L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Girls on the Air, la recensione

Di Filippo Magnifico

Girls on the Air Poster USA 01Regia: Valentina Monti
Durata: 1h
Anno: 2009

Quanto conosciamo realmente dell’Afghanistan? Forse molto poco. In verità si tratta di uno stato diverso dagli stereotipi che i media hanno contribuito a creare nell’immaginario occidentale e che, soprattutto, sta cercando di recuperare gran parte del “tempo perduto”.

È questo quello che vuole farci capire Valentina Monti con il suo Girls on the air, un documentario che cerca di mettere in evidenza un nascente fermento che, come ogni seme piantato con amore, sta dando i suoi splendidi frutti. Simbolo di tutto questo è la giovane Humaira Habib, giornalista e manager di Radio Sahar, la prima radio comunitaria e indipendente, nata dopo la caduta del regime talebano, diretta e gestita da donne e che trasmette dalla città di Herat, vicino al confine tra Afghanistan ed Iran.

Gli intenti della regista, che grazie a quest’opera è riuscita ad ottenere molti consensi in giro per il mondo, sono molto chiari: “Vorrei che Girls On The Air provocasse una riflessione, stimolasse domande sul significato di libertà di espressione, liberta di informazione e democrazia. In Afghanistan ho dovuto veramente ascoltare e fare un passo indietro rispetto a quello in cui ho sempre creduto; Humaira un giorno mi ha detto che democrazia non è una parola della lingua afghana, ma bensì una parola straniera, facendomi riflettere che forse anche il nostro modello occidentale di democrazia, se non compreso, diventa immediatamente una imposizione”.

Questo film però non vuole certo soffermarsi sul significato delle parole, ma sulla loro potenza. Non dobbiamo infatti dimenticare che al centro di tutto c’è proprio una radio e quel piccolo gruppo di persone che la gestisce: “Humaira e le sue colleghe, che lottano ogni giorni per i loro diritti e per i diritti delle donne e degli uomini dell’Afghanistan, mi hanno lasciato generosamente entrare nel loro mondo, dove ho scoperto un forte senso dell’ironia, il loro impegno culturale e sociale, i loro dubbi e il loro modo di vivere la complessità di un paese, l’Afghanistan, continuamente in bilico tra modernità e tradizione, paradosso e aspirazioni, lotta per i sogni e la libertà”.

Girls on the air è dunque tutto questo, un film che riflette sulla voglia di risollevarsi, di andare contro ogni barriera, credendo nel proprio lavoro e nelle proprie capacità. Un messaggio che Valentina Monti riesce a mandare con il minimo sforzo. Le basta semplicemente seguire queste donne, facendo in modo che le loro voci si espandano al di fuori del confine afghano. Il resto va da sé.

Vi ricordiamo che Girls on the air sarà in programmazione al Cinema Aquila di Roma. Per maggiori informazioni potete visitare il sito www.cinemaaquila.com.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Il “Very Nice!” di Borat diventa lo slogan ufficiale per il turismo in Kazakistan 27 Ottobre 2020 - 10:31

Il Kazakistan ha deciso di usare il “Very Nice!” di Borat come slogan ufficiale per il turismo. Ecco lo spot.

Wayne arriva su Amazon Prime Video il 6 novembre: ecco il trailer 27 Ottobre 2020 - 9:45

Wayne cambia casa, e sbarcherà su Prime Video il prossimo 6 novembre: per l'occasione, Amazon ne ha pubblicato un nuovo trailer.

Per i DIGITAL MOVIE DAYS: 5 Horror ad un prezzo speciale 27 Ottobre 2020 - 9:42

Halloween si avvicina. L’occasione giusta per guardare un bel film horror, approfittando dei Digital Movie Days!

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).