L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Festival di Roma 2011, Il cuore grande delle ragazze sfila in concorso

Di emanuele.r


Si era temuto per la sua salute, quando domenica era stato colto da malore all’Auditorium. Invece Pupi Avati sta bene e dopo il ricovero ha sfilato sul red carpet del Festival del Film di Roma per presentare Il cuore grande delle ragazze, il suo nuovo film selezionato in concorso (è il penultimo italiano in gara) che racconta con ironia la storia dei nonni del regista.
Protagonista è Carlino, figlio di una famiglia di mezzadri dedito al libertinaggio, che è costretto a mettere la testa a posto dai genitori: infatti, per tenersi la casa in affitto, Carlino deve sposare una delle due figlie del padrone. Ma poi conosce Francesca, la terza figlia illeggittima, e perde la testa scombinando i piani delle famiglie. Dopo l’Alzheimer di Una sconfinata giovinezza, Avati scrive e dirige una commedia romantica, tipico bozzetto d’epoca nel suo stile, che racconta come sono cambiati l’amore, la famiglia e i rapporti sociali dagli anni ’30 a oggi.

Aperto in modo fin troppo tradizionale dalla voce fuori campi che descrive piccoli sketch, il film racconta il matrimonio nella provincia emiliana durante il fascismo, descrivendo l’amore come una questione burocratica fatta di promesse, regali, “retribuzioni” (la moto Guzzi come miraggio) e accordi economici, coi protagonisti che sfidano le regole non scritte come nella migliore tradizione del romanzo popolare. Al melodramma o simili, Avati non ci si avvicina nemmeno e l’interesse del tutto è molto relativo ma essendo così fortemenete autobiografica la vicenda, il tutto è più personale e simpatico del solito (gustosi i duetti tra Gianni Cavina ed Manuela Morabito).
Con l’ultimo Avati, purtroppo, bisogna accontentarsi, prendere le non troppe cose buone che i suoi film ci offrono: così, preferiamo accontentarci dell’humour, della sincerità del tono, della fluidità del racconto, piuttosto che soffermarsi sul fatto che la sceneggiatura dica poco o che la regia soffre ormai di maniera terminale, senza dare più l’idea nemmeno di voler fare cinema. Si ride – e questo basta al pubblico che ha applaudito il film in sala -, Cesare Cremonini Micaela Ramazzotti sono credibili e il cast di contorno è brillante. Piuttosto che niente – diceva Totò – meglio piuttosto.

Vi ricordo che potete continuare a seguirci per tutte le news questa sesta edizione del Festival Internazionale del Film tramite la scheda del nostro database (basta cliccare qui sotto, anche sul Mi Piace) oppure sulla nostra pagina Facebook.

 

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 5 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Corey Hawkins sfiderà Dracula in The Last Voyage Of The Demeter 27 Gennaio 2021 - 20:45

Il film sarà diretto da André Øvredal, autore di Scary Stories to Tell in the Dark

Fear the Walking Dead: la seconda parte della stagione 6 arriverà il prossimo aprile 27 Gennaio 2021 - 20:37

Fear the Walking Dead tornerà su AMC l’11 aprile, con la seconda parte della stagione 6.

Marvel Cinematic Universe: Quali mutanti potrebbero far parte degli X-Men? 27 Gennaio 2021 - 20:30

Quali X-Men vedremo nel Marvel Cinematic Universe, al momento del loro esordio nell'universo unito dei Marvel Studios? Ecco cosa ne pensiamo!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.