L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Rob Minkoff parla de Il Re Leone 3D in questa intervista

Di Leotruman

Se nel 1994 fosse esistito l’Oscar per il Miglior Film d’animazione, certamente l’avrebbero vinto Rob Minkoff e Roger Allers, registi del grande classico Il Re Leone.

Il cartoon non solo ha incassato centinaia di milioni di dollari diventando uno dei più visti di sempre, ma è entrato nell’immaginario collettivo dando vita anche ad una ricca linea di merchandising, un musical di Broadway e a tantissimo altro.

Il Re Leone 3D Poster Italia

In occasione dell’uscita della versione restaurata ed in 3D del film, in arrivo nelle sale americane domani e in quelle italiane a novembre, il sito Collider ci propone un’intervista esclusiva a Minkoff che vi riproponiamo:

  •  Che cosa ti ha convinto per decidere di riconvertire Il Re Leone in 3D? Hai avuto qualche esitazione?

Beh, quando ne ho sentito parlare sono rimasto subito entusiasta, anche perché tutti parlano di 3D e non è piacevole essere lasciati indietro, tecnologicamente parlando. E poi, naturalmente, ero anche un po’ preoccupato di come sarebbe dovuto essere realizzato per ottenerne una buona versione. Io non volevo offuscare la memoria del film a nessuno. Così, quando ci siamo incontrati con Robert [Neuman], abbiamo espresso le nostre preoccupazioni e lui è stato molto attento a questo. Quando ci ha guidato attraverso il processo che stavano per usare e ci ha mostrato alcuni dei risultati, siamo rimasti molto soddisfatti del potenziale e mi ha reso molto entusiasta di andare avanti nel progetto.

  • Come pensi che il 3D possa migliorare l’esperienza visiva?

Penso che il 3D renda tutto più coinvolgente. Quando creiamo i film d’animazione – anche in 2D – si cerca sempre di creare l’illusione del 3D. Si cerca di creare un mondo credibile con personaggi dentro e fuori della prospettiva, in modo da creare l’illusione che ci sia un vero e proprio mondo attorno. Il desiderio di creare e guidare questa illusione di uno spazio tridimensionale è una cosa che vale per ogni tipo di film perché si vuole che il pubblico viva una reale esperienza. È una naturale estensione della narrazione e del processo di produzione cinematografica.

  • Come è cambiato il modo di fare animazione dal Il Re Leone in poi? 

I film sono creati oggi nello stesso modo, ma allo stesso tempo ci sono sempre aspetti nuovi. La sceneggiatura, la pre-produzione, la storyboard, e la progettazione sono rimasti uguali. La tecnica di animazione è cambiata, nel senso che piuttosto che disegnare a mano si usa il computer come uno strumento. Il computer è diventato una matita per disegnare e per dipingere le immagini che vediamo in un film. Prima bisognava imparare la tecnica con la matita od un pennello, e bisognava saper utilizzare un pezzo di carta. Erano capacità indispensabili al fine di creare animazioni. Oggi è necessario utilizzare il computer come una matita o un pennello, per fare la stessa cosa. Questa è davvero la grande differenza.

  • Visto che Il Re Leone è uno dei prodotti per l’home video più venduti di sempre, c’erano cose che volevi includere ai tempi e che con la versione in Blu-ray potrai fare?

Noi abbiamo girato del materiale, ma ci sono produttori che lavorano molto e sono focalizzati sul materiale bonus dei DVD. C’è un intero team di persone che producono e dirigono queste cose e ce ne saranno sicuramente.

  • Perché pensi che la gente ami tanto i bloopers d’animazione?
Fa parte del processo di creazione del personaggio. Una grande parte della produzione cinematografica, e gran parte del potere del cinema, è la creazione di personaggi di cui le persone si innamorino. Così, quelle cose come appunto i bloopers, riescono a creare più realtà e dimensione e trasmettono la sensazione che questi non sono solo disegni o ombre, ma sono creature che vivono, respirano e pensano.Questa è l’illusione.
  • Quando hai girato il film avresti mai pensato che sarebbe diventato un classico della storia dell’animazione?

No. Quando abbiamo fatto il film era sulla scia de La Bella e la BestiaAladdin, che sono dei classici. Il nostro unico pensiero era creare un film che non facesse schifo!.

  • Durante il processo di conversione c’erano cose che hai riscoperto o momenti che ricordi con particolare affetto?
Non sono passati molti anni da quando lo abbiamo riconvertito per la versione IMAX. In ogni caso quando si crea un film come questo, lo si conosce in ogni centimetro e fa parte della mia struttura cellulare ora. Ci si sente letteralmente come se non fosse passato del tempo da quando lo abbiamo creato.
  • Quali sono gli aspetti del film o i personaggi a cui il pubblico è più affezionato?

Ci sono diverse scene molto amate, ma una delle più potenti è l’apertura del film. “Il Cerchio della Vita” ha una grande potenza e un grande impatto. E quando alla fine viene mostrato il titolo del film, la gente è già davvero molto coinvolta emotivamente. E poi un scena come quella della fuga nella gola è molto emozionante e propone cose che non erano tipiche in un film d’animazione ai tempi.

  • Come è stato lavorare con i doppiatori e poi vedere tutti insieme il risultato finale?

È davvero molto eccitante. È cosi gratificante quando si ha l’idea di un personaggio che è solo formato da disegni in un primo momento, ma poi alla fine comincia a diventare di carne e sangue. E poi, una volta scelto l’attore per il doppiaggio, si sposa letteralmente l’animazione con la voce. Quando lo vedi per la prima volta è davvero molto emozionante.

Il Re Leone 3D uscirà nelle sale italiane l’11 novembre. Per tutte le informazioni sul film potete cliccare sul riquadro qui sotto o potete andare a curiosare sulla pagina Facebook ufficiale del film, che trovate a questo link.

Fonte: Collider

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Pose – La serie di Ryan Murphy finirà con la terza stagione 6 Marzo 2021 - 16:00

FX ha annunciato che Pose, acclamata serie di Ryan Murphy, Brad Falchuk e Steven Canals, finirà con la terza stagione. In Italia è disponibile su Netflix.

Thor: Love and Thunder – Natalie Portman e Tessa Thompson nelle foto dal set 6 Marzo 2021 - 15:00

Le nuove foto dal set australiano di Thor: Love and Thunder ritraggono Natalie Portman (Jane Foster) e Tessa Thompson (Valchiria).

Il Talismano – Spielberg e i fratelli Duffer per la serie Netflix tratta da Stephen King e Peter Straub 6 Marzo 2021 - 14:00

Stephen Spielberg e i fratelli Duffer produrranno Il Talismano, serie Netflix basata sull'omonimo romanzo di Stephen King e Peter Straub.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.