L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Drive, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Drive Poster ItaliaRegia: Nicolas Winding Refn
Cast: Ryan Gosling, Bryan Cranston, Carey Mulligan, Albert Brooks, Christina Hendricks, Ron Francis Perlman
Durata: 1h 35m
Anno: 2011

Driver (Ryan Gosling) è un giovane asso del volante, che si guadagna da vivere in più modi, senza fare troppa differenza tra legalità e illegalità. Lavora come meccanico nell’officina dell’amico Shannon (Bryan Cranston), arrotonda facendo lo stuntman per alcune produzioni cinematografiche e, non di rado, viene assoldato come “autista per rapine”. Le cose sembrano andare per il meglio quando Shannon gli propone di intraprendere la carriera di pilota professionista. A questo si unisce la conoscenza di Irene (Carey Mulligan), giovane vicina di casa con un marito in carcere e un figlio da crescere. Tra i due nasce subito qualcosa, ma tutto è tragicamente destinato a cambiare.

Dopo aver vinto la Palma d’Oro per la Miglior Regia al Festival di Cannes ecco che Drive fa il suo ingresso nelle sale italiane. Sul serio non poteva esserci miglior biglietto da visita per questo film, che, oltre ad un regia a dir poco perfetta, può anche vantare un cast decisamente in forma, capeggiato da un Ryan Gosling che, senza timore di esagerare, si può definire “da standing ovation”.
Quella diretta da Nicolas Winding Refn è una pellicola che si potrebbe definire “cronenberghiana”, questo perché, proprio come gli ultimi lungometraggi diretti da David Cronenberg (nello specifico A History of Violence e La Promessa dell’Assassino), ci guida attraverso un viaggio silenzioso, pervaso di una tensione palpabile e di una violenza che sembra pronta ad esplodere da un momento all’altro e che quando lo fa riesce a stamparsi in maniera indelebile nella mente dello spettatore.

Ed è proprio questo il principale punto di forza di Drive, il riuscire a portare ad un livello superiore quello che, in altre mani si sarebbe risolto solo in uno stanco e inutile déjà-vu. Sia chiaro, infatti, che non ci troviamo né di fronte ad una storia innovativa e né di fronte a personaggi in grado di discostarsi un minimo da quei cliché che il genere impone. Quello che rende questo film tanto speciale non è di certo la sua trama, ma il modo in cui si è scelto di rappresentarla.

Quella che ci viene offerta è l’autorialità più pura, che se ne frega di generi, situazioni e personaggi. Ed è decisamente un piacere lasciarsi travolgere da tutto questo.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Star Wars: nella serie su Cassian Andor ci saranno anche Obi-Wan Kenobi e Ahsoka Tano? 6 Marzo 2021 - 20:00

Alcuni interessanti rumor sulla serie live-action di Star Wars dedicata a Cassian Andor, le cui riprese sono attualmente in corso, hanno cominciato a circolare nel web.

Il cast di Chucky: ecco chi sfiderà in TV la Bambola Assassina 6 Marzo 2021 - 19:00

La serie sequel de La bambola assassina, creata da Don Mancini, ha scelto i teenager protagonisti

Prank Encounters: tornano gli scherzi da brivido di Gaten Matarazzo, il trailer della Stagione 2 6 Marzo 2021 - 18:00

Netflix ha diffuso il trailer della seconda stagione di Prank Encounters – Scherzi da brivido, la serie candid camera che vede la partecipazione di Gaten Matarazzo, aka il Dustin di Stranger Things.

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.