Condividi su

21 novembre 2011 • 13:00 • Scritto da Leotruman

L’Arte di Vincere, il trailer e il poster italiano del film con Brad Pitt

L'Arte di Vincere è il nuovo film con protagonista Brad Pitt in arrivo sugli schermi a gennaio. Basato su una storia vera, ecco il trailer del film che parla di un manager di una squadra di baseball che vuole portare al successo escogitando una nuova e particolare strategia.
Post Image
1

Moneyball ha inaugurato quest’anno il Festival di Toronto e ha ricevuto immediatamente caldi consensi da pubblico e critica. Il film, che avrebbe dovuto essere diretto da Steven Soderbergh, ha invece la regia di Bennett Miller.

Ispirato alla biografia di Billy Bane dal titolo Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game e scritta da Michael Lewis, il film arriverà nelle sale italiane con il titolo L’Arte di Vincere, riprendendo appunto il materiale di partenza.

Scritto dal premio Oscar Aaron Sorkin (The Social Network) il film ha come protagonista Brad Pitt, ed è affiancato da ottimi co-primari come Philip Seymour Hoffman, Robin Wright, Jonah Hill, Kathryn Morris e Chris Pratt.

Pitt interpreta il general manager dell’Oakland, una squadra di baseball che nonostante i problemi economici vuole portare al successo escogitando una nuova e “particolare” gestione basata su un sistema di analisi statistica.

Ecco il poster ed il trailer italiano del film:

L'arte di vincere Poster Italia

Si parla di candidatura praticamente certa per Brad Pitt, la terza dopo L’esercito delle 12 Scimmie e Il Curioso Caso di Benjamin Button. Riuscirà a vincere un Oscar prima che si ritiri tra tre anni dalla carriera di attore, come annunciato (ma non ancora confermato) recentemente?

L’Arte di Vincere arriverà sugli schermi italiani il 27 gennaio 2012Per vedere tutti gli altri materiali cliccate sul riquadro qui sotto.

Condividi su

Un commento a “L’Arte di Vincere, il trailer e il poster italiano del film con Brad Pitt

  1. Per me c’è questa possibilità. La candidatura di Brad Pitt ha dalla sua rispetto alle altre ( come Di Caprio, Clooney o gli outsider Gosling e Fassbender ) una discrezione che alla distanza potrebbe pagare. Il ruolo ed il film apparentemente sembrano partiti in sordina, ma da quello che ho visto, lavorano sottotraccia ed accaparrano consensi lungo la strada senza strafare, seguendo un percorso più stabile e solido, con meno sbalzi legati al clamore o alle finestre che improvvisamente si aprono e si chiudono, con i relativi picchi di attenzione o di distanza che si creano intorno ad un film. Dalla sua Pitt ha acquisito da alcuni anni il carisma, rodato da una lunga esperienza, una certa attenzione alle scelte, il glamour che resta confinato ai red carpet ed ai momenti in pubblico con la moglie.Il ruolo in Moneyball comunica tutto questo: un distillato di un paziente, sereno e lungo lavoro, culminato in una maturità acquisita, senza proclami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *