Condividi su

10 settembre 2011 • 21:50 • Scritto da Marco Triolo

Venezia 68: a Faust di Sokurov il Leone d’Oro

Aleksandr Sokurov vince il Leone d'Oro con Faust, mentre il Leone d'Argento va al film a sorpresa People Mountain People Sea. A Fassbender la Coppa Volpi e a Crialese in premio della giuria...
Post Image
0

Eccoci giunti alla conclusione di un altro anno a Venezia. Quest’anno c’è stato molto dubbio su chi sarebbe stato premiato, alla fine, anche se sin dalla proiezione stampa l’opinione comune è che avrebbe vinto Faust di Aleksandr Sokurov. Un film che onestamente non ho apprezzato come pare abbiano fatto la maggior parte dei colleghi: si tratta secondo me di un’opera ostentatamente snob, visivamente non eccezionale e ingolfata di troppi dialoghi difficili da seguire. Prendetela un po’ come l’opinione dell’uomo della strada.

Manco a dirlo, Faust ha vinto il Leone d’Oro. Shame di Steve McQueen sarebbe stata la mia scelta, ma per lo meno sono felice che Michael Fassbender abbia ritirato una meritatissima Coppa Volpi: la sua è stata senza alcun dubbio la migliore interpretazione del Festival. L’Italia si aggiudica almeno il Premio della Giuria con Terraferma di Crialese, forse il miglior film fra i tre italiani in concorso (anche se a me è piaciuto molto L’ultimo terrestre di Gipi). Di seguito, la lista completa dei premi.

Leone d’Oro
Faust di Aleksandr Sokurov

Leone d’Argento
People Mountain People Sea di Cai Shangjun (film a sorpresa)

Coppa Volpi alla migliore interpretazione maschile
Michael Fassbender in Shame

Coppa Volpi alla migliore interpretazione femminile
Deannie Yip in A Simple Life

Premio Speciale della Giuria
Terraferma di Emanuele Crialese

Premio “Marcello Mastroianni” per un attore emergente
Ex aequo Shôta Sometani e Fumi Nikaidô per Himizu

Osella per la miglior fotografia
Robbie Ryan per Wuthering Heights

Osella per la migliore sceneggiatura
Yorgos Lanthimos e Efthimis Filippou per Alpis

Leone del Futuro – Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis”
Là-bas di Guido Lombardi

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *