L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cocapop, la recensione

Di Filippo Magnifico

Cocapop Poster Italia 01Regia: Pasquale Pozzessere
Cast: Lisa Gastoni, David Sebasti, Anita Caprioli, Stefano Dionisi, Michelle Carpente
Durata: 1h 28m
Anno: 2010

All’interno dello stesso appartamento e in archi temporali non specificati, che potrebbero benissimo sovrapporsi, si svolgono tre storie che hanno come comune denominatore il consumo di droga, nello specifico cocaina: una donna (Lisa Gastoni) scopre per caso che il marito settantenne (Arnaldo Ninchi) fa uso di stupefacenti; un ragazzo (Stefano Masciolini) dedito all’uso della cocaina causa più di una preoccupazione ai suoi giovani genitori (Anita Caprioli e Stefano Dionisi); una giovane donna in dolce attesa (Anita Caprioli) deve fare i conti con le conseguenze della sua dipendenza.

Si parla molto di cocaina, spesso collegata a film d’azione, inchieste o documentari. Io ho voluto analizzarla nella sua solitudine,nel suo rapporto privato con il fruitore di cui spesso diventa l’amante segreta prescindendo dalla vita sociale dei protagonisti che pure esiste”. Queste parole, dette dal regista Pasquale Pozzessere, esprimono alla perfezione gli intenti di un lungometraggio come Cocapop. Un’opera indubbiamente suggestiva, scandita attraverso tre episodi che, vista l’ambientazione unica e l’uso in alcuni casi degli stessi interpreti, cercano di ricordarci quanto quell’universo, che molto spesso vediamo solo all’interno di quel confine delimitato dal grande schermo, sia in realtà più comune e vicino di quanto si possa pensare.

Per farlo il regista ha deciso di presentarci storie differenti e al tempo stesso uguali, che, sebbene sfiorino in più di un momento tematiche e atmosfere che si potrebbero benissimo definire televisive (o peggio ancora da fiction), riescono a centrare l’obiettivo. I limiti di questa pellicola sono identificabili in quelle “carenze” tipiche di tutte le produzioni a basso budget, compensati però da una ruvidezza e da una volontà di spiattellare i fatti così come sono (con tanto di un nudo integrale di Anita Caprioli, che sembra volerci riproporre quella fragilità mista a sottomissione mostrata da Isabella Rossellini in Velluto Blu) che riescono benissimo ad innalzarne il livello.

A questo si unisce la scelta di allontanare l’uso della cocaina, perno attorno al quale ruota l’interno lungometraggio, da qualsiasi estetizzazione, facendo diventare l’atto dello “sniffare” un gesto vuoto e privo di senso. Come è giusto che sia.

Vi ricordiamo che Cocapop sarà in programmazione al Cinema Aquila di Roma. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il produttore Scott Rudin lascia tutti i suoi progetti dopo le accuse di abusi ai dipendenti 20 Aprile 2021 - 21:30

Il mega-produttore, premio Oscar per Non è un paese per vecchi, ha fatto un passo indietro dopo una serie di pesanti accuse

Ted Lasso: la seconda stagione dal 23 luglio su Apple TV+, ecco il trailer! 20 Aprile 2021 - 20:53

Apple TV+ ha diffuso il trailer della seconda stagione di Ted Lasso, la serie sportiva interpretata e creata da Jason Sudeikis.

Cannes 2021: confermati The French Dispatch e Benedetta di Paul Verhoeven 20 Aprile 2021 - 20:45

I nuovi film di Wes Anderson e Paul Verhoeven, già selezionati l'anno scorso, verranno presentati sulla Croisette

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.