L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Midnight in Paris, il ritorno di Woody Allen al suo meglio

Di emanuele.r


Da sempre nel cinema di Woody Allen l’Europa è vista come faro, come punto d’arrivo, un po’ per il background cinefilo e un po’ per l’accoglienza critica che i suoi film hanno nel vecchio continente, soprattutto in Francia (nel finale di Hollywood Ending, il suo film girato e montato da cieco viene accolto come capolavoro solo a Parigi). E proprio a Parigi come principale tappa di un viaggio, Woody si ferma per girare Midnight in Paris, il suo film più bello da molti anni a questa parte, addirittura migliore del pur bellissimo Match Pointpresentato nella sezione Festa mobile-Figure nel paesaggio del 29° Torino Film Fest .
Midnight in Paris racconta di Gil, uno scrittore prestato al cinema che però è insoddisfatto tanto della carriera quanto della sua vita da promesso sposo della bella, ma un po’ algida Inez. Quando durante un soggiorno a Parigi, in cerca di ispirazione, Gil resta a spasso fin dopo la mezzanotte, scopre che la città si trasforma e torna quella degli anni ’20, della Belle Epoque, di Fitzgerald. Spunto fascinoso quanti altri mai che ricorda un po’ La rosa purpurea del Cairo, il film scritto dallo stesso Allen è una commedia romantica e onirica che racconta l’arte e la vita come fossero una formula magica.

Come in molte delle pellicole del grande Woody, il suo 43° lungometraggio mette in scena il bisogno dell’uomo, e soprattutto dell’artista, di un’ispirazione sincera che non sia semplicemente la spinta creativa, ma soprattutto la necessità di vivere bene, di amare, di conoscere quello che è il proprio luogo e il proprio tempo: è questo il cuore del film, la sua morale nel senso fiabesco del termine, ossia capire che è adesso che dobbiamo vivere non in un passato che è sempre migliore nella memoria che nella realtà. Allen racconta tutta la sorpresa e l’amore per un’epoca fatata e poi ne mette in scena i suoi limiti, le sue debolezze, che sono soprattutto quelle degli esseri umani: nonostante la vecchiaia, il regista non si auto-assolve e racconta i limiti di ognuno di noi come fossero i nostri pregi, con l’accettazione tipica della saggezza.
Ma più di ogni altra cosa, sa rendere la magia del racconto, dell’atmosfera, del dialogo, della regia, del cinema in una parola sola, con l’ispirazione e la leggerezza a sostituire la macchinosità di alcuni suoi film recenti: la sceneggiatura si fa veicolo di ricordi e non di opinioni, la messinscena è un gioco nella memoria ricco di sorprese e gli attori, a parte qualche concessione alle macchiette storiche (ma è memorabile il Dalì di Adrien Brody), sono l’essenza stessa del cinema secondo Woody, compagni di merende anche scomode piuttosto che insetti da analizzare, da Owen Wilson a Rachel McAdams, passando per l’incantevole Marion Cotillard, simbolo sensuale e inafferrabile della bellezza di Parigi. E dei suoi simboli forse vani. Se siete amanti di Allen correte a vederlo, commentate e continuate a seguire il festival di Torino su Screenweek.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Women’s Stories: Cara Delevingne, Eva Longoria e Margherita Buy nel cast del film antologico 25 Gennaio 2021 - 21:30

Un film a episodi prodotto in Italia ma diretto e interpretato da un gruppo internazionale di registe e attrici

Tiger King: Joe Exotic ora punta su Biden per avere la grazia 25 Gennaio 2021 - 20:45

Dopo aver tentato invano di ricevere la grazia da Donald Trump, Joe Exotic ha messo gli occhi sul nuovo presidente

AFI Awards – Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 25 Gennaio 2021 - 20:42

Minari, Nomadland, Bridgerton e The Mandalorian nelle Top 10 del 2020 dell'AFI Awards, Hamilton ha ottenuto un premio speciale

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.