L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Il Re Leone 3D – Il produttore Don Hahn parla del ritorno di un cult dell’animazione

Di Filippo Magnifico

Questo fine settimana farà il suo ingresso nelle sale italiane Il Re Leone 3D. Si tratta di un vero e proprio evento, che rappresenta il ritorno di un cult dell’animazione, prima al cinema e pochissimo tempo dopo anche per il mercato home video.

Re Leone 3D Poster Ita 02

La redazione di ScreenWEEK.it ha avuto il piacere di partecipare ad un virtual roundtable con il produttore Don Hahn, all’interno del quale si è discusso del film, che per sua stessa ammissione ha avuto un tale successo per la sua storia particolarmente coinvolgente (“se fai bene il tuo lavoro è facile dimenticarsi che si tratta di disegni animati. A quel punto non resta altro da fare se non entrare nel film e farsi trascinare dalla sua storia”), e dell’uso della tecnologia 3D, che ultimamente sembra andare par la maggiore.

Nello specifico Don Hahn ha risposto ad alcune nostre domande:

Nel 2006 la Disney ha convertito in 3D The Nightmare Before Christmas. E la cosa ha funzionato in termini di successo. È questa la ragione per cui avete deciso di riprovarci ancora?

Sì, penso che The Nightmare Before Christmas abbia rappresentato un gradino fondamentale nella conversione del Re Leone. Tim Burton ha adorato l’aspetto del suo film in 3D e sapevamo che se avessimo avuto i registi Rob Minkoff e Roger Allers di nuovo al lavoro per questa nuova versione, sarebbe diventata qualcosa di speciale. E così è stato.

L’esperienza del 3D è sicuramente una delle mode del momento. Molti film vengono realizzati in 3D o semplicemente convertiti in post-produzione. Molte volte si tratta di una decisione giusta, ma in alcuni casi non potrebbe essere più sbagliata. Cosa vi ha spinto a pensare che in questo caso avrebbe funzionato?

Sapevamo che tecnicamente si poteva convertire il Re Leone perché avevamo conservato il film, diviso in diversi livelli, su supporto digitale. Abbiamo avuto a disposizione uno straordinario gruppo di artisti che ci ha aiutato a convertire il film trovando e sviluppando tecniche che non erano mai state usate prima. Dopo aver fatto alcuni test preliminari e alcune proiezioni è stato straordinario vedere quello che il 3D ha donato ad un film disegnato a mano. È stato come entrare in un dipinto. È stato in quel momento che abbiamo capito che valeva la pena convertire questo film in 3D. Hai ragione quando dici che il 3D non è adatto a tutti i film, ma nel caso del Re Leone si tratta di un’esperienza completamente nuova che funziona perfettamente.

Paragonato a The Nightmare Before Christmas, Il Re Leone ha avuto bisogno di un processo di conversione completamente diverso. Puoi dirci qualcosa al riguardo?

Con Nightmare abbiamo avuto dei veri pupazzi tridimensionali sullo schermo da utilizzare come base per la conversione. Industrial Light and Magic si è occupata della conversione. Fondamentalmente ha creato un modello tridimensionale per ogni personaggio e ogni scenario del film e poi ha proiettato il film all’interno di quel modello, in modo tale che si potesse riprendere con un occhio destro e un occhio sinistro. Incredibilmente noioso ma con risultati straordinari. Convertire un film disegnato a mano richiede un processo completamente diverso. Il team di conversione Disney ha usato alcuni software specifici per creare una geometria sotto ognuno dei personaggi disegnati nel film. Quella geometria ha fatto in modo che le cose all’interno di ogni inquadratura si spostassero in avanti o retrocedessero per donare l’illusione del 3D ad un disegno piatto. Si tratta di un processo molto complicato e necessita della collaborazione di artisti che lavorino di pari passo con la tecnologia per fare in modo che tutto funzioni. E la cosa funziona molto bene. Si tratta della prima volta per una pellicola di animazione e penso che il pubblico adorerà la sensazione di entrare all’interno del film.

Tra le altre dichiarazioni del produttore, molto significative sono state quelle riguardo le sensazioni provate una volta rivisto il film in 3D:

Avrò visto il film un migliaio di volte nel corso degli anni, sia durante la realizzazione che durante la fase di lancio. Mi sono seduto con i registi Rob Minkoff e Roger Allers una volta ultimata la fase di conversione e siamo rimasti sorpresi da quanto il film fosse coinvolgente.

Ovviamente si è anche parlato dell’edizione home video del film. A questo proposito Don Hahn ha parlato dei contenuti extra del Blu-Ray:

Tra i contenuti di quest’edizione c’è una sequenza di bloopers completamente inedita. Abbiamo rivisto le sessioni di registrazione originali e abbiamo raccolto le papere più divertenti fatte dal cast vocale del film. Poi abbiamo richiamato gli animatori e abbiamo fatto in modo che adattassero i disegni a questi errori. È molto, molto divertente. Poi ci sono molte informazioni sulla conversione del film e sulle difficoltà che un’opera di animazione comporta.

Vi ricordiamo che su Amazon.it è possibile prenotare il Blu-Ray del film, che sarà disponibile a partire dal 30 novembre 2011.

Per maggiori informazioni sul Il Re Leone 3D potete consultare le nostre News dal Blog. Qui invece trovate la pagina facebook ufficiale del film.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Chris Evans mette all’asta lo scudo di Captain America usato in Avengers: Endgame 19 Febbraio 2020 - 17:45

Chris Evans ha recentemente messo all’asta uno degli scudi originali usati sul set di Avengers: Endgame. Il tutto per una buona causa...

Il Pianeta delle Scimmie: il nuovo film non sarà un reboot, parlerà dell’eredità di Cesare 19 Febbraio 2020 - 17:00

Il regista Wes Ball rassicura i fan: il nuovo capitolo della saga Il pianeta delle scimmie non sarà un reboot ma un sequel che proseguirà la strada aperta da Cesare.

Hunters, tra Storia e fumetto pulp: la recensione dei primi due episodi 19 Febbraio 2020 - 16:15

I primi due episodi di Hunters - dal 21 febbraio su Amazon Prime Video - pongono le basi per una serie che rielabora la Storia in un racconto stilizzato e pulp, con un grande potere d'intrattenimento.

7 cose che forse non sapevate su Lo strano mondo di Minù 18 Febbraio 2020 - 17:22

Storia e curiosità dell'anime della signora Minù: dalle origini norvegesi alle parentele con Macross e Bomb Jack (e L'allenatore nel pallone).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Relic Hunter 12 Febbraio 2020 - 17:53

Tia Carrere e Relic Hunter, un Tomb Raider per la TV in cui si girava il mondo (senza mai lasciare il Canada).

7 cose che forse non sapevate su The Mighty Hercules 11 Febbraio 2020 - 17:00

"Hercules, hero of song and story..." Il vecchio cartoon su Hercules: la sigla, gli anime, uno dei primi super-eroi animati della TV USA.