Warning: getimagesize(http://static.screenweek.it/2011/7/13/aliens-poster-usa-03_mid.jpg): failed to open stream: HTTP request failed! HTTP/1.1 403 Forbidden in /var/www/html/wp-content/themes/newblog_screenweek/functions.php on line 655
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Tra Alieni e Cowboy, Aliens – Scontro Finale

Tra Alieni e Cowboy, Aliens – Scontro Finale

Di Filippo Magnifico

Nell’attesa che Cowboys & Aliens, la pellicola western/sci-fi diretta da Jon Favreau e ispirata all’omonima serie di fumetti creata da Scott Mitchell Rosenberg, faccia il suo ingresso nelle sale italiane, la redazione di ScreenWEEK.it ha deciso di condurvi lungo un viaggio alla scoperta delle due dimensioni che conpongono questo titolo, che sono appunto quella fantascientifica e quella western. Ogni settimana parleremo di un lungometraggio fondamentale che compone il vastissimo panorama di quella cinematografia cosiddetta di genere. La giusta occasione per ricordare alcune pellicole che troppo spesso finiscono dimenticate e, perchè no, arrivare adeguatamente preparati al 14 ottobre 2011, giorno in cui Cowboys & Aliens arriverà nelle nostre sale. Dopo avervi presentato La Guerra dei Mondi, Il Mucchio Selvaggio, Ultimatum alla Terra, I magnifici sette, La Cosa, Un dollaro d’onore, Il mondo dei Robot, Il cavaliere pallido, Ritorno al Futuro – Parte III, La Guerra dei Mondi di Steven Spielberg, Ancora vivo, Mars Attacks!, Il buono, il brutto, il cattivo, Tepepa, Invaders, Fantasmi da Marte e Cowboy Bebop – Il film, è arrivato il momento di parlare di un vero e proprio cult per quanto riguarda il cinema di fantascienza, diretto da un regista che, durante la sua carriera, non ha mai sbagliato un colpo: James Cameron.

Aliens Poster USA 03Quella di Alien è una saga composta da capitoli che, nonostante non riescano a raggiungere (e non è poi detto che debbano per forza farlo, in fondo) i livelli del primo, diretto da Ridley Scott nel 1979, sono ugualmente degni di nota. Anzi, si può benissimo dire che il loro principale pregio è proprio quello di diversificarsi per atmosfere e tematiche l’uno dall’altro. In alcuni casi si tratta di signori film, come Aliens – Scontro Finale, il secondo per ordine di tempo, diretto nel 1986 da un James Cameron reduce del grande successo di Terminator.

La storia prosegue quella lasciata in sospeso nel precedente lungometraggio. Ripley (Sigourney Weaver) unica superstite dell’equipaggio della nave spaziale Nostromo, vaga nello spazio, ibernata nella capsula del sonno in attesa di soccorsi che, per sua (s)fortuna, arrivano con un bel po’ di ritardo: ben 57 anni. Una volta recuperata e curata, la donna viene processata dalla sua stessa compagnia per presunta insubordinazione. Un’ingiusta punizione visto quello che ha passato, ma ben altre sorprese l’attendono: il pianeta LV426, lo stesso dove, anni prima, lei e il suo equipaggio avevano recuperato la temibile creatura aliena, è stato infatti colonizzato, ma da un po’ di tempo i suoi abitanti non mandano più segnali. A Ripley viene dunque chiesto di accompagnare una squadra di Marines per compiere i dovuti accertamenti. Inizialmente riluttante, la donna accetta, ma quello che troverà sul pianeta andrà oltre ogni immaginazione e scatenerà una vera e propria guerra tra umani e alieni.

A differenza del precedente Alien, che gioca in gran parte sul non visto e sull’atmosfera claustrofobica, Aliens – Scontro Finale è un vero e proprio action movie, teso, serrato, all’interno del quale quasi nulla viene lasciato fuori campo o nascosto nell’ombra, in particolare i temibili alieni del titolo, che per l’occasione si moltiplicano diventando un vero e proprio esercito.
Nelle mani di James Cameron il personaggio di Ripley diventa la protagonista assoluta di un horror bellico all’insegna del “girl power”, che ha il pregio di sviluppare in maniera intelligente alcune delle tematiche presenti nella pellicola originale e di immergerle in un’atmosfera “tamarra”, ma non per questo priva di fascino.

Curioso notare come all’interno di questa storia il regista e sceneggiatore abbia anticipato uno dei temi chiave del suo Terminator 2, proponendoci la figura di un nuovo androide, Bishop (interpretato da Lance Henriksen), che rappresenta la versione buona (e riprogrammata) del precedente Ash (Ian Holm).
Una menzione speciale la meritano ovviamente i magnifici effetti speciali creati dal genio del compianto Stan Winston, in grado sul serio di far impallidire la più moderna grafica digitale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Daredevil: un nuova serie in arrivo su Disney+ 19 Maggio 2022 - 22:44

Daredevil tornerà sul piccolo schermo, con una nuova serie destinata a Disney+. Ecco tutti i dettagli.

The Princess: il documentario su Lady D aprirà il Biografilm Festival 19 Maggio 2022 - 22:30

Il Biografilm Festival di Bologna inaugurerà l'edizione 2022 con The Princess, documentario di Ed Perkins dedicato a Diana Spencer.

Il Doctor Who di David Tennant protagonista di un videomontaggio speciale 19 Maggio 2022 - 22:00

L'annuncio del ritorno di David Tennant nei panni del decimo Dottore in Doctor Who sta scatenando i fan ed ecco un videomontaggio ufficiale per cavalcare l'onda.

She-Hulk, il trailer spiegato a mia nonna 18 Maggio 2022 - 8:43

Finalmente la She-Hulk di Tatiana Maslany in azione e... ma chi sono tutti quei tizi?

Bang Bang Baby, episodi 6-10: una chiusura col botto (no spoiler) 16 Maggio 2022 - 14:45

Sì, anche il secondo blocco di episodi di Bang Bang Baby, la serie di Prime Video, merita assolutamente la visione.

Doctor Strange nel Multiverso della Follia: chi c’è, cosa succede, cosa verrà dopo (SPOILER) 6 Maggio 2022 - 10:18

Chi c'è, cosa succede, cosa vuol dire per il futuro dell'MCU.