L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 
L'annuncio si chiuderà tra pochi secondi
CHIUDI 

Non lasciarmi, la recensione in anteprima

Di Filippo Magnifico

Non lasciarmi Locandina ItaliaRegia: Mark Romanek
Cast: Keira Knightley, Andrew Garfield, Carey Mulligan, Charlotte Rampling, Sally Hawkins, Andrea Riseborough, Nathalie Richard
Durata: 1h 43m
Anno: 2010

Kathy (Carey Mulligan), Tommy (Andrew Garfield) e Ruth (Keira Knightley) hanno trascorso la loro giovinezza nel collegio inglese di Hailsham, un luogo apparentemente paradisiaco, ma che nasconde un orribile segreto, che riguarda proprio il futuro del suoi giovani ospiti. Tutti i bambini cresciuti all’interno di questa struttura sono infatti dei cloni, il cui unico scopo nella società è quello di diventare donatori di organi. Coscienti della loro situazione Kathy, Tommy e Ruth decidono comunque di trascorrere i loro giorni nella maniera più spensierata, cedendo alle più comuni pulsioni giovanili e cercando di ritardare il più possibile il loro destino. O perlomeno di non pensarci.

Tratto dall’omonimo libro dello scrittore nippo-britannico Kazuo Ishiguro, considerato dal Time il migliore romanzo del 2005, Non lasciarmi è quello che si potrebbe definire un dramma fantascientifico, che per certi versi potrebbe ricordare nella storia The Island, ma che, a differenza del film diretto da Michael Bay, presenta una maggiore delicatezza. Questo perché, pur posando le sue fondamenta su una tematica decisamente lontana dalla nostra realtà (più o meno), cerca di focalizzarsi principalmente sull’interiorità e su tutti quei sentimenti che una questione delicata come la clonazione umana è in grado di suscitare. A dispetto di quello che si potrebbe pensare, dunque, l’opera diretta da Mark Romanek – che per il momento ha solo una manciata di lungometraggi alle spalle e una lunga esperienza nel campo del videoclip – non si rivela solo come una fredda analisi di “ciò che potrebbe essere”. Non lasciarmi è principalmente una storia di crescita, che pone al suo centro tre “anime” e che, sfruttando l’empatia che una trama del genere è in grado di creare, riesce ad affrontare argomenti come il senso della vita (in questo caso reso ancora più oscuro dalle circostanze), l’amicizia o più in generale quelle pulsioni che ci legano l’un l’altro, senza risultare troppo didascalico o viceversa patetico.

Il risultato è una pellicola caratterizzata da una forte sensibilità e pervasa da un profondo senso di rassegnazione, in grado in alcuni casi perfino di turbare. Merito ovviamente di un cast in piena forma, composto da una serie di volti più o meno nuovi, tra cui spicca Andrew Garfield (futuro Spider-Man, visto recentemente in The Social Network), praticamente perfetto nell’esprimere la sua fragilità e nell’alternare i più contrastanti stati emotivi.

Difficile capire quanto successo riuscirà ad avere questo titolo, vista la scarsa pubblicità che gli è stata dedicata. In ogni caso, se dovesse capitare dalle vostre parti, il consiglio è di non lasciarvelo sfuggire.

Vi invitiamo a scaricare la nostra APP gratuita di ScreenWeek Blog (per iOS e Android) per non perdervi tutte le news sul mondo del cinema, senza dimenticarvi di seguire il nostro canale ScreenWeek TV. ScreenWEEK è anche su Facebook, Twitter e Instagram.

LEGGI ANCHE

Garret Dillahunt e Scoot McNairy in Blonde, film su Marilyn Monroe 20 Settembre 2019 - 0:14

Alla regia Andrew Dominik, alla produzione Brad Pitt.

Mayim Bialik e Jim Parsons ancora insieme per la sitcom Carla 19 Settembre 2019 - 23:53

Si tratta del remake americano dello show britannico Miranda.

Joaquin Phoenix sarà protagonista del prossimo film di Mike Mills 19 Settembre 2019 - 23:42

Le riprese inizieranno il prossimo autunno.

La storia di Waterworld (FantaDoc) 19 Settembre 2019 - 16:08

L'annacquata storia di Waterworld, il buco nell'acqua di Costner. Ma sarà poi vero?

THE DOC(MANHATTAN) IS IN – Batman, il telefilm 18 Settembre 2019 - 15:47

Nanananananananana...

7 cose che forse non sapevate sulla Famiglia Mezil 17 Settembre 2019 - 16:32

Lo storico cartoon della Famiglia Mezil, che veniva da oltre cortina e... ha ispirato i Simpson?!?