L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Prima di Hop Chris Meledandri faceva rabbrividire dalle risate!

Di Filippo Magnifico

Proseguiamo il percorso che ci guiderà verso HOP il nuovo lungometraggio targato Universal Pictures/Illumination Entertainment, che uscirà nelle sale il prossimo aprile 2011. Si tratta di un doppio viaggio, diviso tra le pagine di ScreenWEEK.it, all’interno del quale ci occuperemo di alcuni lungometraggi prodotti da Chris Meledandri (fondatore della Illumination Entertainment), e quelle di Kids, dove dedicheremo dei post ad alcuni titoli realizzati con l’uso della tecnica mista, quella che per intenderci fonde live action e animazione. Il film di cui parliamo oggi non ha certo bisogno di presentazioni, dato che si tratta di un vero e proprio cult per grandi e piccini: L’era glaciale.

Era Glaciale 08

Diretto nel 2002 da Chris Wedge e Carlos Saldanha, questo film – candidato all’Oscar come miglior film d’animazione nel 2003 – racconta la storia di alcuni animali, che durante la prima glaciazione decidono di unirsi per portare a termine una missione estremamente delicata: salvare la vita di un piccolo bambino eschimese che si è smarrito tra i ghiacci.

A questo punto è proprio il caso di dire che “il resto è leggenda”. L’era glaciale è infatti stato un grandissimo successo di pubblico e di critica, che ha dato luogo a ben tre sequel, tra cui uno di prossima uscita (L’era glaciale 2: Il disgelo, L’era glaciale 3: L’alba dei dinosauri e L’era glaciale 4: Deriva dei continenti), consacrando alcuni personaggi che sono diventati dei veri e propri beniamini dei più piccoli: il mammouth Manny, il bradipo Sid, la tigre dai denti a sciabola Diego e il simpaticissimo Scrat, animaletto immaginario con una vera e propria ossessione per le ghiande. Qui sotto trovate il trailer USA del film:

Vi ricordiamo inoltre che su Amazon.it è possibile acquistare l’edizione home video del film e molto altro materiale riguardante il mondo de L’era glaciale.

Combinando la più sofisticata animazione con live action, Hop racconta la storia divertente di Fred (James Mardsen), un pigro disoccupato che accidentalmente ferisce il Coniglio di Pasqua (doppiato da Russell Brand) e si trova costretto ad accoglierlo durante la sua convalescenza. Mentre Fred fatica con il peggior ospite del mondo, entrambi impareranno finalmente di dover crescere. Il film è firmato da Tim Hill (Alvin Superstar) e prodotto dalla Illumination Entertainment di Chris Meledandri. L’uscita è prevista per l’1 Aprile 2011.


SEGUICI SU TWITCH!

ASCOLTA I NOSTRI PODCAST!

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale YouTube ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Ant-Man and the Wasp: Quantumania – Jeff Loveness condivide una simpatica foto dal set 1 Agosto 2021 - 15:00

Jeff Loveness ci mostra "la bellezza del cinema" in una foto dal set di Ant-Man and the Wasp: Quantumania, le cui riprese sono iniziate da poco.

Pam & Tommy – Riprese finite, nuove foto dal set con Lily James 1 Agosto 2021 - 14:00

Lily James ha pubblicato alcune foto dal set di Pam & Tommy per celebrare la fine delle riprese. La serie racconterà la storia del sex tape di Pamela Anderson e Tommy Lee.

Tranquilli, il Flash Gordon di Taika Waititi si farà, ma sarà live action! 1 Agosto 2021 - 13:00

Il progetto avrebbe dovuto essere animato, ma il regista di Thor: Ragnarok ha cambiato idea

Turner e il casinaro contro Fonzie 23 Luglio 2021 - 15:39

Quella volta che Henry Winkler preferì il casinaro, cioè il cane, a Tom Hanks...

Masters of the Universe: Revelation, la recensione 23 Luglio 2021 - 9:14

I Masters of the Universe, i Dominatori dell'Universo, sono tornati. Con una nuova serie animata destinata a spaccare in due la fanbase.

Trainspotting: il film di Danny Boyle, 25 anni dopo 20 Luglio 2021 - 9:27

Cosa ci resta dell'esplosiva black comedy di Danny Boyle, un quarto di secolo dopo.