Condividi su

03 gennaio 2012 • 09:17 • Scritto da Marco Triolo

Martin Scorsese considera il 3D per Silence e Sinatra

Il regista ha detto che tornerà a utilizzare il 3D dopo Hugo Cabret, forse proprio nei due prossimi film che ha in programma, il dramma storico Silence e il biopic su Frank Sinatra...
Post Image
1

Hugo Cabret Martin Scorsese foto dal set 1

Dopo aver ricevuto le lodi di tutto il mondo per il suo uso del 3D in Hugo Cabret (che noi vedremo il 3 febbraio), Martin Scorsese ha lasciato intendere che anche i suoi prossimi film potrebbero essere in 3D. Il regista lo ha rivelato a Variety: “Sto considerando la possibilità”, si è limitato a dire. Ma visto che i due film che ha attualmente in preparazione sono Silence, storia di missionari gesuiti nel Giappone del diciassettesimo secolo, e il biopic Sinatra, la notizia è piuttosto sorprendente. Non si tratta di film normalmente associati al 3D, infatti, ma di pellicole che presuppongono una narrazione classica e sobria.

Eppure, Scorsese non è un regista disposto a utilizzare il 3D solo perché è di moda. Commentando alcune dichiarazioni di Steven Spielberg sull’uso coscienzioso della nuova tecnologia, il regista ha detto:

“Sono d’accordo con Steven. Sono sempre stato interessato al 3D, e pensavo che avesse senso per Hugo. Generalmente, a un’evoluzione della tecnologia corrisponde un senso di eccitazione. La stessa cosa è accaduta con l’introduzione del Technicolor, del Cinemascope e del Dolby. E poi tutti ricordano che è solo un mezzo, non un fine. Il vero 3D è bellissimo, ma è solo una scelta, uno strumento fra tanti, e bisogna usarlo solo se è lo strumento giusto”.

Un punto di vista intelligente che può provenire solo da uno dei massimi cineasti mondiali. Francamente non trovo che il 3D sia lo “strumento giusto” per i succitati Silence e Sinatra, ma se Scorsese riuscirà a trovare un modo per usarlo con stile, allora ben venga. Che ne dite?

(Fonte: Variety via /Film)

Condividi su

Un commento a “Martin Scorsese considera il 3D per Silence e Sinatra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *