L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Kathryn Bigelow sotto inchiesta per colpa di Bin Laden

Di Marco Triolo

The Hurt Locker Kathryn Bigelow Mark Boal Foto Dal Set 02

Kathryn Bigelow è in mezzo a un piccolo pasticcio insieme al fidato sceneggiatore Mark Boal, con cui ha lavorato a The Hurt Locker e al suo prossimo film, che racconterà della missione per catturare Bin Laden. Un membro del congresso, il senatore repubblicano Peter King, ha chiamato in causa i due autori, convinto che abbiano ottenuto informazioni riservate niente meno che dall’amministrazione Obama. Informazioni che potrebbero mettere a repentaglio le missioni anti-terrorismo, che vedrebbero così rivelate al mondo le loro tattiche segrete.

“Affermazioni ridicole”, ha dichiarato il portavoce della Casa Bianca Jay Carney; “Quando qualcuno lavora su articoli, libri, documentari o film che riguardano il Presidente, facciamo del nostro meglio per aiutarli e fare in modo che i fatti siano corretti. Non è un approccio nuovo ai media, non discutiamo informazioni top secret. E spero che, mentre affrontiamo senza sosta la minaccia del terrorismo, il Comitato per la Sicurezza Nazionale abbia preoccupazioni più importanti da discutere che un film”. Carney si riferisce direttamente a King, che è anche Presidente del Comitato per la Sicurezza Nazionale.

“Il nostro imminente progetto sulla lunga caccia a Bin Laden è in lavorazione da diversi anni e integra gli sforzi collettivi di tre amministrazioni”, rispondono a loro volta la Bigelow e Boal. “Il pericoloso lavoro di trovare uno degli uomini più ricercati al mondo è stato portato avanti da membri dell’esercito e dei servizi segreti che hanno messo a rischio le proprie vite per il bene comune, al di là dell’appartenenza politica. Questo è stato un trionfo americano, eroico e al di sopra delle parti, e non c’è ragione di suggerire che il nostro film rappresenti questa enorme vittoria in modo diverso”.

Insomma, si tratta di un caso che con ogni probabilità si sgonfierà presto. Certo, Boal è un ex giornalista di guerra, ed è anche un po’ sua la responsabilità di aver attirato l’attenzione di King sul film: in passato, ha dichiarato che, grazie al suo background, aveva avuto accesso a informazioni preziose che avrebbero dato una patina di realismo al film. Ma, al di là di questo, non c’è davvero motivo di credere che il cinema possa mettere a rischio la sicurezza nazionale. Voi che ne dite?

(Fonte: The Hollywood Reporter)


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.