L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Pezzi di cinema, speciale Ferragosto: Un sacco bello (1980)

Di Marco Triolo

“E come l’anno scorso…” dedichiamo il nostro Pezzi di cinema – Speciale Ferragosto a un cult del cinema italiano. Dopo Il sorpasso è la volta di Un sacco bello, fulminante esordio alla regia di Carlo Verdone nell’ormai lontano (sigh… la vecchiaia) 1980. Un film capace di dipingere un ritratto forte e vero, anche se satirico, dell’Italia di fine anni Settanta, con tutti i suoi problemi – le città caotiche, il terrorismo – e la sua galleria di facce tipiche.

Verdone si fa in tre per interpretare una serie di personaggi da lui collaudati in televisione, che qui si aggirano in una surreale Roma ferragostana: c’è Enzo, il coatto che vuole approfittare delle vacanze per andarsene in Polonia con l’amico Sergio, in cerca di facili avventure sessuali da ripagare – come da leggenda metropolitana – con calze di nylon e penne a sfera. C’è Leo, ingenuo ragazzotto di Trastevere che, anziché raggiungere come da programma la madre a Ladispoli, si fa trascinare in un’avventura con la bella spagnola Marisol. E infine c’è Ruggero, hippie che vive in una comune vicino ad Arezzo, il cui padre (il grande Mario Brega) tenta di convincerlo a tornare alla normalità, insieme a un trio di figure caricaturali (un prete, un professore e un cugino) tutte interpretate da Verdone.

Tutte le storie finiranno naturalmente male: Enzo non arriverà in Polonia, Leo si ritroverà solo e Ruggero non recupererà il rapporto col padre. D’altra parte, questo tono dolceamaro è una caratteristica non solo del cinema di Verdone, ma di tutta la migliore tradizione della commedia all’Italiana. La pellicola fu prodotta da Sergio Leone, e tramite l’influente produttore Verdone riuscì a ottenere la partecipazione di Brega (comparsa fissa nei western di Leone) e soprattutto quella di Ennio Morricone alle musiche. Verdone omaggiò il suo mentore chiamando Marisol con lo stesso nome della donna rapita da Gian Maria Volonté in Per un pugno di dollari.

A seguire, una scena dedicata a ciascuno dei protagonisti, Enzo, Leo e Ruggero (“Io so’ comunista COSI’!”).

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Emancipation – Will Smith e Antoine Fuqua lasciano la Georgia a causa della nuova legge elettorale 12 Aprile 2021 - 21:48

La produzione di Emancipation lascia la Georgia, in risposta alla nuova legge elettorale. La dichiarazione congiunta di Will Smith e del regista Antoine Fuqua

Governance – Il prezzo del potere: su Prime Video il film con Massimo Popolizio e Vinicio Marchioni 12 Aprile 2021 - 21:30

Arriva su Amazon Prime Video Governance – Il prezzo del potere, il film di Michael Zampino, che vede nel cast Massimo Popolizio e Vinicio Marchioni. Ecco tutto quello che dovete sapere, la trama, il cast, il trailer.

Shazam! Fury of the Gods: anche Lucy Liu nel cast del film DC 12 Aprile 2021 - 20:45

L'attrice sarà Kalypso, sorella dell'Hespera interpretata da Helen Mirren

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.