L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il sorriso del capo, Marco Bechis racconta il fascismo

Di emanuele.r


Sul fascismo si sono scritte, dette e fatte vedere migliaia di parole, racconti, metri di pellicola, eppure in quanto enorme fenomeno politico e di massa è sempre foriero di spunti interessanti di riflessione: prova ad approfittarne Marco Bechis, bravo regista italo-argentino di film come Garage Olimpo, che prosegue il suo discorso sulle dittature con Il sorriso del capo, un documentario di montaggio che mostra e spiega il modo in cui il regime di Mussolini creò il consenso.
Attraverso i filmati d’archivio messi a disposizione dell’Istituto Luce, il film illustra i vari modi attraverso cui il regime costruiva la propria propaganda, con in sottofondo i ricordi e le testimonianze del padre regista, giovane spensierato sotto il regime. Bechis più che un documentario in senso stretto realizza un film di montaggio, una sorta di Blob che analizza il modo in cui le dittature non usano solo violenze per diffondersi, ma soprattutto mezzi di comunicazione.

L’archivio dell’Istituto, che con Cinecittà produce il film, in questo senso è immenso e permette al regista di spaziare dai video didattici con cui si spiega il funzionamento del telefono ai filmati esplicativi sul funzionamento dei giornali: mezzi di massa che permisero al regime di uniformare e irregimentare (lo schermidore mancino costretto a usare la destra, vanificando un vantaggio, per non essere diverso dagli altri) un popolo, fargli vestire una divisa e allo stesso tempo distoglierlo dai pensieri e dai problemi del tempo. Volendo è una riflessione sulla politica tout-court, ma a Bechis non interessa il parallelo con l’oggi, si limita a scegliere i filmati più curiosi e interessanti per lo scopo, tra cui la geniale serie del Fesso di guerra, senza però creare una cornice, senza smontare il discorso semiologico, limitandosi alla scelta del materiale. Che è molto curioso, come il dietro le quinte di un discorso del Duce, e sicuramente più interessante delle parole che lo accompagnano, ma non basta per farne un saggio illuminante. Uscirà fra qualche settimana: lo andrete a vedere? Intanto continuate a seguirci su Screenweek, con le news dal Festival di Torino.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Tender Bar: prima foto e data di uscita del nuovo film di George Clooney 23 Settembre 2021 - 12:00

Ecco Ben Affleck e Tye Sheridan in una scena del film, tratto da Il bar delle grandi speranze di J.R. Moehringer, a gennaio su Prime Video

Addio a Melvin Van Peebles, pioniere del cinema afroamericano 23 Settembre 2021 - 11:30

Il regista del caposaldo della blaxploitation Sweet Sweetback’s Baadasssss Song si è spento all'età di 89 anni

Spider-Man: No Way Home – Ecco il trailer IMAX! 23 Settembre 2021 - 10:45

È ora disponibile la versione IMAX del trailer di Spider-Man: No Way Home.

What If…?, E se Thor fosse stato John Belushi? 22 Settembre 2021 - 15:10

Il settimo episodio di What If...? è Animal House all'asgardiana. No, sul serio.

Star Wars: Visions, la recensione 21 Settembre 2021 - 18:00

In un Giappone vicino vicino: arrivano su Disney+ i corti anime di Star Wars.

He-Man and the Masters of the Universe, la recensione 16 Settembre 2021 - 9:30

Un godibilissimo remake della storia di He-Man e dei Masters, per ragazzini di ogni età (pure sopra i quaranta, sì).