Condividi su

08 marzo 2011 • 17:27 • Scritto da Leotruman

Niente da fare per Guillermo del Toro e Alle Montagne della Follia!!

Niente da fare per Alle Montagne della Follia. Dopo il valzer delle ultime 24 ore con smentite e conferme, ecco l'annuncio ufficiale della sospensione del progetto. Ma secondo voi Guillermo DelToro e James Cameron cederanno?
Post Image
1

Nel giro di 24 ore abbiamo ricevuto una serie di notizie contrastanti che portano purtroppo ad una brutta fine della storia. A volte capita nel frenetico mondo di Hollywood che produzioni vengano annunciate e smentite a breve, ma raramente accade per progetti di questa portata e importanza.

Ieri in serata vi avevamo annunciato che Tom Cruise era stato scritturato come protagonista di Alle Montagne della Follia, l’adattamento cinematografico del romanzo di H.P. Lovecraft. che il regista Guillermo del Toro ha nel cassetto da diversi anni (qui il post) e che aveva intenzione di girare a giugno 2011, con la produzione di James Cameron.

Questa mattina è arrivata una parziale smentita, in cui si riportava che Del Toro per problemi di produzione (dovuti al costo e al rating del film) avrebbe optato per dirigere prima per un altro horror, Pacific Rim, ma il progetto delle montagne della follia sembrava rimandato di poco (qui il post)


Purtroppo dobbiamo mettere la parola fine a questa storia visto che ben due siti diversi annunciano la sospensione a tempo indefinito del progetto de Alle Montagne della Follia, se non addirittura il suo annullamento definitivo.

Partiamo dalla fonte più attendibile, il sito CriterionCast. In seguito alle diatribe delle ultime ore Ryan Gallagher aveva deciso di mandare una mail direttamente a Del Toro in cui chiedeva se le riprese del film sarebbero partite a giugno e se il progetto aveva ricevuto via libera dallo studio.

Laconica la mail di risposta del regista:

“The opposite-  Dead. – G” che tradotto:Al contrario, è morto. G (Guillermo)”

Poche parole che pesano come macigni, visto l’attaccamento del regista al progetto (ce l’ha in mente e ci lavora da ben 15 anni) e l’entusiasmo dei numerosi fan che vedevano DelToro come l’unico possibile per dirigere un film come questo.

La notizia viene confermata anche dal sito Comingsoon.net, che tramite un update riferisce di aver saputo che il prossimo film di Guillermo del Toro sarà certamente Pacific Rim, mentre Alle Montagne della Follia non è più nemmeno un progetto della Universal Pictures.

Pacific Rim è basato su uno script di 25 pagine di DelToro, che poi è stato sceneggiato da Travis Beachmam. Anche questo film parla di mostri, in particolare è una storia in cui l’umanità intera si trova a difendersi dall’attacco di creature terribili. Verrà prodotto dalla Legendary Pictures ed in questo caso si punta ad un rating PG-13.

Ed è probabilmente il rating la pietra dello scandalo che ha fatto rompere l’accordo tra il regista e la Universal, visto che reputava Alle Montagne della Follia un investimento troppo consistente e rischioso per puntare al visto R (i minori devono essere accompagnati), e per questo si è ritirata dal progetto.

Ma secondo voi Guillermo del Toro alle prese con il progetto della sua vita (e in seguito alle sfighe che lo accompagnano dall’abbandono de Lo Hobbit) e il produttore James Cameron, noto per non farsi mettere i piedi in faccia da nessuno, rinunceranno effettivamente al film?

Credo proprio di no, e ne sentiremo parlare nuovamente nelle prossime settimane potete contarci, quando probabilmente uno studio rivale si mostrerà interessato al progetto.

Fonti: criterioncast, comingsoon

Condividi su

Un commento a “Niente da fare per Guillermo del Toro e Alle Montagne della Follia!!

  1. Concordo con te. Il progetto è troppo importante per naufragare senza nemmeno provarci. Il potenziale per il successo c’è. Credo che si avvierà una fase di negoziati e trattative con una pluralità di studios e finanziatori … I nomi di Cameron, Del Toro e se danno una mano, anche di Cruise e Peter Jackson, contano parecchio …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *