L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Pezzi di cinema: Dark Star (1974)

Di Marco Triolo

Negli ultimi tempi non sono stato molto regolare con la rubrica “Pezzi di cinema”: mi farò perdonare nelle prossime settimane, trattando una serie di classici della fantascienza. A cominciare proprio da oggi, con Dark Star, il primo film di John Carpenter. La pellicola, in origine un film studentesco di 45 minuti, girato in 16mm con l’apporto dello sceneggiatore/effettista/attore Dan O’Bannon, fu in seguito pompata in 35mm e allungata di 38 minuti per una distribuzione cinematografica voluta dal produttore Jack H. Harris, che era rimasto folgorato vedendo il film.

I più attenti avranno riconosciuto il nome di O’Bannon, recentemente scomparso: qui co-sceneggiatore e interprete (del Sergente Pinback), più avanti avrebbe creato Alien, e infatti la sottotrama dell’alieno a piede libero nell’astronave, in Dark Star declinata in senso comico, sarebbe tornata preponderante nel film di Ridley Scott. Carpenter girò il film con un budget di 60.000 dollari e tanta inventiva – quadri comando realizzati con formine per i ghiaccioli rovesciate, l’alieno creato con un pallone gonfiabile – e caratterizzò Dark Star come una satira di 2001: Odissea nello spazio, un film che per altro ammirava moltissimo.

In Dark Star sono presenti i germi di parecchie tematiche che avrebbero accompagnato la filmografia del regista negli anni a venire: ad esempio, gli astronauti della Dark Star, alle prese con la noia e lontani anni luce dall’eroica raffigurazione del pioniere spaziale votato all’espansione della frontiera e all’estirpazione dei nemici di altri mondi. Qui ci troviamo di fronte a veri e propri rappresentanti della working class, assuefatti al tedio di un lavoro ripetitivo e privi di qualsiasi spinta patriottica. Il Sogno Americano è lontano quanto la terra, perso in un’infinità di galassie tutte uguali.

Carpenter e O’Bannon ci mettono anche un po’ di filosofia – geniale la discussione tra Doolittle e la Bomba 20, che rifiuta di abortire il conto alla rovescia e infine si fa esplodere credendo di essere Dio. I due autori infine litigarono sulla paternità della sceneggiatura, e da allora non si parlarono più. Un vero peccato: sarebbe stato bello vederli collaborare di nuovo, magari qualche anno più tardi.

A seguire, la suddetta scena del dialogo tra Doolittle (Brian Narelle) e la Bomba 20. La settimana prossima, parleremo dello Xenomorfo più amato nel mondo. Restate con noi!

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Edgar Ramírez protagonista della serie Florida Man per Netflix 20 Aprile 2021 - 15:15

Un ex poliziotto in cerca della ragazza di un ganster, un viaggio angosciante tra Brivido caldo e Out of Sight

Il cosmonauta – Anche Paul Dano e Kunal Nayyar nel film Netflix 20 Aprile 2021 - 14:30

Paul Dano e Kunal Nayyar sono entrati nel cast di Spaceman, film Netflix con Adam Sandler e Carey Mulligan tratto da Il cosmonauta di Jaroslav Kalfar.

Veleno – Amazon annuncia la docu-serie tratta dal libro di Pablo Trincia 20 Aprile 2021 - 13:30

Veleno, docu-serie di Hugo Berkeley tratta dal libro di Pablo Trincia, uscirà in maggio su Amazon Prime Video, che intanto ne ha pubblicato il poster.

Chi è Shang-Chi, il Bruce Lee del Marvel Universe 20 Aprile 2021 - 9:22

Storia di Shang-Chi, un eroe Marvel figlio di Bruce Lee, della TV... e della DC Comics. Eh?

Spider-Man: No Way Home, come fa a tornare il Dottor Octopus di Molina? (Non era morto?) 19 Aprile 2021 - 11:07

Laddove "morto", nei fumetti (e ora per estensione nei film) di super-eroi non vuol dire in effetti nulla di serio.

Il film di Gundam: la seconda (ma in realtà terza, e pure quarta) sortita live action del Mobile Suit Bianco 15 Aprile 2021 - 17:00

Storia breve di come un anime flop è diventato uno dei simboli pop più celebri del Giappone e un'industria pazzesca. E delle paure che un film hollywoodiano ora si porta dietro.