L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Cannes 2011, la recensione di Drive

Di Andrea D'Addio

Drive Poster USAIl cinema danese non è solo  Lars Von Trier, i suoi sempre interessanti film (compreso Melancholia) e le sue imbarazzanti conferenze stampa, né è il cinema forse sopravvalutato, ma comunque da Oscar di Susanne Bier, oltre ai figli del dogma c’è di più, e quel di più risponde al nome di Nicolas Winding Refn.

Il quarantunenne cineasta di Copenhagen arriva con Drive alla prima tappa di una carriera che difficilmente ormai potrà scendere di livello, vista la maturità dimostrata. Dopo tante produzioni di medio/buon livello (la trilogia di Pusher, Valhalla Rising), ma mai nulla di davvero straordinario, vuoi a causa di budget limitati, vuoi per una certa incapacità di trovare un equilibrio tra lo straordinario senso estetico del suo occhio e la scrittura di sceneggiature certe volte piuttosto superficiali, Refn ha finalmente centrato il bersaglio grosso. Il suo è un lavoro di azione spesso trattenuta su cui immette straordinarie fiammate di fisicità e machismo della migliore specie, nonché, dopo un’ora di film, anche parecchio pulp.

Personaggi silenziosi e cattivi quanto basta, atmosfere cupe, musiche e atmosfere anni ’80 (un po’ come quelle di I padroni della notte di James Grey), suoni di motori su strade buie o deserte, innamoramenti fatti di sguardi platonici e parole non dette, cause ed effetti che si aprono e si chiudono arrivando subito al punto, senza ricamare troppo sui risvolti drammatici della vicenda, non c’è nulla che non contribuisca a far “gasare” lo spettatore che sa apprezzare un prodotto del genere. Non è un caso se il festival di Cannes lo ha accettato tra i film in concorso per la Palma d’oro.

La prima parte del film è un vero e proprio manuale di regia, ogni inquadratura o movimento di macchina è una pennellata degna del migliore Michael Mann, corpi che si stagliano sullo schermo componendo lasciando sempre lo giusto spazio tra loro e lo spazio intorno, dando così un continuo senso di attesa e divenire. Dalla prima, straordinaria sequenza dell’inseguimento, a quella ancora più eccezionale dell’assalto al motel, anche nei momenti relativamente “morti”, si percepisce il ticchettio di un conto alla rovescia iniziato da tempo.  Nella seconda c’è una deriva piuttosto grottesca, caratterizzato da tanto sangue e violenza anche esagerata, ma il finale ritira tutto sù, mettendo in secondo piano i venti minuti precedenti e arrivando ad un risultato finale di tutto rispetto.

Un po’ come fece Jonathan Demme nel sottovalutato remake di The Manchurian Candidate, c’è un grande utilizzo degli elementi sonori, con un martellamento di bassi degno rappresentante di un cuore in continua e accelerata pulsazione, così ccome del resto accade al nostro protagonista, uno stuntman specializzato nella guida, che si fa tirare dentro ad un brutto giro di rapine e tradimenti in nome di un amore impossibile. Ryan Gosling si conferma come uno dei più bravi attori under 30 (ok, li ha appena compiuti, ma i personaggi che interpreta sono più giovani) in circolazione, non c’è ruolo che non gli riesca bene, che sia quello del sofferto innamorato di Blue Valentine che quello qui molto muscolare del guidatore che è meglio non fare arrabbiare, un po’ come il cavaliere nero di Gigi Proietti. Bravissimi e ben utilizzati anche i vari Ron Perlman, Albert Brooks e Carey Mulligan e seppur con una particina, la formosa Chrisina Hendricks di Mad Men, dimostrazione del fatto che questo regista, oltre che scrivere e girare, sappia anche scegliersi bene il cast, reinventando attori in ruoli a loro insoliti. Drive probabilmente non sarà Palma d’oro come Tarantino e il suo Pulp Fiction nel 1994, è un film di frattura rispetto alle altre pellicole viste sulla Croisette, potente, che rimarrà a lungo scolpito negli occhi di chi ha la fortuna di vederlo.

 Vi ricordo che per conoscere tutte le ultime news dal Festival e dal mercato di Cannes, vi basta cliccare sulla nostra scheda sul database (la trovate a questo link). Qui invece trovate i commenti e i film visti finora in concorso e qui fuori concorso.

#CinemaReloaded è un messaggio di ottimismo aperto a tutti per testimoniare, condividere e sostenere le iniziative di rilancio del cinema in sala. Scopri di più e aderisci sul sito Cinemareloaded.it.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Away – Netflix cancella la serie con Hilary Swank dopo una stagione 20 Ottobre 2020 - 16:45

L'avventura marziana di Hilary Swank non proseguirà: Netflix ha deciso di cancellare Away dopo una sola stagione, uscita un mese e mezzo fa.

James Redford, figlio di Robert Redford, muore a 58 anni 20 Ottobre 2020 - 16:00

James Redford, documentarista e produttore, si è spento lo scorso 16 ottobre all'età di 16 anni. Era figlio di Robert Redford.

The Crown – Dominic West in trattative per il ruolo del Principe Carlo nelle stagioni 5 e 6 20 Ottobre 2020 - 15:22

Dominic West in trattative finali per il ruolo del Principe Carlo nelle stagioni 5 e 6 di The Crown, la serie Netflix

Universal Soldier – I nuovi eroi (FantaDoc) 16 Ottobre 2020 - 16:51

Storia di un clonazzo di Terminator per cui Van Damme e Dolph Lundgren sono arrivati a menarsi (per finta) a Cannes.

The Doc(Manhattan) Is In – Storie di guerra e di magia, il Game of Thrones dell’83 (più o meno) 26 Giugno 2020 - 15:45

Storia del semidimenticato Wizards and Warriors, serie fantasy anni 80 con vari personaggi in lotta per il controllo di un regno. Ricorda qualcosa?

7 cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers 19 Giugno 2020 - 15:45

Sette cose che forse non sapevate su Capitan Planet e i Planeteers, un super-eroe contro l’inquinamento (e gli altri mali del mondo).