L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Pezzi di cinema, Ultimatum alla Terra (1951)

Di Marco Triolo

“Klaatu barada nikto!”. Dopo avervi deliziato con una serie di classici horror, torniamo al genere fantascientifico con Ultimatum alla Terra, diretto nel 1951 da Robert Wise. Siamo all’alba dell’era atomica e della Guerra Fredda, e la paranoia inizia a strisciare nei cuori di tutti i cittadini del blocco ovest, americani in primis. Per questo, il produttore Julian Blaustein setacciò il mondo della narrativa sci-fi per trovare uno spunto ideale per trattare questi temi all’ordine del giorno in un film fantastico. La scelta cadde sul racconto breve “Farewell to the Master” di Harry Bates. Ma la sceneggiatura di Edmund H. North fece ben più che adattare semplicemente il testo.

La storia di Ultimatum alla Terra è incentrata sull’arrivo a Washington di un alieno, Klaatu (Michael Rennie), accompagnato dall’androide Gort. Klaatu è stato incaricato di riferire ai terrestri un messaggio importantissimo: una federazione di pianeti ha decretato che la Terra sarà spazzata via se gli umani non si daranno una regolata nella corsa alle armi atomiche. Nessuno lo ascolta, però, e Klaatu si rifugia da una famiglia per sfuggire all’esercito. Riuscirà a riferire il messaggio, ma il finale rimane aperto e ambiguo. L’unica cosa non ambigua è il paragone fra Klaatu e Cristo, fortemente voluto dallo sceneggiatore North, che intendeva usarlo a livello subliminale. Ma la resurrezione di Klaatu alla fine, e il fatto che, durante la sua fuga dall’ospedale in cui è detenuto all’inizio del film, ruba l’uniforme di un certo “Maggiore Carpenter” (in inglese “Falegname”), sono prove schiaccianti delle intenzioni di North. Al punto che Joseph Breen, censore della MPAA assegnato al film, obbligò Wise a inserire un dialogo per spiegare che la resurrezione di Klaatu era solo temporanea, e che il potere sulla vita e la morte spettava “all’Onnipotente Spirito”.

Per il resto, Ultimatum è uno dei più grandi classici della fantascienza anni Cinquanta, ed esprime con impareggiabile potenza un tema davvero scottante come la natura bellicosa degli uomini. Certo, il concetto di una federazione di pianeti disposta a cancellare dall’esistenza un intero mondo per il bene comine sa un po’ da guerra preventiva in stile americano, e come idea è un bel po’ invecchiata. Ma ciò non toglie che il messaggio finale arrivi come un pugno nello stomaco ancora oggi.

A seguire, l’arrivo di Klaatu a Washington. Pensate che al design della nave spaziale contribuì anche il famosissimo architetto Frank Lloyd Wright.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Godzilla Vs Kong: un altro assaggio del trailer in arrivo domenica 23 Gennaio 2021 - 9:00

Domenica 24 gennaio vedremo il primo trailer di Godzilla Vs. Kong. Nell’attesa ecco un breve assaggio, che mostra il lato più tenero dell’ottava meraviglia del mondo.

Paramount rimanda A Quiet Place II a settembre 23 Gennaio 2021 - 8:02

Il sequel di John Krasinski era programmato per il 23 aprile, ma è stato spostato ancora

Brie Larson protagonista della serie Lessons in Chemistry per Apple TV+ 22 Gennaio 2021 - 20:45

La serie sarà scritta da Susannah Grant di Unbelievable e basata sul romanzo di Bonnie Garmus

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.