L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

C’era una volta, il commento a La cosa giusta da fare

Di emanuele.r

Attenzione: il seguente articolo può contenere spoiler. Leggetelo a vostro rischio o se avete visto l’episodio. 

La versione che tutti conosciamo della fiaba di Biancaneve differisce, tra le varie cose, dall’originale dei Grimm perché non racconta fino in fondo come la protagonista e il principe azzurro si conobbero. A svelare questa parte del racconto al grande pubblico ci pensa C’era una volta, la serie fiabesca di Kitsis e Horowitz in onda ogni martedì sera su Fox.

L’episodio La cosa giusta da fare (in originale Snow Falls), infatti, racconta l’incontro tra i due eroi della fiaba, con Biancaneve costretta a rubare, dopo che ha scoperto che la regina vuole ucciderla, e il principe che da vittima si trova ad aiutare la bella ladra per poter tornare dalla propria fidanzata. Nel mondo reale, invece, il principe è uno sconosciuto in coma a cui Mary Margaret fa da volontaria, ma che grazie a lei si sveglia e fugge dall’ospedale. Scritto da Liz Tigelaar e diretto da Dean White, il terzo episodio della serie si concentra sui due veri protagonisti dell’intreccio, raccontando così l’amore eterno.

Tema interessante soprattutto perché evidenzia bene il cambio di prospettiva tra il mondo reale e quello delle favole, tra il pre e il post incantesimo. Prima del sortilegio della regina cattiva, Biancaneve è un maschiaccio che non crede all’amore eterno, sogna di fuggire in un paese solo per lei e deruba la dote della promessa sposa del principe, un’insopportabile biondina; dopo, Mary Margaret è ingabbiata da un amore che desidera ma che non arriva, soprattutto perché è in coma. A svegliarlo ci pensa un’idea di Henry: leggere a John Doe – così lo chiamano in ospedale perché sconosciuto – la loro fiaba, così da suscitargli qualcosa. E così avviene, solo che scappa dall’ospedale.

La ricerca avviene sfuggendo al controllo della regina che può contare sulla collaborazione del dottore (con cui Mary Margaret ha un terribile appuntamento a inizio episodio) per tenere sotto controllo il “principe”: il ritrovamento avviene sul fiume, ai piedi del T(r)oll Bridge, lo stesso ponte dei troll dove nell’irrealtà i due sconfissero i mostri grazie alla polvere magica di Biancaneve, e dove dicendosi un provvisorio addio, capirono di essere innamorati. Ma visto che nel mondo reale il lieto fine non esiste, almeno finché Henry ed Emma non romperanno l’incantesimo, quando John Doe viene ritrovato – e svegliato da un bacio di Mary Margaret –  e sottoposto alle cure per farlo rinvenire, riappare la moglie dell’uomo, che finora non l’aveva mai cercato, ed è la principessa promessa sposa al principe nella favola.  Fa bene Emma quindi a non fidarsi di Regina, che teneva sotto controllo il paziente per poter manipolare Biancaneve, e fa altrettanto bene a sconfiggere la solitudine andando ad abitare assieme a Mary Margaret (“Non avere qualcuno che si ama è la peggior maledizione possibile”, dice Regina a Emma).

La cosa giusta da fare è un episodio più di contesto che di intreccio, che anziché raccontare la lotta tra il bene e il male per rompere l’incantesimo, continua a descrivere i due mondi, i loro punti di contatto e di divergenza e soprattutto il modo in cui i vari personaggi interagiscono, in senso lato, coi propri omologhi senza magia e mistero. La sceneggiatura gioca sul sicuro ed è un po’ semplice, mentre la regia a tratti ricorda, nel bene e nel male, i toni di Fantaghirò (soprattutto per via di trucco ed effetti speciali non proprio impeccabili, come nel duello coi troll): ancora la serie non ha dispiegato le ali e più che magica sembra un po’ infantile, ma alcune trovate non sono affatto male, e soprattutto gli attori fanno il dovere. Stavolta, plauso particolare, alla deliziosa espressività della Biancaneve di Ginnifer Goodwin, che tiene in disparte Jennifer Morrison. Voi che ne pensate di questo episodio? Vi è piaciuto? Appuntamento alla prossima settimana su Screenweek con C’era una volta.

Cinema chiusi fino al 3 dicembre, QUI gli ultimi aggiornamenti.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Box Office: Demon Slayer supererà questa settimana i ¥28 miliardi, arriverà a ¥29 miliardi? 2 Dicembre 2020 - 1:03

Demon Slayer supererà questa settimana i ¥28 miliardi al box office giapponese arriverà a ¥29 miliardi? Violet Evergarden: The Movie si prepara a superare i ¥2 miliardi

Melissa McCarthy star della serie Netflix God’s Favorite Idiot 1 Dicembre 2020 - 21:30

L'attrice sarà affiancata dal marito Ben Falcone, nei panni di un involontario messaggero di Dio

Spider-Man: Un Nuovo Universo 2 conterrà il glitch di Miles Morales 1 Dicembre 2020 - 21:05

Il glitch del videogioco Spider-Man: Miles Morales potrebbe apparire in Spider-Man: Un Nuovo Universo 2. Ma verranno messe tutte le versioni o solo la stufetta?

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.