L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Festival di Roma 2011, Hotel Lux racconta col sorriso le dittature della storia

Di emanuele.r


“Cosa non fanno un paio di baffetti”, dice ironico Michael Herbig guardando le foto di Hitler e di Charlie Chaplin: e già in questa inquadratura c’è molto del materiale di Hotel Lux, il settimo film del tedesco Leander Haussman presentato in concorso al Festival di Roma, che racconta come molti film degli ultimi anni la Storia e i suoi orrori in chiave di commedia, riflettendo anche sul ruolo dell’attore e della maschera.
Il film racconta di Hans e Meyer, due comici di cabaret che fanno successo a Berlino parodiando Stalin e Hitler: ma il regime comincia a tenerli d’occhio, così il secondo fugge in Russia grazie alle sue simpatie comuniste. Quando tre anni dopo, una compagna di Meyer chiede a Hans di aiutarla a trovare l’amico scomparso, i due andranno a Mosca, in un susseguirsi di equivoci. Da un soggetto di Uwe Timm e Volker Einrauch, il regista ha tratto un copione evidentemente ispirato al Lubitsch di Vogliamo vivere (o al remake di Mel Brooks) che usa le armi della risata e della farsa per mettere in ridicolo lo strisciante orrore delle dittature prima della loro tragica esplosione.

Ruotando intorno alla figura di un imitatore, un personaggio codardo egoista e riservato, che diffida della politica specie perché incarnata da figure mostruose come quelle di Stalin e Hitler (e dai rispettivi partiti), il film mette in scene la paranoia e l’irrazionalità di ogni dittatura e la maschera fasulla dei regimi, presi e messi a soqquadro da due guitti con l’unico talento di essere qualcun altro: sia il dittatore nazista che quello comunista si fidano di un astrologo cialtrone e il film mostra come l’apparenza più che ingannare, può fare la storia. Tanto che Haussman decide di riempire l’hotel che fa da sfondo al film di veri personaggi storici variamente presi in giro, riuscendo a dare a una grande produzione – basta guardare il ricco prologo – una ventata quasi anarchica che diverte, sulla quale fa da garante l’immagine di Groucho Marx che avvia i titoli di coda.
Il vero limite del film però è nella sceneggiatura che mette troppo la sordina al meccanismo comico optando per una tragicommedia (a differenza dei modelli prima citati), rendendo il film paradossalmente meno “serio”, un fucile non sempre carico: resta una confezione accurata, un buon ritmo e un paio d’attori in forma come Michael Herbig e Jurgen Vogel. Non vincerà il Marc’Aurelio d’oro, ma potrebbe trovare un posto nelle nostre sale.

Vi ricordo che potete continuare a seguirci per tutte le news questa sesta edizione del Festival Internazionale del Film tramite la scheda del nostro database (basta cliccare qui sotto, anche sul Mi Piace) oppure sulla nostra pagina Facebook.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ren & Stimpy: Comedy Central ordina il reboot della serie animata 5 Agosto 2020 - 18:15

La celebre serie animata anni '90 tornerà in un reboot per le nuove generazioni

I’m Thinking of Ending Things – Domani il trailer, ecco il poster del film Netflix di Charlie Kaufman 5 Agosto 2020 - 17:50

Jessie Buckley è visibilmente a disagio nel poster di I'm Thinking of Ending Things, film di Charlie Kaufman che uscirà il 4 settembre su Netflix, basato sul romanzo di Iain Reid.

DC FanDome – Un teaser dedicato all’evento del 22 agosto 5 Agosto 2020 - 17:44

Un teaser trailer stuzzica quello che potremmo aspettarci dal DC FanDome, il grande evento gratuito dedicato al mondo DC, che verrà lanciato online il 22 agosto

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – SUPAIDAMAN, lo Spider-Man giapponese 5 Giugno 2020 - 18:45

L'incredibile storia dello Spider-Man televisivo giapponese con il suo robot gigante. E come questo ha ispirato, tra le altre cose, i Power Rangers.