L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Fast & Furious 5: ScreenWeek intervista Paul Walker!

Di giorgia.a


Manca una settimana all’uscita italiana di Fast & Furious 5 e sul web già si parla di un sesto capitolo, che dovrebbe dare alla serie un’impronta da heist movie. Ma qual’è il segreto di un franchise presente sul grande schermo da ormai 10 anni e, soprattutto, in grado di incassare un successo dopo l’altro? Sentite cosa ne pensa Paul Walker…

 

Com’è stato girare a Rio e Portorico?

A dire il vero, siamo stati a Rio molto poco. Tutti mi chiedono in continuazione che tipo di città sia, e potrei tranquillamente mentire rispondendo che è un posto bellissimo, ma la verità è che ho trascorso a Rio solo sette giorni, quattro dei quali ho lavorato. E’ a Portorico che abbiamo girato la maggior parte del film: è decisamente la versione east coast delle Hawaii. Non ci ero mai stato prima e devo dire che c’è un’energia speciale nell’aria, una sorta di sensualità latina. Lavorare è stato molto difficile con tutte quelle distrazioni: ho fatto surf, immersioni, vela. Credo che l’energia di Portorico abbia influenzato positivamente il film.

 

Cosa ci dici, invece dell’avere Vin Diesel come produttore oltre che attore?

Ad essere sincero, per me Vin è Vin! Non riesco davvero a vederlo nei panni di un produttore…noi andiamo sul set e facciamo le nostre cose.  Amo lavorare con lui, e preferisco concentrarmi più sul Vin attore che sul dietro le quinte.

 

Sappiamo che il prossimo capitolo è in fase di sviluppo e sembra che la saga farà una virata in direzione dell’heist movie. Cosa ne pensi di questo genere?

Lo amo, ho letteralmente amato film come The Italian Job e Ocean’s Eleven. Mi piacciono i film d’azione e credo che parte del successo della serie sia dovuto al fatto che non è diventato troppo ambizioso, è rimasto fedele a se stesso e le persone lo hanno apprezzato. C’è la questione, importante, della lealtà tra amici e della famiglia che corre lungo tutta la serie, ma la maggior parte del tempo la passiamo a guidare auto stupende e a sparare cazzate: è questa la sua bellezza!




Veniamo a un tema che ti sta particolarmente a cuore…le auto! Ci sono film del genere che consideri cult?

Sicuramente Bullit, di Steve McQueen. E la sequenza in macchina di Ronin. Fenomenale.


Fare film come Fast & Furious ha cambiato l’approccio alla tua passione automobilistica?

No, ma i miei gusti sono decisamente migliorati…ad esempio prima non amavo le auto giapponesi, mentre ora sì. Le auto sono decisamente la mia droga. Le considero un mezzo espressivo: alcuni si concentrano più sull’esterno, sulla customizzazione, per me invece l’importante è la funzionalità: sospensioni equilibrate, motore turbo.

 

Da amante delle automobili, come ti sei rapportato al lavoro di Dennis McCarthy, il responsabile del reparto automobilistico?

Dennis mi ha coinvolto nel processo di selezione delle auto: come me corre ed ha una passione assoluta per tutto ciò che le riguarda. Il nostro è stato un lavoro di squadra: nel film c’è una Nissan 370Z che non era predisposta per il tipo di scena per cui l’abbiamo usata, quindi abbiamo dovuto cambiare il differenziale per farle fare curve strette, e sono stato io a provarla ed a suggerire queste modifiche. Mio nonno era meccanico e corridore professionista, perciò è colpa sua se ho questa passione! Ho una piccola azienda in California, la A.E. (Always Evolving): se ci fate caso, nel film porto proprio una maglietta con le iniziali della ditta!


Ritorniamo al film…come avete girato la scena del salto?

E’ stata molto difficile. Abbiamo saltato giù da 20 metri, quindi da un’altezza decisamente minore rispetto a quella che si vede nel film: prima siamo saltati noi, poi la macchina, dopodiché abbiamo rigirato la scena in auto usando un greenscreen e le imbracature. Ma eravamo davvero io e Vin, senza stuntman.

 

Ti capita mai di sentire gente in giro che fa delle tue citazioni dal film?

Non quanto a Vin! E’ per la sua voce sexy e profonda (la imita, n.d.r.)! Da lui vogliono autografi, foto, a me al massimo stringono la mano, mi offrono una birra e a volte mi propongono una corsa in auto: sinceramente preferisco questo tipo di rapporto. Credo sia perché con Brian è più facile immedesimarsi, mentre Dom rimane un supereroe irraggiungibile.

 

Sarai nel sesto capitolo?

E’ divertente perché ogni volta mi dico: questo è l’ultimo! Mentre secondo me Vin pensa già al dodicesimo! Quando abbiamo fatto il quarto credevamo davvero fosse l’ultimo, poi le reazioni dei fans ci hanno spinto ad andare avanti. Ad essere sincero, per me l’unica condizione per il sesto capitolo è che ci sia Justin alla regia: ma non so ancora se è interessato…

 

Vi ricordiamo che Fast & Furious 5 sarà in sala dal 4 maggio, date un’occhiata al nostro blog tematico per essere sempre aggiornati!

 

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Spider-Man: No Way Home – Un riferimento a Cap nelle nuove foto dal set 11 Aprile 2021 - 19:00

Due foto dal set di Spider-Man: No Way Home contengono un riferimento alla Statua della Libertà e allo scudo di Capitan America.

Creed 3: Michael B. Jordan spiega perché non ci sarà Sylvester Stallone 11 Aprile 2021 - 18:00

Come sappiamo, in Creed III, il prossimo capitolo della saga che sarà diretto e interpretato da Michael B. Jordan, non tornerà Rocky Balboa. Ecco il motivo.

Dwayne Johnson Presidente degli Stati Uniti? Il 46% degli americani lo voterebbe 11 Aprile 2021 - 17:00

È tutto iniziato per scherzo, quasi fosse la trama di una puntata dei Simpson, ma con il passare del tempo l’ipotesi di Dwayne Johnson Presidente degli Stati Uniti sta diventando sempre più concreta.

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.