Festival di Roma 2011, Hotel Lux racconta col sorriso le dittature della storia

Festival di Roma 2011, Hotel Lux racconta col sorriso le dittature della storia

Di emanuele.r


“Cosa non fanno un paio di baffetti”, dice ironico Michael Herbig guardando le foto di Hitler e di Charlie Chaplin: e già in questa inquadratura c’è molto del materiale di Hotel Lux, il settimo film del tedesco Leander Haussman presentato in concorso al Festival di Roma, che racconta come molti film degli ultimi anni la Storia e i suoi orrori in chiave di commedia, riflettendo anche sul ruolo dell’attore e della maschera.
Il film racconta di Hans e Meyer, due comici di cabaret che fanno successo a Berlino parodiando Stalin e Hitler: ma il regime comincia a tenerli d’occhio, così il secondo fugge in Russia grazie alle sue simpatie comuniste. Quando tre anni dopo, una compagna di Meyer chiede a Hans di aiutarla a trovare l’amico scomparso, i due andranno a Mosca, in un susseguirsi di equivoci. Da un soggetto di Uwe Timm e Volker Einrauch, il regista ha tratto un copione evidentemente ispirato al Lubitsch di Vogliamo vivere (o al remake di Mel Brooks) che usa le armi della risata e della farsa per mettere in ridicolo lo strisciante orrore delle dittature prima della loro tragica esplosione.

Ruotando intorno alla figura di un imitatore, un personaggio codardo egoista e riservato, che diffida della politica specie perché incarnata da figure mostruose come quelle di Stalin e Hitler (e dai rispettivi partiti), il film mette in scene la paranoia e l’irrazionalità di ogni dittatura e la maschera fasulla dei regimi, presi e messi a soqquadro da due guitti con l’unico talento di essere qualcun altro: sia il dittatore nazista che quello comunista si fidano di un astrologo cialtrone e il film mostra come l’apparenza più che ingannare, può fare la storia. Tanto che Haussman decide di riempire l’hotel che fa da sfondo al film di veri personaggi storici variamente presi in giro, riuscendo a dare a una grande produzione – basta guardare il ricco prologo – una ventata quasi anarchica che diverte, sulla quale fa da garante l’immagine di Groucho Marx che avvia i titoli di coda.
Il vero limite del film però è nella sceneggiatura che mette troppo la sordina al meccanismo comico optando per una tragicommedia (a differenza dei modelli prima citati), rendendo il film paradossalmente meno “serio”, un fucile non sempre carico: resta una confezione accurata, un buon ritmo e un paio d’attori in forma come Michael Herbig e Jurgen Vogel. Non vincerà il Marc’Aurelio d’oro, ma potrebbe trovare un posto nelle nostre sale.

Vi ricordo che potete continuare a seguirci per tutte le news questa sesta edizione del Festival Internazionale del Film tramite la scheda del nostro database (basta cliccare qui sotto, anche sul Mi Piace) oppure sulla nostra pagina Facebook.

LEGGI ANCHE

Berlinale 2024: Due film italiani in concorso, la line-up 22 Gennaio 2024 - 20:08

Nella line-up della Berlinale ci sono le ultime opere di Olivier Assayas (Suspended Time), Bruno Dumont (L'Empire, co-prodotto anche dall'Italia), Mati Diop e Hong Sang-soo

Far East Film Festival 26: In anteprima The Goldfinger il thriller che segna la reunion di Tony Leung e Andy Lau 18 Gennaio 2024 - 19:03

Andy Lau e Tony Leung sono tornati a lavorare di nuovo insieme per la prima volta dopo due decenni dalla fine della trilogia di Infernal Affairs, nel thriller finanziario The Goldfinger

Berlinale 2024, Martin Scorsese riceverà l’Orso d’Oro alla Carriera 21 Dicembre 2023 - 14:00

Sarà Martin Scorsese a ricevere l'Orso d'Oro alla Carriera durante il Festival di Berlino 2024, in programma a febbraio.

Angoulême 2024: Lorenzo Mattotti in mostra con “L’Art de courir, Attraper la course” 18 Dicembre 2023 - 13:21

LEGGI ANCHE: Angoulême 2024: Annunciati i primi ospiti, le mostre e le novità della 51a edizione Lorenzo Mattotti, il regista e co-sceneggiatore de La famosa invasione degli orsi in Sicilia, è stato scelto dal Festival d’Angoulême per la partecipazione del Festival alle Olimpiadi della cultura di Parigi 2024, l’alleanza artistica e sportiva dei Giochi di […]

City Hunter The Movie: Angel Dust, la recensione 19 Febbraio 2024 - 14:50

Da oggi al cinema, per tre giorni, il ritorno di Ryo Saeba e della sua giacca appena uscita da una lavenderia di Miami Vice.

X-Men ’97: che fine ha fatto Xavier (e perché ora c’è Magneto con gli X-Men)? 16 Febbraio 2024 - 10:44

Come si era conclusa la vecchia serie animata degli anni 90? Il Professor Xavier era davvero morto? (No)

Deadpool & Wolverine, il trailer spiegato a mia nonna 12 Febbraio 2024 - 9:44

Tutto quello che abbiamo scovato nel teaser di Deadpool & Wolverine.

L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI