L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Win Win-Mosse vincenti, egoismo e riscatto secondo Paul Giamatti

Di emanuele.r

Lo sport, e negli ultimi tempi lo abbiamo ripetuto spesso, è la metafora preferita dal cinema americano per raccontare i limiti dell’essere umano ma anche la propria forza: lezione imparata, riveduta e corretta da Thomas McCarthy, regista di notevole sensibilità che al terzo film (dopo gli ottimi The Station Agent e L’ospite inatteso) è in concorso al Festival di Torino con Mosse vincenti, in cui la pratica sportiva di riferimento è la lotta greco-romana.

Protagonista del film è Mike, avvocato di nessun successo e allenatore di una penosa squadra di lotta al liceo a cui cambia la vita quando, dopo essersi assunto l’incarico di gestire un vecchio infermo, vede arrivare il di lui nipote, in fuga dalla famiglia ma con un grande talento per la lotta. Commedia dalle vene drammatiche e umaniste, timbro proprio del regista e del cinema seventies a cui s’ispira, scritta dal regista con Joe Tiboni per raccontare cosa significa – non solo attraverso lo sport – il riscatto e la cura per gli altri.

Centrato sul più americano dei valori, ossia quello della seconda opportunità che tutti meritano, il film parte come una parabola dall’andamento classico, in cui la voglia di emergere, di affrontare o dimenticare il passato e i propri limiti, passano attraverso l’agonismo, ma diventa coi minuti una riflessione sull’egoismo che si nasconde in ogni gesto anche “eroico” e su come come quello conta nella vita sia fare “qualunque c…o di cosa” per restare a galla, per non affogare. Morale nient’affatto facile o edulcorata che McCarthy racconta con il tono sorridente e sincero che abbiamo imparato a conoscere, affezionandosi ai suoi personaggi con humour discreto.

Per merito in primis di una sceneggiatura che arricchisce la sua costruzione lineare di sottotesti e sottotoni, ma anche di una regia sicura nel condurre lo spettatore al limite dell’emozione, senza sfiorare mai il patetismo, e di dirigere gli attori in una grande recitazione tra le righe: impagabili i giochi di sguardi tra Paul Giamatti e Amy Ryan, ma anche la purezza delle mosse e delle carezze, vestite da schiaffi, chieste dal platinato Alex Shaffer. Una di quelle opere piccole e preziose, che paiono una di quelle persone messe in disparte, che nessuno vorrebbe ascoltare, ma che in realtà hanno molto da dire. Che ne dite, v’ispira questo film? Per altri consigli dal festival di Torino, continuate a seguirci su Screenweek.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Chi ha sparato al signor Burns? 25 anni fa I Simpson rispondevano a questa domanda 18 Settembre 2020 - 15:32

Chi ha sparato al signor Burns?, uno degli episodi più famosi de I Simpson, ha compiuto 25 anni. Ecco il ricordo degli sceneggiatori Bill Oakley e Josh Weinstein.

Dune: un’action figure ci permette di dare il primo vero sguardo al Barone Harkonnen 18 Settembre 2020 - 15:30

Ecco il look del Barone Vladimir Harkonnen, interpretato da Stellan Skarsgård in Dune, il nuovo film di Denis Villeneuve che porta sul grande schermo il celebre romanzo di Frank Herbert.

She-Hulk, Mark Ruffalo dà il benvenuto a Tatiana Maslany 18 Settembre 2020 - 14:45

Mark Ruffalo dà il benvenuto a sua "cugina" Tatiana Maslany, appena scritturata nel ruolo di Jennifer Walters nella serie She-Hulk.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.