L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

American Horror Story, il finale della prima stagione

Di emanuele.r

Attenzione: il seguente articolo può contenere spoiler. Leggetelo a vostro rischio o se avete visto l’episodio. 

Si è conclusa ieri sera la prima stagione di American Horror Story, la serie di Falchuk e Murphy trasmessa da Fox il martedì in seconda sera: Rinascita (Afterbirth il titolo originale) semina sorprese lungo tutta la sua durata, sia per scelte narrative, sia per struttura, sia per prospettive nella seconda stagione, magari sbandando ma con una forza che molte serie dovrebbero invidiargli.

Dopo la morte di Vivien e Violet, Ben non riesce ad adattarsi e pensa al suicidio: lo aiutano in questo Hayden e gli altri fantasmi. Ma anche da morta, la famiglia Harmon deve lottare per proteggere il figlio appena nato. La morte di Ben, piazzata a 10 minuti dall’inizio dell’episodio, è solo una delle sorprese dell’episodio scritto da Jessica Sharzer e diretto da Bradley Buecker che chiude in modo notevole la stagione.

Aperto da un prologo nove mesi prima in cui Vivien sta per andarsene, ma il marito la trattiene con la promessa di una nuova casa e una nuova vita, Rinascita comincia come un finale, con Ben che, sfiduciato dalla vita e dalla casa, medita il suicidio e poi, aggredito da Hayden e da altri fantasmi, viene impiccato, penzolando dalla balaustra. Invece, l’episodio inizia da qui: da una parte Constance che, dopo essersi vista soffiare via il bimbo da Ben a inizio puntata, approfitta della tragedia per potarlo via e nasconderlo alla polizia; dall’altra, la ritrovata famiglia Harmon che si trova a dover affrontare gli altri fantasmi e i nuovi arrivati. Anche loro vanno cacciati, ma, anziché con le cattive, seguendo il consiglio di Moira, ossia in modo “gentile”. Vale a dire, inscenando un macabro spettacolo di morte e paura, con Ben nella tuta di lattice pronta a possedere la signora e Vivien intenta a spaventare l’uomo con un grand guignol di pistolettate e squartamenti per farli scappare.

Una scelta narrativa che rappresenta in un certo senso la visione della serie da parte degli autori, un American Horror Show, uno spettacolo sanguinoso e consapevole della sua natura d’artificio che spaventa e diverta gli spettatori venandosi di auto-parodia. Più tenera e dolente la storia tra i ragazzi, tra Tate e Violet: la natura del ragazzo è tutt’altro che pacifica e lo sappiamo, perciò quando vede il figlio dei nuovi arrivati parlare con Violet non regge la tensione e mentre gli Harmon cercano di salvare i nuovi arrivati dagli altri fantasmi, lui cerca di ucciderlo davvero. A salvarlo è Violet, che convince Tate a darle un bacio d’addio permettendo al ragazzino di fuggire per poi dare davvero l’addio al figlio di Constance. Che disperato cerca conforto nelle parole di Ben come terapeuta, il quale non concedendogli alcun perdono lo caccia, idealmente fuori casa. Come nel finale, in cui la ritrovata famiglia Harmon fantasma (compreso il gemello morto) festeggia il Natale – con spirito velatamente ironico – mentre Tate e Hayden restano dietro a un cancello, costretti ad “aspettare per sempre, se necessario”.

E se qui si chiude la storia della stagione, visto che come hanno dichiarato autori e produttori ogni stagione racconterà una storia differente, come proseguirà la serie alla luce dell’epilogo? Infatti, tre anni dopo, Constance si vanta della parrucchiera del suo bellissimo bambino, destinato a grandi cose: ma essendo, forse, il figlio del demonio, le grandi cose sono una tata sgozzata sul pavimento e mani sporche di sangue mentre il viso sorride. E’ questa l’ultima e inquietante immagine di una serie che, nonostante le critiche e i dubbi, ci ha conquistato e fatto vedere che l’horror in tv, grazie a sceneggiature che frullano i cliché in modo originale e regie che utilizzano il montaggio in senso anti-analitico e anti-classico, spiazzando e togliendo allo spettatore punti di riferimento, è possibile e auspicabile. A maggior ragione se le premesse per la seconda stagione – che dovrebbe partire nell’autunno 2012 – vedranno in prima linea la grande Jessica Lange. Voi che ne pensate? Avete apprezzato il finale e la serie? Commentate questo post e restate su Screenweek per nuove, eccitanti serie televisive.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Rosaline: Kaitlyn Dever in una versione revisionista di Romeo e Giulietta 7 Maggio 2021 - 12:45

Prodotto da 20th Century Studios, il film sarà tratto dal romanzo Io, Romeo e Giulietta di Rebecca Serle

Titans 3 – L’Arkham Asylum nelle nuove foto dal set 7 Maggio 2021 - 12:15

Le nuove foto dal set di Titans 3 - le cui riprese sono in corso a Toronto - mostrano il famigerato Arkham Asylum, dove sarà rinchiuso lo Spaventapasseri.

Il presente e il futuro di Star Wars, gli Eterni e le altre novità dell’MCU 7 Maggio 2021 - 11:31

Il sufficientemente dinamico duo composto da Filippo Magnifico e Alessandro Apreda (DocManhattan) ci parla del presente e del futuro di Star Wars, e di cosa dobbiamo aspettarci da questa Fase 4 del Marvel Cinematic Universe.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.

Perché i G.I. Joe come Snake Eyes sono figli della Marvel (e dello SHIELD) 29 Aprile 2021 - 11:53

Storia breve di come Snake Eyes e i G.I. Joe che conosciamo oggi sono stati creati dalla Marvel Comics... e da un incontro casuale in un bagno.