L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Ascolti: debutto buono ma non grandioso per Game of Thrones!

Di Cristiano

I tanto attesi risultati di Game of Thrones sono arrivati: la prima puntata del serial tratto dalla saga di romanzi di George R.R. Martin è stata seguita da 2.200.000 telespettatori. Per quanto riguarda le due repliche mandate in onda subito dopo la prima visione, la prima è stata vista da 1.200.000 telespettatori, mentre la seconda da 800.000, il che porta gli ascolti ad un totale di 4.200.000.

Ascolti buoni, insomma, ma decisamente non spettacolari. Un peletto deludenti, forse, viste le altissime aspettative sia della rete che del pubblico in generale. Boardwalk Empire, il serial di Martin Scorsese partito su HBO lo scorso autunno, aveva debuttato con un grandioso risultato di 4.800.000 (tanto che la HBO annunciò una seconda stagione il giorno dopo). Chiaramente, nonostante i media americani stiano facendo il confronto, per quanto mi riguarda è piuttosto inutile comparare i risultati di una premiere primaverile con una autunnale, ovvero il periodo più visto della televisione americana.

Certo, alla HBO avrebbero sicuramente amato che la prima tv di Game of Thrones fosse stata seguita da almeno tre milioni di telespettatori, ma sono più che certo che ogni risultato al di sopra dei due milioni sia per la rete fonte di soddisfazione.

In realtà il problema degli ascolti è piuttosto relativo quando si parla di HBO: essendo una rete via cavo a pagamento, priva quindi delle problematiche legate alla pubblicità, la HBO punta più ai nuovi abbonamenti che ad ottenere ratings nelle fasce d’età più “commerciali”. Di conseguenza, non c’è da preoccuparsi: lo stesso True Blood debuttò con 1.400.000 telespettatori, che sono diventati quasi 6 dopo tre stagioni.

Positivissimi i dati della trasmissione inglese: Game of Thrones è andato in onda in UK su Sky Atlantic ed è stato seguito da 720.000 telespettatori, circa il doppio totalizzato da Boardwalk Empire. Un dato veramente notevole, che è un segnale che il serial funziona, non solo negli States ma anche sul mercato estero, dove è già stato acquistato da mezza Europa (per quanto riguarda l’Italia non si a nulla di ufficiale, ma si tratta solo di aspettare).

Da No Time to Die a Ghostbusters, ecco le nuove date dei film 2021 (in costante aggiornamento)

Cinema chiusi fino al 30 aprile, QUI gli ultimi aggiornamenti.


Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Tom Hiddleston parla di Loki: «È una serie sull’identità» 12 Aprile 2021 - 16:45

Tom Hiddleston parla dei temi al centro di Loki, e ci invita a fare attenzione ai font "mutaforma" del titolo. La serie debutterà l'11 giugno su Disney+.

Perry Mason: Tatiana Maslany non tornerà nella stagione 2 12 Aprile 2021 - 16:42

Sorella Alice McKeegan, il personaggio interpretato da Tatiana Maslany in Perry Mason, non tornerà per la seconda stagione nonostante l'attrice avesse dichiarato che questo era il primo capitolo della sua storia

Elite: La stagione 4 dal 18 giugno, foto e video annuncio 12 Aprile 2021 - 16:03

Prime foto ufficiali e video annuncio della quarta stagione di Elite, in arrivo su Netflix a giugno

LOL – Chi ride è fuori, i comici italiani e la TV giapponese 9 Aprile 2021 - 14:37

Si è concluso ieri su Amazon Prime Video LOL, chi ride è fuori, game show a puntate che ha suscitato polemiche e discussioni su cosa fa ridere e cosa no.

Jupiter’s Legacy: chi sono i nuovi super-eroi di Netflix (e perché siete già fan del Millarworld, anche se non lo sapete) 8 Aprile 2021 - 11:29

Le origini di Jupiter's Legacy, i nuovi super-eroi in arrivo su Netflix, e l'importanza per il mondo del fumetto di quel signore chiamato Mark Millar.

Black Widow: chi è Taskmaster? 6 Aprile 2021 - 16:02

La storia di Taskmaster, il villain dalla memoria fotografica che ha sbagliato mestiere.