L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

L’Arte di Vincere, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

L'arte di vincere Poster ItaliaRegia: Bennett Miller
Cast: Brad Pitt, Philip Seymour Hoffman, Robin Wright, Jonah Hill, Chris Pratt, Tammy Blanchard, Jack McGee, Kerris Lilla Dorsey
Durata: 2h 13m
Anno: 2011

Billy Beane (Brad Pitt) è il general manager degli Oakland Athletics, una squadra di baseball tutto sommato buona, che però non è in grado di competere con la disponibilità economica dei suoi avversari. Un problema che emerge in maniera evidente nel momento in cui, alla fine della stagione, gli Oakland perdono alcuni dei loro giocatori migliori. Una bella grana per Billy, che si trova costretto a gestire sia la carenza di atleti che quella di soldi. Durante la sua ricerca quest’uomo fa la conoscenza di Peter Brand (Jonah Hill), un giovane laureato in economia che gli illustra un metodo completamente nuovo, basato sulla statistica, per reclutare ottimi giocatori a buon mercato. Billy decide di dare fiducia al ragazzo e, circondato dallo scetticismo dei suoi collaboratori, comincia a formare una squadra che, sulla carta, non ha alcuna possibilità di vincere.

Che lo sport sia spesso e volentieri una metafora di vita è ormai cosa nota. Ci sono moltissimi lungometraggi ispirati a storie più o meno vere a cui si è recentemente aggiunto L’Arte di Vincere, diretto da Bennett Miller, scritto da un duo da Oscar del calibro di Steven Zaillian e Aaron Sorkin e interpretato da grandi nomi del calibro di Brad Pitt, Jonah Hill, Robin Wright Penn e Philip Seymour Hoffman. Un piccolo fenomeno all’estero, capace di fare incetta di premi e nomination (tra cui una recentissima candidatura come Miglior Film agli Oscar 2012) ma che, a conti fatti, si rivela come un prodotto nella media, senza infamia e senza lode e decisamente poco esaltante. Risulta difficile credere che tutto questo sia dovuto alla poca considerazione che il baseball gode qui Italia. Sicuramente una storia del genere è in grado di fare molta più presa sul pubblico americano, che conosce bene l’avventura del general manager Billy Beane è può dunque godere maggiormente della sua versione romanzata, ma è anche vero che ci troviamo di fronte ad un’opera che per gran parte della sua durata non riesce a decollare e che, quando lo fa, rimane comunque molto vicina al terreno. L’esperienza ci ha insegnato che al cinema, come in qualunque altro ambito artistico, non sono tanto le grandi storie a vincere, quanto il modo in cui le si racconta e, molto probabilmente, quello scelto da Bennett Miller non è stato il migliore.

Da più parti si è poi parlato dell’ottimo lavoro fatto da Steven Zaillian e Aaron Sorkin, che hanno adattato per il grande schermo il libro Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game scritto da Michael Lewis. Cosa indubbiamente vera ma che di certo non riesce a sollevare questa storia quel tanto che basta per farla diventare il piccolo fenomeno esaltato oltreoceano.
Rimane il piacere di vedere un cast in forma e decisamente calato nella parte. Tra un Brad Pitt intento a serrare le sue mascelle ogni due minuti e un Philip Seymour Hoffman imbolsito per esigenze (più o meno) di copione la vera sorpresa rimane Jonah Hill, che, intento ad interpretare un ruolo decisamente distante da quelli a cui ci aveva abituati, è stato in grado di rivelarsi più che mai convincente e intenso.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Lucca Comics & Games sbarca a Milano con Feltrinelli: ecco lo store rinnovato di piazza Piemonte 26 Novembre 2020 - 14:15

Abbiamo visitato lo store Feltrinelli di piazza Piemonte a Milano, appena rinnovato in collaborazione con Lucca Comics & Games: spazio anche ai giochi da tavolo, agli e-games e alla multimedialità.

Euphoria: due poster per gli episodi speciali della serie HBO 26 Novembre 2020 - 13:15

In attesa della stagione 2 di Euphoria (che si girerà nel 2021), HBO regalerà ai fan due episodi speciali.

Per il New York Times Toni Servillo è uno dei 25 più grandi attori del secolo 26 Novembre 2020 - 12:34

Il New York Times ha pubblicato la classifica dei 25 più grandi attori del ventunesimo secolo, che comprende anche il nostro Toni Servillo.

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?