato.

Il film, il cui budget si è aggirato sui 10 milioni di sterline, è stato scritto e anche prodotto dalla stessa Jolie. La quale sembra già avere un altro progetto da girare “dietro la macchina da presa”, una storia probabilmente ambientata in Afghanistan: «mi è piaciuto molto fare la regista e vorrei ripetere l’esperienza».

Fonte: The Telepgraph

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Suicide Squad contro Starro nel nuovo poster illustrato 7 Maggio 2021 - 9:45

James Gunn ha condiviso un poster di The Suicide Squad illustrato da Marcelo Damm che imita la vecchia copertina di un fumetto.

The Green Knight – I character poster del film di David Lowery 7 Maggio 2021 - 8:45

Sono disponibili cinque character poster di The Green Knight, l'attesissimo fantasy di David Lowery targato A24 e basato su una storia dei miti arturiani.

Cenerentola: il film Sony con Camila Cabello andrà su Prime Video 6 Maggio 2021 - 21:30

Amazon Studios sta per stringere un accordo con Sony e distribuirà il film su Prime in tutto il mondo, tranne che in Cina

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.