L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il Re Leone 3D presentato al Festival di Roma, un commento

Di Leotruman

Questa edizione del Festival Internazionale del Film di Roma si avvia alla sua conclusione (domani la premiazione e la cerimonia di chiusura) e questa mattina ci è stata concessa l’opportunità di vedere in anteprima Il Re Leone 3D, riedizione dell’indimenticabile classico della Walt Disney Pictures riconvertito in tre dimensioni.

Operazione nostalgia? Puro marketing? Non ci interessa. Quello che è più rilevante è che vedere un film come Il Re Leone proiettato su uno schermo cinematografico insieme ad un buon impianto audio regala un’esperienza assolutamente non paragonabile alla visione sul proprio televisore nel salotto di casa.

Re Leone 3D Poster Ita 02

Più che il 3D, il vero valore aggiunto di questa riedizione è proprio la possibilità di poterlo rivedere (o vedere per la prima volta) in sala, magari con la famiglia o i propri amici al fianco. Nell’epoca del video on-demand, ma anche della pirateria video ormai inarrestabile, è proprio il valore della sala cinematografica che deve essere riscoperto. Chi se lo dimentica un Avatar o un Inception visti sul grande schermo insieme a centinaia di altre persone trasudanti emozioni e meraviglia? Poi uno può anche vederseli su uno schermo da 7 pollici, magari spendendo 30 dollari come gli americani per guardarlo dopo soli 30 giorni dall’uscita grazie al VOD Premium, e ugualmente apprezzarli. Ma non bisogna dimenticare che la vita di un film nasce in sala e solo in sala la vera magia del cinema continua a mantenersi intatta.

Il Re Leone 3D regala infatti le stesse identiche emozioni di 17 anni fa, le stesse che ho provato in sala da bambino e che non ho più replicato nel salotto di casa mia. Insieme a La Sirenetta e La Bella e la Bestia, fa parte del trio di cartoon che nella prima metà degli anni ’90 ha permesso all’animazione tradizionale e alla Walt Disney di raggiungere vette purtroppo non più replicabili. Solamente un anno più tardi arrivò infatti quel Toy Story della Pixar che cambiò per sempre il mondo dei cartoon, rendendolo non peggiore ma semplicemente diverso.

Un film come Il Re Leone, soprattutto per chi lo ha visto decine di volte, non mostra i segni del tempi e non perde il confronto nemmeno con i miglior Pixar. La sceneggiatura di ferro rimane senza dubbio il suo punto di forza del film, rendendolo ancora oggi adatto ad ogni genere di pubblico. Indimenticabile la colonna sonora, che ha regalato ad Hans Zimmer il suo primo (e purtroppo ancora unico) Oscar, e le canzoni di Elton John come Can you Feel the Love Tonight.

Il re Leone 3D immagini dal film 35

Veniamo alla questione 3D. La riconversione è stata effettuata in modo minuzioso fotogramma per fotogramma, creando una mappa delle profondità per stabilire cosa far emergere dallo schermo e in quali punti dare una maggiore profondità all’immagine. Parziale delusione nella prima scena, lo stupefacente Cerchio della Vita che ha fatto scendere qualche lacrima, perché le mie aspettative erano forse particolarmente elevate, mentre nel resto della pellicola alcune scene sono nettamente più godibili.

Il problema è che un film come Il Re Leone, uno dei primi in cui l’uso del computer si è affiancato all’animazione tradizione disegnata a mano aiutando gli animatori stessi, era già impostato per avere “immagini tridimensionali in 2D”. Per ottenere un effetto strabiliante si sarebbe dovuto snaturare il film, ricreando totalmente nuovi fotogrammi che però non avrebbero rispettato lo stile originale della pellicola, e per questo è stato raggiunto un equo compromesso.

Leggiamo ora un breve commento del nostro Emanuele, che a sorpresa era alla sua prima visione in assoluto del capolavoro Disney:

Certamente il film è invecchiato rispetto all’animazione degli ultimi 20 anni, nell’idea di cinema, nello spettacolo anche nell’approfondimento del racconto. Però resta un film completo e appassionante, forse la prima volta che Disney si cimenta con l’epica e la tragedia classica; e se si sorvola sul’ideologia autoritaria, che comunque è sempre stata disneyana, non è possibile non commuoversi e non cantare le canzoni di Elton John.

Il Re Leone 3D, dopo aver incassato quasi 100 milioni di dollari nelle sale americane, arriverà anche nel nostro paese l’11 novembre. Potete leggere tutti i precedenti articoli che abbiamo dedicato al film cliccando sul riquadro sottostante.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Garret Dillahunt e Scoot McNairy in Blonde, film su Marilyn Monroe 20 Settembre 2019 - 0:14

Alla regia Andrew Dominik, alla produzione Brad Pitt.

Mayim Bialik e Jim Parsons ancora insieme per la sitcom Carla 19 Settembre 2019 - 23:53

Si tratta del remake americano dello show britannico Miranda.

Joaquin Phoenix sarà protagonista del prossimo film di Mike Mills 19 Settembre 2019 - 23:42

Le riprese inizieranno il prossimo autunno.

La storia di Waterworld (FantaDoc) 19 Settembre 2019 - 16:08

L'annacquata storia di Waterworld, il buco nell'acqua di Costner. Ma sarà poi vero?

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Batman, il telefilm 18 Settembre 2019 - 15:47

Nanananananananana...

7 cose che forse non sapevate sulla Famiglia Mezil 17 Settembre 2019 - 16:32

Lo storico cartoon della Famiglia Mezil, che veniva da oltre cortina e... ha ispirato i Simpson?!?