L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Bitch Slap – Le superdotate, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Bitch Slap - Le superdotate Poster ItaliaRegia: Rick Jacobson
Cast: Julia Voth, Erin Cummings, America Olivo, Renée O’Connor, Zoe Bell, Minae Noji, Ron Melendez, Kevin Sorbo
Durata: 1h 49m
Anno: 2010

Trixie (Julia Voth), Camero (America Olivo) e Hel (Erin Cummings) sono tre sensuali e procaci ragazze che si ritrovano coinvolte in un brutto affare. Solo nel deserto del Mojave, questo trio sta cercando il tesoro nascosto dal malvagio e misterioso Pink. Con loro c’è anche il viscido Gage (Michael Hurst), rapito e torturato in cerca di qualche indizio utile che possa condurle vesto il tesoro. L’arrivo di un poliziotto e di altra gente poco raccomandabile contribuirà a far precipitare ulteriormente la situazione.

Quentin Tarantino e Robert Rodriguez qualche danno l’hanno fatto. Magari non proprio direttamente, ma la loro recente “operazione revival”, incentrata sulla rivalutazione e sullo svecchiamento – con conseguente virata sul cool – del vecchio cinema borderline ha dato via ad una vera e propria mania che, abbinata a quel “sonno della ragione” che sembra aver contaminato il cinema contemporaneo da un po’ di tempo a questa parte, ha generato dei veri e propri mostri.
Ed è proprio qui che si inserisce questo Bitch Slap – Le Superdotate, pellicola diretta da Rick Jacobson (il cui curriculum conta una manciata di episodi di serie televisive come Xena – Principessa guerriera e Hercules) che, perlomeno sulla carta, si presenta come un omaggio al cinema exploitation e, in particolar modo, a quel Faster, Pussycat! Kill! Kill!, diretto da quel geniaccio (in)compreso di Russ Meyer, di cui lo stesso Quentin Tarantino ha più volte annunciato di volerne realizzare un remake/omaggio. Qualcuno l’ha preceduto, purtroppo, e nel farlo ha deciso di mettere così tanta carne al fuoco da comprometterne irrimediabilmente il risultato.

Il film diretto da Rick Jacobson, infatti, abusa in maniera eccessiva di qualsiasi cosa possa essere identificata come stile, dimostrando una carenza di idee, unita ad una messa in scena pacchiana, in grado di stufare dopo soli dieci minuti.
Split screen, rallenti (seguiti da altrettante accelerazioni), fondali volutamente finti inseriti con l’uso del green screen, salti temporali, pessima grafica digitale e un uso del grottesco che supera spesso e volentieri il confine del ridicolo. Nulla manca all’interno di questa storia, svenduto un tanto al chilo all’insegna del “melius abundare”. Il risultato, ovviamente, è tutt’altro che “fico”, sebbene l’intento sia dichiaratamente quello.
Bitch Slap sbaglia ogni cosa e, nonostante si culli del fatto che ogni sua mancanza possa essere identificata come “licenza poetica”, non riesce a prendere in giro nessuno.

Non basta certo qualche donna popputa e qualche parentesi soft-core a fare un omaggio. Specialmente nei confronti di chi, per sua stessa ammissione, attorno alle tette ci aveva creato un’intera filmografia.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 27 marzo, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Terminator: Production I.G realizzerà una serie animata per Netflix 26 Febbraio 2021 - 22:35

Il CEO di Production I.G rivela di aver chiesto consiglio a Mamoru Oshii. Il progetto è ancora nelle primissime fasi di sviluppo.

George Clooney e Julia Roberts di nuovo insieme in Ticket to Paradise 26 Febbraio 2021 - 20:45

Le due star interpreteranno una coppia divorziata in viaggio verso Bali per impedire alla figlia di commettere il loro stesso errore

Wandavision: La spiegazione della scena dopo i titoli di coda dell’episodio 8 26 Febbraio 2021 - 20:05

Anche nell'episodio 8 di WandaVision è presente una scena dopo i titoli di coda: ecco i possibili significati nascosti che potrebbe contenere!

Spawn (FantaDoc) 28 Novembre 2020 - 12:00

All'inferno (e ritorno) i super-eroi!

Small Soldiers (FantaDoc) 2 Novembre 2020 - 16:08

La storia dei soldati giocattolo di Joe Dante.

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.