L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

La vita al tempo della morte, la recensione

Di Filippo Magnifico

La vita al tempo della morte Poster Italia 02Regia: Andrea Caccia
Cast: Margherita Bassoli, Silvia Boffelli, Cosima Brillante, Rossana Brioschi, Isabella Colajanno, Barbara Colson, Carlos Cornejo, Dario Manzoni, Angela Porcelli, Salvatore Sauro, Salvatore Telese, Massimo Caccia, Andrea Caccia, Germana Rosina, Filippo Caccia
Durata: 1h 22m
Anno: 2010

Quello di Andrea Caccia è un nome che all’interno di quella piccola nicchia che accoglie il cosiddetto cinema indipendente italiano è riuscito a ritagliarsi un posto di tutto rispetto. Per il momento ha all’attivo un paio di lungometraggi nonfiction, entrambi interessanti e particolarmente ambiziosi. Con il primo, Vedozero (di cui trovate la recensione qui), è riuscito ad offrirci uno spaccato di mondo, visto con gli occhi dei più giovani e filtrato attraverso l’obiettivo di un telefonino; con il secondo, forse ancora più ambizioso, ha cercato di analizzare una delle incognite più grandi dell’uomo: la vita o, per meglio dire, la morte, che “è esigente, richiede silenzio, pazienza, forza e meditazione. Una meditazione che a volte sconfina nella paura. Paura di svelarsi, di scoprirsi deboli, di chinarsi di fronte al destino”.

La vita al tempo della morte è un’opera molto interessante, forse meno teorica della precedente, ma sicuramente altrettanto sentita, se non di più. I tre atti che la compongono ci conducono lungo un percorso che sembra scandito lungo un arco che, ipoteticamente, potrebbe rappresentare il percorso di ognuno di noi. Lo scorrere delle stagioni nel primo, che ci mostra le persone – spesso lasciate fuori fuoco – che frequentano i laghi della Lavagnina; la consapevolezza del nostro essere “finiti” nel secondo, particolarmente toccante, all’interno del quale ascoltiamo le parole di chi, in un letto di ospedale o di una casa, attende il momento della dipartita; la perpetuazione della memoria nell’ultimo, incorniciato da un suggestivo bianco e nero, che vede il regista e il fratello intenti a ritrovare tracce di loro stessi (e non solo), mentre cercano di mettere ordine tra la miriade di oggetti accatastati lungo gli anni nel loro garage.

La vita al tempo della morte è un lungometraggio che parla direttamente con il pubblico e che è in grado di suscitare emozioni differenti in ognuno di noi. Quali siano stati o meno gli intenti di Andrea Caccia ha poca importanza, perché la sua pellicola, allo stesso modo delle tematiche che affronta, non può e non deve avere un senso universale. L’importante è che ci aiuti a riflettere e, da questo punto di vista, ci riesce benissimo. La si potrebbe addirittura definire “un’opera terapeutica”, senza paura di esagerare. Per il suo regista lo è stata di sicuro, perché, quindi, non dovrebbe esserlo anche per noi?

Vi ricordiamo che La vita al tempo della morte sarà in programmazione al Cinema Aquila di Roma. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

BAFTA 2021: Nomadland è il miglior film, tutti i vincitori 11 Aprile 2021 - 21:53

Sono stati annunciati i vincitori dell’edizione 2021 dei BAFTA, i prestigiosi premi britannici, consegnati dalla British Academy of Film and Television Arts.

Them – La serie Amazon conquista Stephen King: “Mi ha spaventato a morte” 11 Aprile 2021 - 20:00

La serie horror Them ha da qualche giorno fatto il suo debutto su Amazon Prime Video e ha già trovato un fan che non passa certo inosservato: sua maestà Stephen King.

Spider-Man: No Way Home – Un riferimento a Cap nelle nuove foto dal set 11 Aprile 2021 - 19:00

Due foto dal set di Spider-Man: No Way Home contengono un riferimento alla Statua della Libertà e allo scudo di Capitan America.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.