L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il sorriso del capo, Marco Bechis racconta il fascismo

Di emanuele.r


Sul fascismo si sono scritte, dette e fatte vedere migliaia di parole, racconti, metri di pellicola, eppure in quanto enorme fenomeno politico e di massa è sempre foriero di spunti interessanti di riflessione: prova ad approfittarne Marco Bechis, bravo regista italo-argentino di film come Garage Olimpo, che prosegue il suo discorso sulle dittature con Il sorriso del capo, un documentario di montaggio che mostra e spiega il modo in cui il regime di Mussolini creò il consenso.
Attraverso i filmati d’archivio messi a disposizione dell’Istituto Luce, il film illustra i vari modi attraverso cui il regime costruiva la propria propaganda, con in sottofondo i ricordi e le testimonianze del padre regista, giovane spensierato sotto il regime. Bechis più che un documentario in senso stretto realizza un film di montaggio, una sorta di Blob che analizza il modo in cui le dittature non usano solo violenze per diffondersi, ma soprattutto mezzi di comunicazione.

L’archivio dell’Istituto, che con Cinecittà produce il film, in questo senso è immenso e permette al regista di spaziare dai video didattici con cui si spiega il funzionamento del telefono ai filmati esplicativi sul funzionamento dei giornali: mezzi di massa che permisero al regime di uniformare e irregimentare (lo schermidore mancino costretto a usare la destra, vanificando un vantaggio, per non essere diverso dagli altri) un popolo, fargli vestire una divisa e allo stesso tempo distoglierlo dai pensieri e dai problemi del tempo. Volendo è una riflessione sulla politica tout-court, ma a Bechis non interessa il parallelo con l’oggi, si limita a scegliere i filmati più curiosi e interessanti per lo scopo, tra cui la geniale serie del Fesso di guerra, senza però creare una cornice, senza smontare il discorso semiologico, limitandosi alla scelta del materiale. Che è molto curioso, come il dietro le quinte di un discorso del Duce, e sicuramente più interessante delle parole che lo accompagnano, ma non basta per farne un saggio illuminante. Uscirà fra qualche settimana: lo andrete a vedere? Intanto continuate a seguirci su Screenweek, con le news dal Festival di Torino.

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Inauguration Day: Tom Hanks presenta Celebrating America, guarda lo speciale televisivo 21 Gennaio 2021 - 10:23

L’Inauguration Day di Joe Biden e Kamala Harris si è da poco concluso oltreoceano con lo speciale televisivo Celebrating America, presentato dal Premio Oscar Tom Hanks e con le esibizioni di Bruce Springsteen, Foo Fighters, Demi Lovato, Justin Timberlake, John Legend, Jon Bon Jovi e Ant Clemons.

Black Widow – L’uscita del film potrebbe slittare ancora 21 Gennaio 2021 - 9:45

Un nuovo articolo di Variety lascia intendere che l'uscita di Black Widow - attualmente prevista per maggio - potrebbe slittare ancora.

WandaVision – Lo spot del ToastMate 2000, un prodotto Stark Industries 21 Gennaio 2021 - 8:45

Marvel Entertainment ha pubblicato on-line lo spot del ToastMate 2000, visto nel primo episodio di WandaVision: una finta pubblicità che nasconde dei riferimenti al passato di Wanda.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.