L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Road to Rango: Johnny Depp e Alice in Wonderland

Di Leotruman

Ci siamo. Domani uscirà in diverse centinaia di sale italiane Rango, il film d’animazione diretto dal regista Gore Verbinski con Johnny Depp protagonista nei panni di un camaleonte in crisi di identità.

Rango Poster Italia 4

A dir poco eccellenti le critiche che la pellicola ha ricevuto in patria: su RottenTomatoes ha addirittura l’88% di recensioni positive, decisamente incredibile!

Visto che Johnny Depp non ha solo “prestato” la voce a Rango, ma ha realmente interpretato il personaggio (e gli animatori lo hanno riprodotto proprio con le movenze e l’espressività dell’attore) possiamo considerarla come l’ennesima prova di una carriera folgorante che la redazione di ScreenWEEK.it ha deciso di ripercorrere in ordine cronologico.

Ecco i film di cui abbiamo parlato nelle scorse settimane: Edward Mani di ForbiceBuon Compleanno Mr.GrapeEd WoodDon Juan De Marco maestro d’amoreDonnie BrascoIl Mistero di Sleepy HollowLa Maledizione della Prima LunaNeverland – Un sogno per la vitaLa fabbrica di cioccolatoLa Sposa CadavereSweeney ToddNemico Pubblico.

Oggi parleremo di una delle ultime pellicole di Depp, che è il secondo più grande successo della sua ventennale carriera: Alice in Wonderland.

Alice In Wonderland Poster Italia 05

Si tratta dell’ennesima collaborazione tra Depp e il regista Tim Burton, anche se non si tratterà dell’ultima visto che gireranno insieme anche il prossimo Dark Shadows.

Il cast del fantasy è composto da Mia Wasikowska (Alice), Anne Hathaway (La Regina Bianca),Helena Bonham Carter (La Regina Rossa), Crispin Glover (Fante di Cuori) e con le voci di Alan RickmanStephen FryMichael SheenChristopher LeeTimothy Spall.

Che ruolo poteva interpretare il nostro attore preferito se non quello dell’eccentrico Cappellaio Matto?

A partire dalla prima pubblicazione del poster con l’attore nei panni del cappellaio i fan sono letteralmente impazziti: praticamente il ruolo della sua vita!

Alice in Wonderland Il Cappellaio Matto Character Poster Italia

La storia la conosciamo tutti visto che il romanzo di Lewis Carroll è uno dei più noti di sempre, ma in questo caso ha ricevuto un particolare adattamento da parte della sceneggiatrice Linda Woolverton

Alice è cresciuta e ormai ha 19 anni. Ha solo dei vaghi ricordi di quanto accaduto 13 anni prima nel magico Paese delle Meraviglie.

Dopo la morte del padre alla ragazza viene imposto di accettare il fidanzamento del noioso Lord Ascot. Ma proprio durante la sua festa Alice scappa nel bosco attorno alla villa e cade in una buca molto profonda…

Uscita indenne si ritroverà in una stanza che fa da tramite tra i due mondi e si ritroverà per la seconda volta in un mondo fantastico, pieno di creature straordinarie e di personaggi a dir poco “particolari” come appunto il Cappellaio Matto, lo Stregatto e i gemelli Pincopanco e Pancopinco.

Ma avrà poco tempo per divertirsi: la malvagia Regina Rossa ha preso il controllo del regno e Alice aiuterà la Regina Bianca a riprenderselo per fare regnare la pace e la serenità.

Tim Burton alle prese con una favola ambigua come quella di Alice nel Paese delle Meraviglia è come immaginare un bambino in un negozio dei suoi dolci preferiti.

Ha prodotto una versione particolare e originale della favola che ha messo d’accordo quasi tutti, anche se molti si aspettavano toni ben più dark a cui Burton ci aveva abituato negli anni precedenti (d’altronde ha ottenuto il rating PG negli USA).

Di grande richiamo per il successo di Alice in Wonderland è stato Johnny Depp e il suo stravagante Cappellaio Matto. Nonostante nel cartoon della Disney, che abbiamo visto tutti almeno una volta nella vita, il personaggio avesse i capelli bianchi ci si è chiesti perché Burton avesse scelto di proporlo con degli assurdi capelli arancioni.

La spiegazione data è piuttosto razionale: la figura professionale del fabbricante di cappelli nell’Inghilterra del 19esimo secolo era decisamente a rischio, visto che utilizzavano il tossico mercurio per la lavorazione del feltro.

L’intossicazione dovuta al contatto col metalli portava a stati allucinatori e a pazzia (Carroll non si inventò niente, ma ripropose una figura tipica della sua epoca) e visto che provavano i cappelli che producevano il colore dei loro capelli mutava spesso verso il colore arancio. Interessante vero?

Johnny Depp, il suo Cappellaio e la Deliranza (il ballo della vittoria) hanno portato Alice in Wonderland a superare il miliardo di dollari incassati nei cinema di tutto il mondo, uno dei più grandi successi di sempre.

Inoltre all’ultima edizione degli Oscar il film ha vinto ben 2 premi per le migliori scenografie e per i costumi, incredibili e curatissimi.

E il nostro viaggio attraverso la carriera di Johhny Depp si conclude qui: quindi domani tutti in sala a vedere Rango!

Vi siete persi il film di Tim Burton e volete vederlo anche voi? Lo trovate in Dvd su Amazon.it, ecco il link: Alice In Wonderland (Dvd)

SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

The Amusement Park: il trailer del film perduto di George Romero 9 Maggio 2021 - 10:00

Un'allegoria dell'invecchiamento definita dalla vedova del regista "il film più terrificante" da lui mai diretto

Dragon Ball Super: Un nuovo film nel 2022, il commento di Toriyama 9 Maggio 2021 - 9:46

Il nuovo film di Dragon Ball Super, annunciato nel 2019, arriverà nelle sale giapponesi nel 2022. Il messaggio di Akira Toriyama, ancora una volta coinvolto nella realizzazione del film

Box Office Italia: Nomadland sempre primo nel secondo sabato delle riaperture 9 Maggio 2021 - 9:39

Nomadland, il lungometraggio Searchlight Pictures vincitore di tre Premi Oscar come Miglior film, rimane in testa nel secondo sabato delle riaperture.

Star Wars: The Bad Batch, la recensione del secondo episodio 7 Maggio 2021 - 14:43

Le avventure della Clone Force 99 di The Bad Batch proseguono, tra facce conosciute e (ovviamente) sparatorie.

Perché Godzilla non è figlio di una bomba atomica (e tanto meno delle atomiche della Seconda Guerra Mondiale) 5 Maggio 2021 - 14:37

Il primo Godzilla di Ishiro Honda, nel '54, e la paura del nucleare venuta dal mare (e nata due milioni di anni prima).

STAR WARS: THE BAD BATCH – EPISODIO 1 | RECENSIONE 4 Maggio 2021 - 9:01

Debutta oggi su Disney+ Star Wars: The Bad Batch, il sequel/spin-off di The Clone Wars. Le nostre impressioni sul primo episodio.