L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Les bien-aimés, 40 anni in musica secondo Honoré

Di emanuele.r


C’era una volta Jacques Demy, regista francese da riscoprire, autore di musical o commedie musicali in cui le canzoni s’innestavano nella quotidianità, senza interrompere la scena come nei film americani, ma diventando parte del mondo reale. Alla sua opera si rifà Christophe Honoré, regista all’ottavo film che con Les bien-aimés (nella Festa mobile-Figure nel paesaggio del festival di Torino dopo aver chiuso Cannes) si sposta dal dramma disturbante dei suoi precedenti film per toccare le corde della malinconia sorridente e canterina.
Al centro del film ci sono una mamma e una figlia e il loro percorso di vita lungo 40 anni di storia: la madre libertina, che si concede adulteri e relazioni clandestine con l’ex-marito senza smettere di amare il proprio uomo, la figlia decisa a non essere come la madre (invano) inseguendo amori impossibili. Scritta dal regista un’ambiziosa commedia cantata (canzoni di Alex Beaupin che cambiano col corso degli anni) che racconta attraverso il tempo la sessualità e i costumi di due donne.

Il film parte dal 1964, dai primi venti di liberazione sessuale e di repressione comunista (il primo marito della madre è un medico cecoslovacco), e arriva nel 2008: in mezzo, l’opera racconta come amore e libertà, abitudini e convenzioni sono cambiate e sono state infrante, mettendo soprattutto in evidenza l’orgoglio dei personaggi per i propri difetti, la leggerezza con cui la vita va presa. Honoré continua a mettere al centro della sua poetica l’attrazione fisica, l’evidenza psicologica dell’eros, ma qui sa farlo con grazia, malizia e levità, usando le canzoni per scavare a fondo nei personaggi (molto bella O Prague cantata dalla mamma da giovane).
Dove il film ha delle carenze però è proprio nella forma e nello stile, che non pare accompagnare – o almeno non sempre – la musica, non diventa armonia della regia, resta statica e non aiuta a superare i cedimenti del racconto, che nella chiusura pare un po’ troppo programmatico. Se quindi Les bien-aimés sa farsi ben volere è per via di una recitazione davvero luminosa: Catherine Deneuve è un mostro sacro e la figlia Chiara Mastroianni pare farle eco, e alla conferma della bellezza di Ludivine Sagnier arriva la sorpresa di un delizioso Milos Forman, che incarna perfettamente quell’unione di giovinezza e vecchiaia alla base del film. E voi cosa ne pensate dei film con canzoni come questo? Continuate a seguirci su Screenweek per saperne di più del festival di Torino.

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Predator: i creatori della saga fanno causa a 20th Century Studios per i diritti 18 Aprile 2021 - 11:00

Jim e John Thomas, sceneggiatori del Predator originale, vogliono riavere i diritti dopo 35 anni

I Am All Girls: il trailer del thriller sudafricano, dal 14 maggio su Netflix 18 Aprile 2021 - 10:00

Il film vedrà due detective sudafricane indagare su un giro di prostituzione minorile negli anni dell'Apartheid

Selena: La serie – Il trailer della seconda parte, dal 4 maggio su Netflix 18 Aprile 2021 - 9:00

La seconda parte di Selena: La serie arriverà su Netflix il prossimo 4 maggio. Ecco il trailer.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.

MCU: chi sono e da dove vengono Ayo e le altre Dora Milaje di Wakanda 14 Aprile 2021 - 9:27

Le origini nei fumetti Marvel (e la storia VERA) delle Dora Milaje di Black Panther, riapparse ora in The Falcon and the Winter Soldier.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.