L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
Tra Alieni e Cowboy: Ancora vivo

Tra Alieni e Cowboy: Ancora vivo

Di Filippo Magnifico

Nell’attesa che Cowboys & Aliens, la pellicola western/sci-fi diretta da Jon Favreau e ispirata all’omonima serie di fumetti creata da Scott Mitchell Rosenberg, faccia il suo ingresso nelle sale italiane, la redazione di ScreenWEEK.it ha deciso di condurvi lungo un viaggio alla scoperta delle due dimensioni che conpongono questo titolo, che sono appunto quella fantascientifica e quella western. Ogni settimana parleremo di un lungometraggio fondamentale che compone il vastissimo panorama di quella cinematografia cosiddetta di genere. La giusta occasione per ricordare alcune pellicole che troppo spesso finiscono dimenticate e, perchè no, arrivare adeguatamente preparati al 9 settembre 2011, giorno in cui Cowboys & Aliens arriverà nelle nostre sale. Dopo avervi presentato La Guerra dei Mondi, Il Mucchio Selvaggio, Ultimatum alla Terra, I magnifici sette, La Cosa, Un dollaro d’onore, Il mondo dei Robot, Il cavaliere pallido, Ritorno al Futuro – Parte III e La Guerra dei Mondi di Steven Spielberg, è arrivato il momento di parlare di un piccolo cult da molti dimenticato, che forse meriterebbe maggiore attenzione di quanta gliene sia stata data finora: Ancora vivo.

Ancora Vivo Poster USA 01Avete mai pensato a quanti registi, solitamente perché attraverso la loro filmografia si sono occupati prevalentemente di cinema “di genere”, non sono mai riusciti a ricevere la giusta attenzione? La lista è lunghissima e ognuno di noi ha sicuramente un “favorito” da inserirci, ma penso che sia un pensiero comune a più persone – perlomeno quelle che conoscono il nome che si sta per citare – parlare in questi termini di Walter Hill.

Durante la sua carriera questo cineasta ha sfornato più di un titolo che, in un modo o nell’altro, è riuscito ad imporsi all’attenzione del pubblico (un nome su tutti, I Guerrieri della Notte), proponendo quella che si potrebbe benissimo definire “estetica dell’action movie” e dimostrando che non bisogna per forza parlare di argomenti alti o sofisticati per realizzare un cinema di classe.
E se è vero che ogni regista, durante il suo percorso artistico, raggiunge una vetta che difficilmente potrà essere superata, possiamo benissimo dire che questo è successo nel 1996, anno di uscita di Ancora Vivo, un’opera talmente sofisticata e densa di quelle caratteristiche proprie della settima arte che, per certi versi, rappresenta un vero e proprio precursore di tutta quella mania revival che ha investito il panorama cinematografico hollywoodiano degli ultimi anni.

Secondo remake de La sfida del samurai di Akira Kurosawa (il primo è il ben più famoso Per un pugno di dollari di Sergio Leone), Ancora vivo è un film che si diverte a giocare con i canoni del genere western, portandoli all’estremo e fondendoli con le caratteristiche del noir e del gangster movie. Il risultato di questa mistura, avvolta da una fotografia densa e polverosa, è Jericho, la cittadina sperduta tra i deserti americani dove è ambientata questa storia. Un limbo senza tempo – che trova la sua ispirazione all’interno di una passata cinematografia illustre – all’interno della quale si muove un inespressivo e altrettanto funzionale Bruce Willis. È lui il Last Man Standing del titolo originale, il fulcro (in)volontario attorno al quale ruota l’intera vicenda, che vede la lotta tra due bande rivali: gli italiani Strozzi e gli irlandesi Doyle, tra i quali spicca Christopher Walken, diabolico scagnozzo sfregiato.

Il resto assume la consistenza del mito, dove ogni immagine è eterea, volutamente eccessiva e ovviamente grottesca, ma mai fuori luogo, raggiungendo quelle vette che solo il grande cinema d’autore riesce a toccare. Ancora Vivo è forse uno degli ultimi grandi western moderni e merita sicuramente una rivalutazione. Come tutto il cinema di Walter Hill del resto.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Vi siete persi un sacco di news su cinema e TV, perché avevate una gomma a terra, la tintoria non vi aveva portato il tight, le cavallette. Lo sappiamo. Ma tranquilli, siamo qui per voi!

Un'unica newsletter a settimana (promesso), con un contenuto esclusivo e solo il meglio delle notizie.
Segui QUESTO LINK per iscriverti!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

LEGGI ANCHE

Feud: Calista Flockhart, Diane Lane e Tom Hollander nella stagione 2 18 Agosto 2022 - 12:30

I tre si uniranno a Naomi Watts e Chloë Sevigny nella stagione 2 della serie di Ryan Murphy, incentrata sulle donne di Truman Capote

Dopo il finale di Better Call Saul, Cinnabon cerca un nuovo manager in Nebraska 18 Agosto 2022 - 11:45

Dopo il finale di Better Call Saul, la catena Cinnabon ha bisogno di un nuovo manager a Omaha, in Nebraska.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

She-Hulk e una quarta parete infranta da oltre trent’anni 18 Agosto 2022 - 11:20

Come She-Hulk, un'eroina a fumetti nata per paura, è stata trasformata in uno dei personaggi Marvel più ironici di sempre.

Better Call Saul, il finale: “meglio non chiamarlo Saul” [SPOILER] 16 Agosto 2022 - 15:23

La fine di un viaggio sorprendente, un finale da storia della TV: le nostre considerazioni sull'ultimissimo episodio di Better Call Saul.

The Sandman: i fan del fumetto possono dormire sonni tranquilli (recensione senza spoiler) 5 Agosto 2022 - 9:01

Neil Gaiman aveva ragione a proposito della trasposizione fedele. Ma The Sandman può piacere anche a chi il fumetto non l'ha mai letto?