Condividi su

15 maggio 2011 • 12:38 • Scritto da Marco Triolo

Tornatore prepara il progetto di una vita: Leningrad

Giuseppe Tornatore ha finalmente ottenuto il finanziamento per girare Leningrad, il progetto che sogna di realizzare da molti anni. Il film racconterà l'assedio nazista alla città di San Pietroburgo...
Post Image
2

Baaria Bellucci Bova Chiatti Fiorello Faletti 8

Giuseppe Tornatore ha finalmente ottenuto il finanziamento che stava aspettando: cento milioni di dollari per girare Leningrad, epico film di guerra in lingua inglese che racconterà dell’assedio nazista a San Pietroburgo, durato novecento lunghi giorni. A finanziare ci sarà la Millenium/Nu Image, e a produrre Avi Lerner, che ha dichiarato: “Abbiamo discusso con Tornatore della sceneggiatura, e convenuto di renderla più eccitante”.

Le riprese non inizieranno prima di dicembre 2012: Tornatore si prenderà tutto il tempo per scegliere il cast di un film che per lui è il sogno di una vita. Nel frattempo, girerà un altro piccolo film. Nicole Kidman tempo fa era stata considerata per uno dei due ruoli principali, ma evidentemente ora non è più coinvolta.

(Fonte: Variety via ComingSoon.net)

Condividi su

2 commenti a “Tornatore prepara il progetto di una vita: Leningrad

  1. Era un progetto che sognava Sergio Leone e proprio mentre stava per iniziare è scomparso prematuramente.
    Su Tornatore sono scettico. E’ da troppo tempo che gira solo cartoline per il pubblico, film retorici senz’anima, concepiti come un riassunto del ‘bel’ cinema italaino del passato, e confezionati come spot promozionali dell’Italia da esportazione.
    C’è il precedente della Leggenda del Pianista sull’Oceano che all’estero fruttò abbastanza e di un credito che gode presso gli americani, che ha portato ad ottenere i capitali necessari.
    In questo senso, l’intervento del produttore è più che positivo: limiterà gli estetismi e la magniloquenza e si punterà su aspetti spettacolari e realistici, in linea con un kolossal bellico da 100 milioni di dollari.
    Chissà se riuscirà a far rivivere la sensibilità e la competenza senza presunzione dei primi film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *